Con Ma Qing Hua l'Alfa Romeo sbarca in Cina: "La mia crescita è continua e c'è tutto per fare bene nel WTCR"

condivisioni
commenti
Con Ma Qing Hua l'Alfa Romeo sbarca in Cina: "La mia crescita è continua e c'è tutto per fare bene nel WTCR"
Di:
02 apr 2019, 10:37

In casa Team Mulsanne-Romeo Ferraris per la prima volta c'è un pilota cinese a condurre l'auto del Biscione, quest'anno rinnovata e aggiornata per continuare a salire di livello. Non solo in pista, ma anche nel mondo.

La storia tra Ma Qing Hua e l'Alfa Romeo era cominciata a fine 2018, quando un primo contatto nei test di Vallelunga sfociò poi nel debutto con la macchina della Romeo Ferraris nel TCR China, con tanto di vittoria conquistata.

Da allora di tempo ne è passato e in mezzo è arrivato non solo l'annuncio dell'accordo fra il cinese e la squadra di Opera per correre nel FIA WTCR la stagione 2019, ma anche diversi aggiornamenti che hanno portato la Giulietta ad acquisire il nuovo nome di Veloce TCR e una omologazione rinnovata per puntare al vertice.

"Sono molto contento di correre con l'Alfa Romeo, è stato subito emozionante calarmi in questa sfida con un nuovo team per una nuova avventura - spiega Ma - Non vedo l'ora di cominciare il campionato, penso che ci siano diverse cose positive da cui partire per fare una bella stagione. Mi sono trovato subito bene e abbiamo cominciato a lavorare con un buon programma, vedo che riesco a crescere giro per giro, ma c'è ancora tanto da fare".

Per lui è un nuovo capitolo della carriera nel turismo, iniziata nel 2014 con la Citroën nel WTCC dove ottenne il primo successo a Mosca.

"Ma il campionato è molto cambiato rispetto a quando ero con Citroën, ora i regolamenti sono diversi - ci tiene a precisare - L'anno scorso ho avuto modo di svolgere un test con Romeo Ferraris e correre anche un paio di gare con la Honda. Mi sono reso conto che era tutto differente, le macchine sono diverse, ma le squadre hanno lavorato tanto per svilupparle bene. Ci sarà da fare i conti con il BoP e uno sviluppo limitato per via delle omologazioni. Di fatto abbiamo tutte squadre clienti con un supporto delle Case alle spalle, ma non ci sono compagini ufficiali in griglia. Sento però che c'è la possibilità di vincere per tutti, a seconda delle caratteristiche delle piste e delle macchine, oltre che dal tipo di lavoro che si fa".

TCR, quindi. Altro tipo di auto da corse rispetto alle ben più potenti e sofisticate TC1 con cui Ma si è tuffato nel mondo del turismo dopo la crescita sulle monoposto.

"Le TC1 erano vetture molto complicate, difficili da gestire in ogni condizioni, mentre le TCR sono più semplici da guidare. E poi le caratteristiche di ogni macchina non hanno differenze così grandi l'una dall'altra in modo che rischino di far dominare qualcuno. Ma un conto sono le auto e un altro è la competizione in pista. Nel weekend avremo tantissimo lavoro, con due qualifiche e tre gare, per cui una toccata o un incidente possono influire sul rendimento. In questo tipo di corse serve aggressività e capacità di combattere, non ci si possono permettere errori stupidi da distruggere l'intero lavoro della squadra. Non è sicuramente semplice, ci vuole una buona strategia cercando di andare a punti il più possibile".

Un primo assaggio di WTCR c'era stato per le gare di Ningbo e Wuhan grazie all'ingaggio da parte di Honda Racing e Boutsen Ginion Racing in sostituzione dell'indisponibile Tiago Monteiro. Poi si è materializzata l'occasione Alfa Romeo e la nuova Giulietta Veloce TCR.

"La decisione di correre nel WTCR non è arrivata prestissimo, ma quando ho provato l'Alfa Romeo l'anno scorso mi è piaciuta subito. So che c'è da lavorare molto per ottenere delle buone prestazioni, ma quello che abbiamo dimostrato anche in TCR China è che questa è una macchina capace di vincere e con la quale mi trovo bene. Ho fiducia nel team e sono convinto di poter dire la mia anche nel WTCR".

"La Giulietta Veloce è un modello nuovo rispetto a quella del 2018, ma non ci sono grandissime differenze. Guidabilità e potenza sono pressoché simili, penso che dovrò lavorare principalmente sul mio stile di guida per tirare fuori il massimo dalla macchina, confrontandomi al meglio coi tecnici e i meccanici. Le gare in questo campionato sono molto serrate e il set-up migliore da trovare in pochissimo tempo. Non c'è n'è tanto e bisogna essere molto precisi".

"Honda e Alfa Romeo sono due macchine diverse come concetto, ma non troppo distanti, almeno da quello che ho percepito guidandole. Le differenze sono nella potenza e nella guidabilità chiaramente, ma le prestazioni in generale sono simili. Con il Balance Of Performance avremo un'ulteriore possibilità di giocarcela alla pari. Nei test abbiamo visto che tutto sommato siamo lì a combattere con gli altri. Ognuno fa il suo lavoro e noi siamo concentrati sul nostro, vediamo come andrà".

Per il 31enne di Shanghai è anche una nuova pagina da scrivere nella sua carriera europea. Nel Vecchio Continente è tutto molto diverso rispetto all'Estremo Oriente, ma pian piano i due mondi motoristici si stanno avvicinando.

"La Cina negli ultimi 15-20 anni ha investito moltissimo sulle auto e il motorsport, anche se la strada per arrivare ad essere i numeri uno è ancora lunga. Per ora possiamo dire di esserci, siamo partiti da zero e ora abbiamo piloti, gare di livello nazionale in crescita e anche di livello Mondiale. Ci sono corse turismo, GT, monoposto; vedrete che pian piano arriveranno anche altri ragazzi cinesi, è solo questione di tempo e spero che succeda presto. Nel WTCR c'è Lynk & Co, un marchio cinese, per me è un grandissimo orgoglio vederli all'opera. In Formula E sono impegnato con NIO, è tutto molto bello".

"Non è così semplice per un ragazzo cinese venire a correre in Europa perché stili di vita e culture sono completamente diverse. Ma ormai lo faccio da anni e mi sono abituato, fra l'altro a me piace fare esperienze diverse nella vita e nel lavoro. Vivere da voi ti dà la possibilità di imparare e crescere".

Infine il #55: in Cina i numeri sono parte fondamentale della cultura e questo è quello che ha scelto Ma da applicare sulla sua Giulietta.

"Ho scelto il #55 come numero di gara perché il 5 in Cina è considerato fortunato, poi a me piace. In F3 avevo questo numero e con lui ho preso i primi punti, quindi me lo porto sempre dietro. Nel disegno ho messo i colori giallo e rosso, con una stella, proprio come nella bandiera del mio paese. Non volevo usare quella, sarebbe stato scontato, ma desideravo una rappresentazione della Cina dato che correrò in tutto il mondo".

Scorrimento
Lista

Ma Qing Hua, Team Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR, Kevin Ceccon, Team Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR

Ma Qing Hua, Team Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR, Kevin Ceccon, Team Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR
1/25

Foto di: WTCR

Ma Qing Hua, Team Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR

Ma Qing Hua, Team Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR
2/25

Foto di: WTCR

Ma Qing Hua, Team Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR

Ma Qing Hua, Team Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR
3/25

Foto di: WTCR

Ma Qing Hua, Team Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR

Ma Qing Hua, Team Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR
4/25

Foto di: WTCR

Tom Coronel, Comtoyou DHL Team CUPRA Racing CUPRA TCR, Johan Kristoffersson, SLR Volkswagen Volkswagen Golf GTI TCR, Jean-Karl Vernay, Leopard Racing Team Audi Sport Audi RS 3 LMS, Ma Qing Hua, Team Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR

Tom Coronel, Comtoyou DHL Team CUPRA Racing CUPRA TCR, Johan Kristoffersson, SLR Volkswagen Volkswagen Golf GTI TCR, Jean-Karl Vernay, Leopard Racing Team Audi Sport Audi RS 3 LMS, Ma Qing Hua, Team Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR
5/25

Foto di: WTCR

Jean-Karl Vernay, Leopard Racing Team Audi Sport Audi RS 3 LMS, Tom Coronel, Comtoyou DHL Team CUPRA Racing CUPRA TCR, Ma Qing Hua, Team Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR

Jean-Karl Vernay, Leopard Racing Team Audi Sport Audi RS 3 LMS, Tom Coronel, Comtoyou DHL Team CUPRA Racing CUPRA TCR, Ma Qing Hua, Team Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR
6/25

Foto di: WTCR

Ma Qing Ua, Team Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR

Ma Qing Ua, Team Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR
7/25

Foto di: Francesco Corghi

Ma Qing Hua, Team Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR

Ma Qing Hua, Team Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR
8/25

Foto di: WTCR

Ma Qing Hua, Team Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR

Ma Qing Hua, Team Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR
9/25

Foto di: WTCR

Ma Qing Hua, Team Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR

Ma Qing Hua, Team Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR
10/25

Foto di: WTCR

Ma Qing Ua, Team Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR

Ma Qing Ua, Team Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR
11/25

Foto di: Francesco Corghi

Ma Qing Hua, Team Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR

Ma Qing Hua, Team Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR
12/25

Foto di: Francesco Corghi

Ma Qing Hua, Team Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR

Ma Qing Hua, Team Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR
13/25

Foto di: Francesco Corghi

Ma Qing Hua, Team Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR

Ma Qing Hua, Team Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR
14/25

Foto di: Francesco Corghi

Ma Qing Hua, Team Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR

Ma Qing Hua, Team Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR
15/25

Foto di: Francesco Corghi

Ma Qing Hua, Team Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR

Ma Qing Hua, Team Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR
16/25

Foto di: Francesco Corghi

Ma Qing Hua, Team Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR

Ma Qing Hua, Team Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR
17/25

Foto di: Francesco Corghi

Alfa Romeo Giulietta Veloce TCR, Romeo Ferraris, Team Mulsanne

Alfa Romeo Giulietta Veloce TCR, Romeo Ferraris, Team Mulsanne
18/25

Foto di: Romeo Ferraris

Ma Qing Hua, Freely Racing, Alfa Romeo Giulietta TCR

Ma Qing Hua, Freely Racing, Alfa Romeo Giulietta TCR
19/25

Foto di: TCR Media

Ma Qing Hua, Freely Racing, Alfa Romeo Giulietta TCR

Ma Qing Hua, Freely Racing, Alfa Romeo Giulietta TCR
20/25

Foto di: TCR Media

Ma Qing Hua, Freely Racing, Alfa Romeo Giulietta TCR

Ma Qing Hua, Freely Racing, Alfa Romeo Giulietta TCR
21/25

Foto di: TCR Media

Ma Qing Hua, Freely Racing, Alfa Romeo Giulietta TCR

Ma Qing Hua, Freely Racing, Alfa Romeo Giulietta TCR
22/25

Foto di: TCR Media

Ma Qing Hua, Freely Racing, Alfa Romeo Giulietta TCR

Ma Qing Hua, Freely Racing, Alfa Romeo Giulietta TCR
23/25

Foto di: TCR Media

Ma Qing Hua, Boutsen Ginion Racing Honda Civic Type R TCR

Ma Qing Hua, Boutsen Ginion Racing Honda Civic Type R TCR
24/25

Foto di: WTCR

Ma Qing Hua, Boutsen Ginion Racing

Ma Qing Hua, Boutsen Ginion Racing
25/25

Foto di: WTCR

Prossimo Articolo
Muller esclusivo: "L'anno di stop mi ha fatto bene, ora sono più carico per battere Tarquini"

Articolo precedente

Muller esclusivo: "L'anno di stop mi ha fatto bene, ora sono più carico per battere Tarquini"

Prossimo Articolo

Girolami: "WTCR e Honda sono l'occasione della vita, poi penserò a vendicarmi di Guerrieri!"

Girolami: "WTCR e Honda sono l'occasione della vita, poi penserò a vendicarmi di Guerrieri!"
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie TCR , WTCR
Piloti Ma Qing Hua
Team Romeo Ferraris , Mulsanne Racing
Autore Francesco Corghi
Sii il primo a ricevere le
ultime notizie