Il trionfo amaro di Guerrieri: "Certe penalità fanno passare la voglia di correre"

condivisioni
commenti
Il trionfo amaro di Guerrieri: "Certe penalità fanno passare la voglia di correre"
Di:
14 mag 2018, 10:00

L'argentino è stato protagonista nel bene e nel male al Nordschleife: in Gara 2 ha vinto con una prova sontuosa, ma nella terza un contatto con Michelisz lo ha fatto finire sotto la lente dei giudici, che lo hanno punito.

Esteban Guerrieri, ALL-INKL.COM Münnich Motorsport Honda Civic Type R TCR
Esteban Guerrieri, ALL-INKL.COM Münnich Motorsport Honda Civic Type R TCR
Podio: il vincitore della gara Esteban Guerrieri, ALL-INKL.COM Münnich Motorsport Honda Civic Type R TCR, il secondo classificato Pepe Oriola, Team Oscaro by Campos Racing Cupra TCR, il terzo classificato Frédéric Vervisch, Audi Sport Team Comtoyou Audi RS 3 LMS
Podio: il vincitore della gara Esteban Guerrieri, ALL-INKL.COM Münnich Motorsport Honda Civic Type R TCR, il secondo classificato Pepe Oriola, Team Oscaro by Campos Racing Cupra TCR, il terzo classificato Frédéric Vervisch, Audi Sport Team Comtoyou Audi RS 3 LMS
Il vincitore della gara Esteban Guerrieri, ALL-INKL.COM Münnich Motorsport Honda Civic Type R TCR
Esteban Guerrieri, ALL-INKL.COM Münnich Motorsport Honda Civic Type R TCR
Esteban Guerrieri, ALL-INKL.COM Münnich Motorsport Honda Civic Type R TCR
Esteban Guerrieri, ALL-INKL.COM Münnich Motorsport Honda Civic Type R TCR
Esteban Guerrieri, ALL-INKL.COM Münnich Motorsport Honda Civic Type R TCR
Esteban Guerrieri, ALL-INKL.COM Münnich Motorsport Honda Civic Type R TCR
Esteban Guerrieri, ALL-INKL.COM Münnich Motorsport Honda Civic Type R TCR
Esteban Guerrieri, ALL-INKL.COM Münnich Motorsport Honda Civic Type R TCR
The Nurburg castle

Solitamente Esteban Guerrieri è sempre molto sorridente e parla apertamente con tutti, ma quello che abbiamo incontrato al termine delle gare di sabato al Nürburgring Nordschleife era nerissimo in volto.

Il pilota della ALL-INKL.COM Münnich Motorsport avrebbe dovuto invece avere ben altri occhi dopo il fantastico successo ottenuto in Gara 2 sull'Inferno Verde, ma a mente ancora calda (anzi, bollente!) c'è più rabbia per quanto accaduto nel round successivo.

L'argentino era in rimonta e si è trovato davanti la Hyundai i30 N TCR di Norbert Michelisz, ma quando "Norbi" ha lasciato una minima porta aperta la Honda Civic Type R TCR FK7 del sudamericano ha colpito la fiancata destra dell'auto griffata BRC, che è finita quasi in testacoda. Questo ha spinto i commissari sportivi a recapitare a Guerrieri una penalità di 10" che lo fa sprofondare al nono posto.

Il 31enne non ha accettato affatto questa decisione e prima di parlare con la stampa si è fiondato in direzione gara per protestare.

"Mi hanno riferito le solite cose che si dicono in episodi come questi - ha esordito Guerrieri parlando con Motorsport.com, mentre i suoi occhi azzurri si tingevano di un rosso fuoco di rabbia - Sono un po' stufo, sinceramente non mi piace sentirmi rimproverare troppa aggressività. C'era uno spazio e mi ci sono buttato, sono corse turismo e i contatti ci stanno, non mi sento di aver fatto nulla di scorretto".

Fra le mani ha il cappellino del vincitore, ma non c'è assolutamente voglia di festeggiare. I nervi sono ancora tesissimi.

"Chiedo scusa, ma non riesco proprio a pensare alla vittoria ora. Ero partito bene dopo le sofferenze avute nelle qualifiche di ieri che ci avevano costretto a scattare indietro. Avevamo avuto un problema con l'ammortizzatore posteriore destro che perdeva olio, abbiamo dovuto cambiare tutto dopo aver avuto sensazioni totalmente negative".

"Questo ci ha consentito di ritrovare il feeling giusto, penso di aver provato un sorpasso arduo e vedermi penalizzato in questo modo mi fa passare la voglia di correre, che è la cosa che amo di più. Sono andato apposta a parlare con i commissari per fargli capire le mie sensazioni, sono un uomo e certe cose ovviamente le subisco dentro di me. Loro ormai hanno deciso così, cosa posso farci?"

"Corro sempre mettendoci il cuore, a volte certi episodi capitano. E' uno sport che adoro, ma ogni tanto si rivela davvero duro sotto certi aspetti e mi chiedo il perché".

Mettendo da parte la delusione, è però giusto soffermarsi un momento sull'impresa compiuta in Gara 2, quando Guerrieri è scattato benissimo dalla seconda fila della griglia invertita.

"In Gara 2 ho sfruttato al meglio la terza posizione della griglia invertita passando Rast subito e Oriola poco dopo, poi ho spinto al massimo sfruttando i punti di forza della mia macchina per guadagnare terreno lungo il Nordschleife e non offrire la scia sul lungo rettilineo a chi mi seguiva".

"Ho ottenuto la vittoria più bella della mia carriera divertendomi un sacco, ringrazio Dio per avere avuto questa occasione di essere qui, ma quello che è successo dopo mi ha totalmente fatto arrabbiare. Ringrazio tutti quelli che mi sono vicini in un momento così negativo, perché per ora non riesco a pensarla diversamente. Sarebbe potuto essere il weekend più bello di sempre, invece..."

 

Prossimo Articolo
Björk vince al Nordschleife, Muller nuovo leader: "Un grande weekend per noi"

Articolo precedente

Björk vince al Nordschleife, Muller nuovo leader: "Un grande weekend per noi"

Prossimo Articolo

Primi podi per Vervisch: "Il Nordschleife più pauroso con la TCR che con la GT3!"

Primi podi per Vervisch: "Il Nordschleife più pauroso con la TCR che con la GT3!"
Carica commenti
Sii il primo a ricevere le
ultime notizie