Lotti: "Il WTCR è una grande responsabilità per Eurosport e FIA"

Il manager modenese, ideatore del concetto TCR, ha parlato dell'accordo che il prossimo anno vedrà la sua categoria internazionale diventare FIA World Cup e passare di gestione nelle mani di un colosso mediatico importantissimo.

Lotti: "Il WTCR è una grande responsabilità per Eurosport e FIA"
Stefano Comini, Comtoyou Racing, Audi RS3 LMS with Marcello Lotti, TCR
Pepe Oriola, Lukoil Craft-Bamboo Racing, SEAT León TCR, Marcello Lotti, TCR
Marcello Lotti, TCR
Marcello Lotti and Gerhard Berger
Marcello Lotti, TCR
Marcello Lotti and Gabriele Tarquini
Marcello Lotti, TCR
Customer teams take delivery of the Hyundai i30 N TCR
Giovanni Altoe, Golf TCR
La Seat Leon DSG TCR di Alessandro Mazzolini, Gr. Piloti Forlivesi nel paddock
La Seat Leon DSG TCR di Jonathan Giacon
Cosimo Barberini, Seat Leon DSG TCR, NOS Racing
Jonathan Giacon, Seat Leon DSG TCR, Gr. Piloti Forlivesi
Cosimo Barberini, Seat Leon DSG TCR, NOS Racing

Dopo l'accordo che ha sancito la nascita del WTCR per il 2018-2019, Marcello Lotti ha rilasciato un commento in merito a quella che potrebbe essere la svolta epocale per la sua idea.

Il capo di WSC Ltd, che solo tre anni fa lanciò il concetto TCR, la settimana scorsa ha stretto ufficialmente la mano ad Eurosport Events e FIA per concedere marchio e regolamenti tecnici al defunto WTCC, che dal prossimo anno potrà rinascere grazie alle vetture che il manager modenese ha creato come nuova categoria turismo.

"Questo accordo rappresenta l'ultimo riconoscimento di livello del concetto TCR che tre anni fa abbiamo lanciato, e che in tutto questo tempo non ha mai smesso di crescere", ha affermato Lotti.

"Sono state negoziazioni molto lunghe perché c'erano diversi dettagli su cui dovevamo trovarci d'accordo, bisognava arrivare ad una soluzione positiva per tutti. Abbiamo cambiato il nostro obiettivo da quando siamo partiti, il nostro interesse principale era per le serie TCR continentali, il WTCR è arrivato dopo. E' servito più tempo, ma credo fosse necessario".

Come prevedibile, non sono stati colloqui semplici, anche perché il TCR è sempre stato il grande rivale del regolamento TC1 che ha poi ucciso il WTCC arrivando a costi esorbitanti.

"Ci tengo a dire che ognuno ha rispettato la posizione dell'altro. Lo spirito e l'approccio alla cosa hanno reso possibile un accordo che soddisfa tutti. Dal nostro punto di vista siamo orgogliosi che la stretta di mano rispetti totalmente lo spirito del TCR, che è riservato principalmente ai clienti".

Dopo le prime scaramucce viste nelle stagioni passate, anche la FIA si è messa una mano sul cuore capendo che sarebbe stato più giusto per tutti arrivare ad una collaborazione.

"Il presidente Jean Todt è stato importante, fin da subito ha detto di essere a favore di un accordo e non ha mai smesso di interessarsi alla questione cercando di farci collaborare e lavorare in modo sereno ed unito fra tutti noi".

"Nel 2015 abbiamo lanciato la TCR International Series con l'intenzione di promuovere il concetto del TCR. L'obiettivo è stato raggiunto pienamente mostrando tramite promoter, piloti e costruttori che la categoria ha un enorme potenziale. In soli tre anni abbiamo attirato oltre la dozzina di marchi, mentre altri stanno lavorando da tempo per unirsi a noi in futuro".

La nascita del WTCR sancisce la fine del glorioso triennio della TCR International Series, il massimo campionato (un Mondiale a tutti gli effetti) che ora diventa FIA World Cup con prospettive future molto interessanti.

"L'accordo non deve essere visto come un cambiamento, ma la continuazione del progetto cominciato con la TCR International Series, che ora si trasforma in WTCR. Inoltre l'intervento della FIA e il coinvolgimento di un gruppo mediatico fortissimo come Discovery-Eurosport aiuterà notevolmente a far crescere ulteriormente il TCR anche nei prossimi due anni, come accaduto in questi tre".

