Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia
Gara
FIA F3 Spielberg

F3 | Austria: Browning vince la Feature Race e torna al comando

Luke Browning è uno dei grandi protagonisti del fine settimana austriaco dato che, oltre alla vittoria nella Feature Race della domenica, ha riconquistato anche la testa della classifica del campionato davanti a Gabriele Minì, autore di un bel podio nella gara della domenica. Il successo nella Sprint Race è andato invece a Nikola Tsolov.

Luke Browning

È un weekend che sorride a Luke Browning quello austriaco della Formula 3. Il pilota britannico, infatti, non solo ha vinto la Feature Race della domenica, ma ha anche riconquistato la testa della classifica, portando il suo vantaggio su Gabriele Minì a 11 punti.

L'italiano, dopo il doppio zero in Spagna, si è subito ripreso, centrando punti in entrambe le gare, tra cui un bel podio nella corsa della domenica. Alle loro spalle è stato un weekend con pochi punti per il precedente leader del campionato, Fornaroli, che ha chiuso con un nono posto la gara della domenica.

A vincere la sprint race del sabato, invece, è stato Nikola Tsolov, che ha sfruttato al meglio la griglia invertita per centrare il suo secondo successo nel corso di questa stagione.

Nikola Tsolov (BGR, ART Grand Prix)  Laurens van Hoepen (NLD, ART Grand Prix)

Nikola Tsolov (BGR, ART Grand Prix) Laurens van Hoepen (NLD, ART Grand Prix)

Foto di: Mark Sutton

Sprint Race: Tsolov sfrutta la griglia invertita

La Sprint Race ha visto il successo di Nikola Tsolov (ART), che aggiunto la vittoria nella gara breve del sabato in terra austriaca al suo precedente trionfo a Monaco, anche in questo caso sfruttando la griglia invertita.

Partito dalla pole, Stenshorne ha ceduto immediatamente il comando a Mansell grazia una partenza non proprio ideale. Dopo aver tentato di riguadagnare la posizione in curva 4, tuttavia, le cose sono peggiorate quando la seconda ART di Tsolov è passata all'esterno di quel tratto, relegando il norvegese in terza posizione.

Prima che il giro d'apertura si concludesse, però, è stata chiamata in causa la Safety Car che ha subito ricompattato il gruppo: i commissari sono scesi in pista per recuperare la vettura MP Motorsport di Kacper Sztuka, costretto al ritiro dopo un incidente che ha coinvolto Charlie Wurz (Jenzer) e Joseph Loake (Rodin).

L'interruzione ha dato anche la possibilità a Dino Beganovic, uno degli aspiranti al titolo, di rientrare in fondo al gruppo dopo un testacoda in curva 1, che in quel momento lo aveva fatto retrocedere dall’ottava posizioni iniziale. Dalla ripartenza, il gruppo è rimasto spesso compatto formando un lungo trenino DRS, per cui diventa difficile sorpassare dato che la maggior parte dei piloti si fornisce l’ala mobile e la scia a vicenda.

Davanti, però, non sono mancati i duelli, con Mansell e Tsolov che hanno battagliato per la testa della corsa con sorpassi e controsorpassi soprattutto in curva 3 e 4, i classici punti in cui è possibile tentare l’attacco al Red Bull Ring. Negli istanti successivi ad approfittarne è stato anche Stenshorne, il quale ha trovato l’affondo su Mansell per guadagnare il secondo gradino del podio.

Tuttavia, la gara è stata interrotta dalla safety car per la seconda volta dopo che Sebastian Montoya è andato a muro con un impatto violento contro il muro prima della staccata di curva 4 in un duello con Alex Dunne: la sua Campos è poi tornata in mezzo alla pista, fortunatamente senza gravi conseguenze.

Con un solo giro di shootout ancora da affrontare, Tsolov ha condotto il gruppo sul traguardo con le prime posizioni invariate: sul podio sono infatti saliti Martinius Stenshorne e Christian Mansell, seguiti proprio da Alex Dunne, Laurens Van Hoepen, Gabriele Minì, Oliver Goethe, Tim Tramnitz, Noel Leon e Sami Meguetounif a concludere la zona punti.

Luke Browning, Hitech Pulse-Eight

Luke Browning, Hitech Pulse-Eight

Foto di: Mark Sutton

Feature Race: Browning torna alla vittoria

Luke Browning ha ottenuto la sua seconda vittoria stagionale in Formula 3 e si è riportato in testa alla classifica con il successo nella gara austriaca.

Dopo una buona partenza, Browning ha preso il largo, mentre il terzo classificato, Tim Tramnitz, è stato suo malgrado autore di una partenza al rilento, venendo sopravanzato da diverse vetture. Questo ha permesso al trio Prema composto da Arvid Lindblad, Gabriele Mini e Dino Beganovic di posizionarsi in coda a Browning, anche se il britannico non è poi riuscito a vedere il traguardo a causa di un contatto con Alex Dunne della MP Motorsport nel corso dell’ottavo giro che lo ha costretto al ritiro. Per la sua manovra, Dunne ha ricevuto una penalità.

Ma è negli ultimi giri che una gara già emozionante ha raggiunto il culmine, con la battaglia per il secondo posto al centro della scena. Alla fine del 21° giro, Beganovic ha dimostrato quanto dovesse spingere per tenere il passo di Browning, perdendo il posteriore: un episodio che ha permesso al leader della corsa di avere qualche decimo di margine in più per la fine della gara.

A tre giri dalla bandiera a scacchi, la battaglia si è intensificata con Mini che ha tentato un sorpasso proprio su Beganovic, con una battaglia che è poi proseguita anche nelle tornate successive, fino al penultimo passaggio. In quel frangente, infatti, Minì è riuscito ad attaccare Beganovic, completando il sorpasso tra curva 4 e curva 6. Ma tutto è cambiato di nuovo nel corso dell’ultimo giro, quando sfruttando il DRS, lo svedese della FDA ha riguadagnato la seconda posizione in curva 3: ciò ha aperto un altro duello, che è però volto a favore dell’italiano, che ha risposto andando all’esterno di curva 4 per poi completare il controsorpasso con una bellissima manovra all’interno di curva 6.

Tutte queste battaglie tardive hanno permesso a Browning di aumentare il vantaggio e di vincere con un delta di 1,6 secondi, tornando sul gradino più alto del podio. Dopo una gara agguerrita, Mini e Beganovic hanno completato il podio, con Mansell al quarto posto dopo aver completato una bella rimonta dalla sesta fila. L'italiano ora è secondo in campionato, a 11 lunghezze dal britannico.

Leggi anche:

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente F3 | Successi per Boya e Lindblad. Opportunità persa per Trident
Prossimo Articolo F3 | Doppio Lindblad a Silverstone, Minì torna in cima alla classifica

Top Comments

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia