Ribeiro: "Importante il WTCR in Italia, meno eventi nel 2021"

Il promoter della massima serie turismo spiega le difficoltà nello stilare il calendario 2020, che andando al risparmio sarà solo in Europa. Ma l'aspetto finanziario preoccupa anche per il prossimo anno.

Ribeiro: "Importante il WTCR in Italia, meno eventi nel 2021"

Il FIA WTCR nel 2020 correrà solamente in Europa e come gran finale di stagione ha scelto l'Adria International Raceway con tre round da disputare a metà novembre, come aveva anticipato Motorsport.com.

Il promoter Eurosport Events ha fatto di tutto pur di salvare il salvabile e il suo capo, François Ribeiro, ha spiegato che non è stato affatto semplice trovare il modo di mantenere un numero di gare elevato pur di rendere appetibile la massima serie turismo anche in un periodo complicato come quello dettato dalla pandemia di Coronavirus.

“La priorità è sempre stata correre il più alto numero di gare possibili per proteggere il nostro sport, il WTCR e chi ci lavora in un momento dove non è chiaro come questa pandemia evolverà e che decisioni i governi prenderanno. Andare fuori dall'Europa avrebbe creato parecchie incertezze”, spiega il manager francese, che quindi motiva la decisione di non affrontare la trasferta asiatica, rimandandola comunque al prossimo anno.

“Gli eventi in Asia erano il 40% del calendario originale e se avessimo proseguito così avremmo dovuto spedire i materiali a fine luglio. Ad oggi è semplicemente impossibile prevedere che restrizioni ci saranno e che rischi avremo di una seconda ondata di COVID-19, era fondamentale prenderlo in considerazione. La pandemia ha creato significativi problemi a livello di trasporti internazionali via terra, acqua e aerea, quindi non è ancora chiaro che tipi di servizi saranno in funzione, che restrizioni ci saranno e che regole sulla quarantena da osservare avremo in certi paesi per mesi. Inoltre correre lontano da casa è dispendioso e quindi abbiamo una responsabilità anche dal punto di vista economico. Teniamo alla sicurezza e alla salute di tutti i nostri partecipanti e della comunità, inclusa quella asiatica che avremmo dovuto visitare".

“Gli eventi asiatici del WTCR in Asia sono sempre stati importantissimi, ringraziamo Cina, Macao, Corea del Sud e Malesia, oltre ad Honda, Hyundai e Lynk & Co per il supporto e la comprensione. Ovviamente tutti vogliamo che le nostre vite tornino alla normalità, ma dovevamo essere sensibili. Ritardare la decisione di cancellare i round asiatici a giugno avrebbe significato non trovare più spazio in alcun circuito europeo. Non solo il WTCR aveva bisogno di rivedere i programmi, ma parecchi campionati. Dobbiamo essere realistici, l'impatto economico del COVID-19 è tosto e influirà sul motorsport per lungo tempo, quindi i costi di gestione dovevano essere ridotti e non solo per il 2020, ma con priorità anche per il 2021”

Leggi anche:

Solo Vecchio Continente, dunque, anche perché praticamente tutte le squadre hanno base qui e sarà più semplice effettuare i trasferimenti, così come adottare un format consono all'importanza della serie.

“Seguiremo le linee guida date con la FIA, promoter locali e governi prima di dare il via libera ad ogni evento per non compromettere la sicurezza di esso. Anche se non sarà semplice, tenere le gare in Europa non richiederà per forza volare per spostarsi, quindi si possono utilizzare vetture condivise o treni, mantenendo il distanziamento sociale richiesto. Inoltre tutti i team hanno la loro base qui, così come i fornitori, che significa flessibilità in caso di ulteriori cambiamenti".

“L'intenzione è di svolgere due sessioni di Prove Libere, una qualifica in tre manche e tre gare per ogni evento, a parte per quelli in Austria e Germania, dove ne avremo due. Passando da 10 a 6 eventi, abbiamo potuto fare ritorno alle tre gare per weekend, in modo da preservare una credibilità sportiva verso i nostri partner ed emittenti mondiali. A differenza di altre serie, il WTCR ha una posizione un po' più fortunata con le sue gare sprint, per cui è stato possibile averne tre per evento. Inoltre abbiamo concordato tutti che non ci saranno test collettivi pre-stagionali".

Adria sarà il gran finale di una stagione molto particolare, segnando il ritorno della massima serie turismo nel Bel Paese dai tempi del WTCC (Monza 2017).

“In Italia le corse turismo hanno una grande tradizione. Qui iniziò il FIA World Touring Car Championship nel 1987, che poi venne rinnovato nel 2005. Gabriele Tarquini, primo Campione WTCR è italiano, per noi era importante portare ai fan italiani questo spettacolo e siamo entusiasti di andare ad Adria, che ha esteso il suo layout, beneficiando di eccellenti infrastrutture e un sistema di illuminazione all'avanguardia".

Tanti cambiamenti, difficili e complicati da effettuare, ma con pieno appoggio da parte di Federazione Internazionale e soprattutto squadre coinvolte. Si spera così di partire a settembre con ampio margine di speranza che le cose vadano per il meglio, pensando però che anche il 2021 non sarà affatto semplice.

“Il Presidente FIA, Jean Todt, ci ha dato massimo supporto in questi momenti eccezionali di difficoltà che evolvono rapidamente a livello globale. Ringraziamo il FIA Touring Car Department per il lavoro svolto nel modificare il regolamento sportivo da applicare al calendario ristrutturato".

“E' un periodo molto difficile per tutti e dovevamo proteggere i nostri team, quindi con 6 eventi in Europa a livello logistico e finanziario è tutto più sostenibile e garantisce margine vitale non solo a loro, ma anche ai fornitori".

“Dobbiamo essere realistici e valutare l'impatto economico che la pandemia di Coronavirus avrà sulla società, l'automotive, il motorsport e le industrie per anni, non per mesi. Dovevamo redarre un calendario che fosse affrontabile pensando non solo al 2020, ma anche al 2021. Quindi anche con meno di 10 eventi il prossimo anno. Credo che 16 gare su 8 tappe possa essere un buon bilanciamento".

"Vogliamo tutti tornare in pista il prima possibile, ma solo quando sarà il momento giusto per farlo e in sicurezza".

condivisioni
commenti
WTCR: ufficiale il calendario di 6 eventi con Adria gran finale!
Articolo precedente

WTCR: ufficiale il calendario di 6 eventi con Adria gran finale!

Prossimo Articolo

WTCR: sorpresa Zengo Motorsport con due Cupra, una è per Boldizs

WTCR: sorpresa Zengo Motorsport con due Cupra, una è per Boldizs
Carica commenti
Nella tana del Cinghiale: Tarquini raccontato da amici e rivali Prime

Nella tana del Cinghiale: Tarquini raccontato da amici e rivali

Annunciato il suo addio alle corse a tempo pieno, Gabriele Tarquini si appresta ad affrontare una nuova vita dopo tantissimi anni di carriera ed esperienze. Motorsport.com ha parlato con alcuni dei suoi più stretti amici e accerrimi rivali per conoscere aneddoti e restroscena che vi proponiamo in esclusiva.

WTCR
14 nov 2021
Tarquini: bravura e intelligenza che fanno vincere a 59 anni Prime

Tarquini: bravura e intelligenza che fanno vincere a 59 anni

Ad Aragón il "Cinghiale" ha ottenuto l'ennesima vittoria di una carriera che pare non fermarsi mai. Ma oltre alle qualità di pilota, l'abruzzese conta sulla passione e una testa che da anni gli consente di restare al top: ecco come.

WTCR
13 lug 2021
Monteiro: dalla quasi morte alla resurrezione all'Inferno (Verde) Prime

Monteiro: dalla quasi morte alla resurrezione all'Inferno (Verde)

Il portoghese sul Nordschleife ha inaugurato la stagione 2021 del WTCR con una grandissima vittoria, che è la seconda nella serie dal rientro del 2019 dopo l'incidente che per poco lo ha ucciso. Ecco come è arrivata e perché è molto più reale della precedente.

WTCR
13 giu 2021
WTCR: il Paradiso per pochi eletti parte dall'Inferno (Verde) Prime

WTCR: il Paradiso per pochi eletti parte dall'Inferno (Verde)

Il Mondiale Turismo riparte nel weekend con le gare del Nurburgring, ma il sapore è sempre più quello di un campionato riservato esclusivamente agli ufficiali e ai più ricchi, estromettendo di fatto quei team che potevano ambire a qualcosa di grande con il concetto TCR.

WTCR
30 mag 2021
Tarquini: “Capisco Vale: è più facile dire smetto che continuo” Prime

Tarquini: “Capisco Vale: è più facile dire smetto che continuo”

Intervista esclusiva a Gabriele Tarquini, tra i piloti italiani più vincenti e longevi di sempre. In questa seconda chiaccherata in compagnia del portacolori Hyundai, andiamo a ripercorrere la sua carriera dopo il saluto alla Formula 1 e l'approdo nei vari campionati turismo dove si è regalato tanti successi e soddisfazioni. Impossibile, poi, non dedicare un pensiero al difficile avvio di stagione di Valentino Rossi

WTCR
11 mag 2021
WTCR: l'uscita delle Alfa Romeo è una doppia sconfitta Prime

WTCR: l'uscita delle Alfa Romeo è una doppia sconfitta

La Romeo Ferraris non schiererà più le sue Giulietta nella massima serie turismo per via di un regolamento che mette sempre più da parte i privati, confermando ancora una volta la cecità sportiva dei vertici del Biscione.

WTCR
25 mar 2021
Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni Prime

Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni

Il bello del motorsport è che spesso si rivela senza età! Fra i tanti veterani del panorama internazionale, ne abbiamo scelti dieci Over50 che ancora riescono a vincere gare e titoli. Ecco i loro nomi e profili in ordine anagrafico.

WTCR
24 mar 2021
Alfa Romeo: oggi di Racing c'è solo un adesivo Prime

Alfa Romeo: oggi di Racing c'è solo un adesivo

La Casa del Biscione è solo all'apparenza impegnata in F1, ma di ingegneristico non c'è praticamente nulla, mentre nel turismo sono tante le realtà che in questi anni hanno provato a rilanciare il marchio, ma solo coi propri investimenti.

Formula 1
1 mar 2021