"Eurosport Events si occuperà della gestione e promozione del WTCR, mentre noi ci concentreremo maggiormente sulle serie continentali e nazionali molto di più di quanto fatto fino ad ora".

"Abbiamo dato il via alla TCR International Series partendo da zero, lavorando per migliorare anno dopo anno e crescere in continuazione. Ci siamo riusciti, ora sono convintissimo che il nuovo accordo porterà avanti la missione perché so che FIA e il nuovo promoter hanno capito che responsabilità si sono presi con questo impegno".

condivisioni
commenti
Analisi WTCR: a che prezzo si prova a (ri)partire?
Articolo precedente

Analisi WTCR: a che prezzo si prova a (ri)partire?

Prossimo Articolo

Svelato il calendario del WTCR 2018

Svelato il calendario del WTCR 2018
Carica commenti
Nella tana del Cinghiale: Tarquini raccontato da amici e rivali Prime

Nella tana del Cinghiale: Tarquini raccontato da amici e rivali

Annunciato il suo addio alle corse a tempo pieno, Gabriele Tarquini si appresta ad affrontare una nuova vita dopo tantissimi anni di carriera ed esperienze. Motorsport.com ha parlato con alcuni dei suoi più stretti amici e accerrimi rivali per conoscere aneddoti e restroscena che vi proponiamo in esclusiva.

WTCR
14 nov 2021
Tarquini: bravura e intelligenza che fanno vincere a 59 anni Prime

Tarquini: bravura e intelligenza che fanno vincere a 59 anni

Ad Aragón il "Cinghiale" ha ottenuto l'ennesima vittoria di una carriera che pare non fermarsi mai. Ma oltre alle qualità di pilota, l'abruzzese conta sulla passione e una testa che da anni gli consente di restare al top: ecco come.

WTCR
13 lug 2021
Monteiro: dalla quasi morte alla resurrezione all'Inferno (Verde) Prime

Monteiro: dalla quasi morte alla resurrezione all'Inferno (Verde)

Il portoghese sul Nordschleife ha inaugurato la stagione 2021 del WTCR con una grandissima vittoria, che è la seconda nella serie dal rientro del 2019 dopo l'incidente che per poco lo ha ucciso. Ecco come è arrivata e perché è molto più reale della precedente.

WTCR
13 giu 2021
WTCR: il Paradiso per pochi eletti parte dall'Inferno (Verde) Prime

WTCR: il Paradiso per pochi eletti parte dall'Inferno (Verde)

Il Mondiale Turismo riparte nel weekend con le gare del Nurburgring, ma il sapore è sempre più quello di un campionato riservato esclusivamente agli ufficiali e ai più ricchi, estromettendo di fatto quei team che potevano ambire a qualcosa di grande con il concetto TCR.

WTCR
30 mag 2021
Tarquini: “Capisco Vale: è più facile dire smetto che continuo” Prime

Tarquini: “Capisco Vale: è più facile dire smetto che continuo”

Intervista esclusiva a Gabriele Tarquini, tra i piloti italiani più vincenti e longevi di sempre. In questa seconda chiaccherata in compagnia del portacolori Hyundai, andiamo a ripercorrere la sua carriera dopo il saluto alla Formula 1 e l'approdo nei vari campionati turismo dove si è regalato tanti successi e soddisfazioni. Impossibile, poi, non dedicare un pensiero al difficile avvio di stagione di Valentino Rossi

WTCR
11 mag 2021
WTCR: l'uscita delle Alfa Romeo è una doppia sconfitta Prime

WTCR: l'uscita delle Alfa Romeo è una doppia sconfitta

La Romeo Ferraris non schiererà più le sue Giulietta nella massima serie turismo per via di un regolamento che mette sempre più da parte i privati, confermando ancora una volta la cecità sportiva dei vertici del Biscione.

WTCR
25 mar 2021
Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni Prime

Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni

Il bello del motorsport è che spesso si rivela senza età! Fra i tanti veterani del panorama internazionale, ne abbiamo scelti dieci Over50 che ancora riescono a vincere gare e titoli. Ecco i loro nomi e profili in ordine anagrafico.

WTCR
24 mar 2021
Alfa Romeo: oggi di Racing c'è solo un adesivo Prime

Alfa Romeo: oggi di Racing c'è solo un adesivo

La Casa del Biscione è solo all'apparenza impegnata in F1, ma di ingegneristico non c'è praticamente nulla, mentre nel turismo sono tante le realtà che in questi anni hanno provato a rilanciare il marchio, ma solo coi propri investimenti.

Formula 1
1 mar 2021