Vernay sbotta: "Io prima Audi? A 2" dai migliori, così il BoP è inaccettabile!"

Il transalpino è stato l'unico a piazzare una RS 3 LMS TCR in Top10 in Ungheria, dove è apparsa evidente la difficoltà sua, di Shedden e di tutti gli altri armati di Audi di avere lo stesso passo dei più veloci.

Vernay sbotta: "Io prima Audi? A 2" dai migliori, così il BoP è inaccettabile!"
Gordon Shedden, Audi Sport Leopard Lukoil Team Audi RS 3 LMS
Jean-Karl Vernay, Audi Sport Leopard Lukoil Team Audi RS 3 LMS
Jean-Karl Vernay, Audi Sport Leopard Lukoil Team Audi RS 3 LMS
Gordon Shedden, Audi Sport Leopard Lukoil Team Audi RS 3 LMS
Jean-Karl Vernay, Audi Sport Leopard Lukoil Team Audi RS 3 LMS
Jean-Karl Vernay, Audi Sport Leopard Lukoil Team Audi RS 3 LMS, François Ribeiro, WTCR Eurosport
Gordon Shedden, Audi Sport Leopard Lukoil Team Audi RS 3 LMS
Jean-Karl Vernay, Audi Sport Leopard Lukoil Team Audi RS 3 LMS
Jean-Karl Vernay, Audi Sport Leopard Lukoil Team Audi RS 3 LMS
Carica lettore audio

Jean-Karl Vernay è stato l'unico pilota Audi a riuscire ad andare a punti nelle gare del WTCR – FIA World Touring Car Cup in Ungheria e questo non è andato giù per nulla al francese.

Il pilota dell'Audi Sport Leopard Lukoil Team ha sofferto terribilmente sull'Hungaroring, dove evidentemente la RS 3 LMS TCR non si trovava a suo agio.

“Sabato è stata molto difficile – ha dichiarato il Campione 2017 della TCR International Series – Non era la pista migliore per la nostra auto, ma siamo riusciti a fare bene in qualifica chiudendo undicesimi e rimontando fino all’ottavo posto. Ho preso dei punti e non è andata male, specialmente se vediamo come si sono piazzate le altre Audi. Sono contento delle mie prestazioni”.

Vernay però non si nasconde e lancia il primo missile stagionale in direzione dei tecnici FIA-TCR, che a suo modo di vedere hanno dato un BoP totalmente sfavorevole alla sua vettura.

"Domenica è stata altrettanto dura, ho provato a fare del mio meglio, ma ci siamo trovati troppo lontani, probabilmente 2" dal passo dei migliori. Così è troppo, totalmente inaccettabile. Ancora una volta sono stato la prima delle Audi facendo due belle gare, era il massimo che potessi fare, spero che vada meglio la prossima volta. Vorrei avere più chance di lottare".

Premesso che nemmeno lo scorso anno, quando la TCR International Series corse a Budapest, le Audi fecero bella figura, a sottolineare la difficoltà della vettura tedesca sono stati i risultati insufficienti del suo compagno di squadra Gordon Shedden, mai in grado di avvicinarsi alla zona punti.

"Torniamo a casa con diverse cose cui pensare e aree da migliorare - ha affermato lo scozzese - Per un motivo o per l'altro, questo non era il circuito adatto alle Audi, ma dobbiamo guardare al futuro con ottimismo, visto che fra due settimane si corre al Nordschleife, pista fantastica dove spero di fare bene. Bisogna sempre pensare positivo e credo che si possa crescere".

condivisioni
commenti

Il Principe Bernhard Van Oranje wildcard a Zandvoort con un'Audi

Fotogallery WTCR: un altro trionfo per Gabriele Tarquini a Budapest