Domenicali: "Ducati punta sulla leggerezza per la sua MotoE"

La Coppa del Mondo elettrica avrà una grande svolta nel 2023, quando entrerà in scena la Ducati. Oggi a Misano, il CEO Claudio Domenicali ha iniziato ad illustrare un progetto che vuole essere innovativo e che si baserà sul concetto di leggerezza.

Domenicali: "Ducati punta sulla leggerezza per la sua MotoE"

Nel primo pomeriggio di oggi vi avevamo anticipato che sarà la Ducati a prendere il posto di Energica come fornitore unico della MotoE a partire dal 2023. Un accordo fino al 2026 che è stato confermato poco più tardi a Misano, alla presenza del CEO della Rossa, Claudio Domenicali, e di quello di Dorna Sports, Carmelo Ezpeleta.

Proprio l'uomo al vertice della Casa di Borgo Panigale ha tracciato la rotta di quello che sarà il nuovo capitolo della Coppa del Mondo elettrica, spiegando che il credo sarà lo stesso che ha caratterizzato il lavoro di Ducati in MotoGP, ovvero l'innnovazione.

"Continueremo a fare quello che abbiamo sempre fatto, ma in un modo nuovo. Non c'è niente di meglio delle corse per fare esperienza e test. Come in MotoGP, dove il nostro motore è uno dei migliori, così vogliamo che sia anche in MotoE. In questa categoria il problema principale è il peso, quindi vogliamo fare una moto il più leggera possibile", ha detto Domenicali.

Il lavoro sulla nuova moto elettrica sarà fatto all'interno del reparto corse, ma avvalendosi anche della produzione e del know-how dei brand a quattro ruote del gruppo Volkswagen, di cui Ducati ormai fa parte da diversi anni.

"Il nostro reparto corse è già abbastanza costoso, quindi lo aumenteremo di poche unità. Abbiamo scelto di correre per sviluppare una nuova tecnologia, quindi faremo una vera moto da corsa, ma coinvolgendo anche il reparto produzione. Anche l'aiuto del nostro gruppo sarà importante: Porsche, per esempio, sta sviluppando una propria tecnologia per le batterie, quindi abbiamo molta esperienza da cui attingere e lo faremo".

Claudio Domenicali, CEO Ducati Motor Holding

Claudio Domenicali, CEO Ducati Motor Holding

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

Per i primi test in pista bisognerà ancora aspettare, anche perché il progetto è ancora in una fase che potremmo quasi definire embrionale.

"Abbiamo raggiunto l'accordo con Dorna da poco, quindi abbiamo appena iniziato a lavorare sul progetto e ci vorrà un po' per vedere la moto in pista. Nel 2022 inizieremo lo sviluppo in circuito, in maniera da raggiungere gli standard di sicurezza e di prestazioni richiesti, provando anche a sfruttare le conoscenze che abbiamo acquisito in MotoGP".

Questa scelta poi segnerà una svolta epocale anche per quanto riguarda le Ducati stradali, perché aprirà la strada al primo modello elettrico della gamma, anche se ci vorrà il suo tempo.

"Stiamo definendo la moto da corsa, ma il nostro piano è di farne anche una versione stradale, anche se non abbiamo ancora una data. Non credo che succederà prima del 2025, ma sarà entro il 2030, quando la tecnologia sarà pronta. Il miglioramento delle batterie non è un processo veloce, ma ci stanno lavorando in tanti. Al momento resta difficile dire quando i motori elettrici potranno rimpiazzare quelli a combustione".

condivisioni
commenti
Clamoroso: Ducati diventerà il fornitore della MotoE nel 2023!
Articolo precedente

Clamoroso: Ducati diventerà il fornitore della MotoE nel 2023!

Prossimo Articolo

Ducati in MotoE: un azzardo che può diventare la svolta dell'elettrico

Ducati in MotoE: un azzardo che può diventare la svolta dell'elettrico
Carica commenti