WTCR: Ehrlacher guida la tripletta Lynk & Co in Gara 2 a Zolder

condivisioni
commenti
WTCR: Ehrlacher guida la tripletta Lynk & Co in Gara 2 a Zolder
Di:

Berthon sbaglia partendo in anticipo e regala così il primato al francese, che precede Muller ed Urrutia, bravi a scavalcare nel finale Magnus. Girolami in Top5, Coronel sesto con Vernay che porta l'Alfa settima. Hyundai a punti con fatica, bene Azcona.

Yann Ehrlacher vince Gara 2 del FIA WTCR a Zolder, dove è andata in scena la tripletta tutta di marca Lynk & Co in un altro round che non ha escluso colpi di scena.

I primi due sono arrivati già dopo il via, dato che il poleman Nathanaël Berthon ha rovinato tutto partendo in anticipo con la sua Audi RS 3 LMS; il pilota della Comtoyou Racing-DHL, che aveva tenuto la testa alla prima curva, è stato giustamente punito con un Drive Through, scontato al giro 6.

A centro gruppo, contatto alla chicane "Kleine" tra Attila Tassi e Thed Björk; l'ungherese ha perso terreno centrando il pilone di gomme posto a delimitare la pista, ma chi ha avuto la peggio è stato il rivale della Cyan Performance, dato che la Lynk & Co 03 si è agganciata alla Honda Civic Type R del ragazzo della ALL-INKL.DE Münnich Motorsport impennandosi su un lato e atterrando con lo sterzo rotto.

Safety Car in pista a raggruppare tutti, con Berthon che alla ripartenza si è fatto da parte per scontare la penalità lasciando il primato ad Ehrlacher, seguito dall'Audi di Gilles Magnus e dal compagno di squadra Yvan Muller, con Santiago Urrutia al volante della quarta 03 in agguato.

Con un ottimo spunto al via, il vincitore di Gara 1 - Néstor Girolami - si è invece issato in Top5 con la Honda della ALL-INKL.COM Münnich Motorsport, mettendosi alle spalle l'Audi di Tom Coronel (Comtoyou Racing) e l'Alfa Romeo Giulietta Veloce di Jean-Karl Vernay (Team Mulsanne-Romeo Ferraris).

Una volta presa la testa della corsa, Ehrlacher non ha sbagliato nulla, mentre dietro di lui prima Muller e poi Urrutia hanno beffato Magnus proprio nelle tornate finali.

Non sono cambiate le restanti posizioni della Top10, con Girolami, Coronel e Vernay a precedere le Hyundai di Norbert Michelisz (BRC Hyundai N LUKOIL Squadra Corse), Nicky Catsburg e Luca Engstler (Engstler Hyundai N Liqui Moly Racing Team), in un altro round soffertissimo per le i30 N, gravate di un BoP che le mettono decisamente in ombra rispetto alle vetture avversarie.

Grandissimo balzo dall'ultima fila per un Mikel Azcona infuocato che regala l'undicesimo posto alla Zengo Motorsport, al volante della nuovissima Cupra Leon Competicion, precedendo la Renault Mégane R.S. della wildcard Dylan O’Keeffe (Vuković Motorsport) e la Honda di Esteban Guerrieri (ALL-INKL.COM Münnich Motorsport), partito dal fondo dopo aver sostituito il motore in seguito ai problemi di Gara 1.

Lotta serratissima invece per le rimanenti posizioni della zona punti che hanno visto il compagno di squadra di O'Keeffe, Jack Young, cercare di resistere agli assalti portatigli più volte da Gabriele Tarquini, Tiago Monteiro, Tassi e Berthon in rimonta.

Negli ultimi due passaggi sono state botte da orbi e alla fine è proprio Berthon a chiudere 14°, seguito dalle Honda della ALL-INKL.DE Münnich Motorsport condotte da Monteiro e Tassi, il quale però ha rifilato la tamponata al povero Young facendolo insabbiare e causando l'ingresso della Safety Car, che ha congelato tutto.

Ancora una volta va segnalato il bel recupero dal fondo del gruppo per Luca Filippi, che in versione-gara pare trovarsi decisamente bene con la seconda Alfa Romeo Giulietta Veloce del Team Mulsanne-Romeo Ferraris, portata a ridosso della Top15.

Cla   # Pilota Telaio Giri Tempo Gap Distacco km/h Ritirato Punti
1   68 France Yann Ehrlacher Lynk & Co 18 33'47.255     148.4   25
2   100 France Yvan Muller Lynk & Co 18 33'48.125 0.870 0.870 147.7   20
3   12 Uruguay Santiago Urrutia Lynk & Co 18 33'48.631 1.376 0.506 148.0   16
4   16 Belgium Gilles Magnus Audi 18 33'49.195 1.940 0.564 147.9   13
5   29 Argentina Néstor Girolami Honda 18 33'49.872 2.617 0.677 147.6   11
6   31 Netherlands Tom Coronel Audi 18 33'52.949 5.694 3.077 147.9   10
7   69 France Jean-Karl Vernay Alfa Romeo 18 33'54.650 7.395 1.701 147.6   9
8   1 Hungary Norbert Michelisz Hyundai 18 33'55.383 8.128 0.733 146.5   8
9   88 Netherlands Nick Catsburg Hyundai 18 33'55.933 8.678 0.550 146.4   7
10   8 Germany Luca Engstler Hyundai 18 33'56.970 9.715 1.037 146.3   6
11   96 Spain Mikel Azcona CUPRA 18 33'57.254 9.999 0.284 146.4   5
12   33 Dylan O'Keeffe Renault 18 33'57.428 10.173 0.174 146.8   4
13   86 Argentina Esteban Guerrieri Honda 18 33'58.430 11.175 1.002 146.5   3
14   17 France Nathanaël Berthon Audi 18 34'02.236 14.981 3.806 148.8   2
15   18 Portugal Tiago Monteiro Honda 18 34'02.943 15.688 0.707 146.2   1
16   9 Hungary Attila Tassi Honda 18 34'05.273 18.018 2.330 147.4    
17   30 Italy Gabriele Tarquini Hyundai 18 34'05.609 18.354 0.336 146.1    
18   25 Italy Luca Filippi Alfa Romeo 18 34'08.106 20.851 2.497 145.5    
19   55 Bence Boldizs CUPRA 18 34'08.615 21.360 0.509 145.6    
20   99 Gabor Kismarty-Lechner CUPRA 18 34'08.868 21.613 0.253 144.2    
  dnf 7 Jack Young Renault 15 27'52.523 3 Laps 3 Laps 146.4 Ritirato  
  dnf 11 Sweden Thed Björk Lynk & Co 0         Ritirato  
WTCR: Girolami vince Gara 1 in un round agrodolce per Honda

Articolo precedente

WTCR: Girolami vince Gara 1 in un round agrodolce per Honda

Prossimo Articolo

Tarquini: "Imbarazzante essere così lenti, BoP da cambiare!"

Tarquini: "Imbarazzante essere così lenti, BoP da cambiare!"
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie TCR , WTCR
Evento Zolder
Location Zolder
Piloti Yvan Muller , Santiago Urrutia , Yann Ehrlacher
Team Cyan Racing , Geely Group Motorsport
Autore Francesco Corghi