WTCR: nel 2021 ritorno in Asia, ma l'Italia non c'è più

Il calendario della prossima stagione prevede 8 eventi da due gare ciascuno, ma non ci sarà più il nostro paese nella lista, preferendo il ritorno di Vila Real e spostandosi poi in Cina, Corea del Sud e a Macao per il gran finale.

WTCR: nel 2021 ritorno in Asia, ma l'Italia non c'è più

La stagione 2021 del FIA WTCR ritorna ad avere un calendario più tradizionale con una tripla trasferta in Asia, dopo che la pandemia di Coronavirus ha caratterizzato il 2020.

Il promoter Eurosport Events e la FIA ci tenevano a riavere una serie di impronta Mondiale, al termine di un 2020 corso solamente in Europa per ovvi motivi. Chiaramente in Cina, Corea del Sud e Macao si potrà andare in base alla situazione legata alle restrizioni.

L'elenco è di 8 eventi, tornando al format di 2 gare per weekend, ma fra questi purtroppo non c'è più l'Italia. Gli organizzatori non hanno fatto mistero di essere rimasti "scottati" dall'impossibilità di andare ad Adria (ancora indietro coi lavori di ammodernamento della pista, rallentati anche dalla pandemia), per cui ancora una volta hanno voltato le spalle al Bel Paese, nonostante la presenza di team, piloti e marchi tricolore.

Il 2021 parte dall'Hungaroring a metà maggio e proseguirà con i round di Slovakia Ring, Nürburgring Nordschleife, Vila Real (un ritorno) e MotorLand Aragón, dove questo weekend si deciderà il campionato.

Avendo fissato l'inizio a maggio, la speranza è che le restrizioni locali siano più permissime e che si possa avere pubblico sugli spalti. Hungaroring e Slovakia Ring si svolgeranno uno di seguito all'altro per risparmiare a livello logistico, sfruttando la vicinanza dei due paesi.

La prima tappa asiatica si terrà all'Inje Speedium ad ottobre, per poi spostarsi in Cina (previa accordo fra i promoter) e a Macao per il gran finale di novembre.

"Eurosport Events e FIA hanno fatto un grandissimo lavoro assieme in un momento senza precedenti per dare a tutti una stagione 2020 che assicurasse continuità alla serie e alle squadre - François Ribeiro, Capo di Eurosport Events (promoter del WTCR) - Anche il 2021 rappresenta una sfida a livello di contenimento dei costi e le decisioni prese sono per dare a tutti modo di proseguire l'avventura nel WTCR, campionato di impegno mondiale che richieda un budget accessibile per i team".

Calendario 2021 del WTCR − FIA World Touring Car Cup

WTCR Race of Hungary, Hungaroring: 14-16 maggio
WTCR Race of Slovakia, Slovakia Ring: 21-23 maggio
WTCR Race of Germany, Nürburgring Nordschleife: 3-5 giugno
WTCR Race of Portugal, Vila Real: 25-27 giugno
WTCR Race of Spain, MotorLand Aragón: 9-11 luglio
WTCR Race of South Korea, Inje Speedium: 8-10* ottobre
WTCR Race of China, TBC: 5-7 novembre
WTCR Race of Macau, Circuito da Guia: 19-21 novembre

*Soggetto ad accordo col promoter

condivisioni
commenti
WTCR: ad Aragón torna in azione Filippi con l'Alfa Romeo

Articolo precedente

WTCR: ad Aragón torna in azione Filippi con l'Alfa Romeo

Prossimo Articolo

WTCR: tre Pole Lynk & Co ad Aragón con Urrutia sugli scudi

WTCR: tre Pole Lynk & Co ad Aragón con Urrutia sugli scudi
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie TCR , WTCR
Autore Francesco Corghi