Yvan Muller critica l'introduzione dei motori turbo

Yvan Muller critica l'introduzione dei motori turbo

Secondo il campione in carica in questo momento di crisi il WTCC aveva bisogno di stabilità

Quest'anno nel WTCC si assisterà all'introduzione dei nuovi propulsori turbo da 1,6 litri, che vanno a prendere il posto dei vecchi 2 litri aspirati. Anche se a livello di prestazioni non si stanno vedendo grosse differenze rispetto al passato, c'è già comunque chi reputa che la FIA abbia fatto un errore introducendo questo nuovo regolamento. Ed il parere è di quelli pesanti, visto che si tratta di quello del campione del mondo in carica Yvan Muller. Secondo l'alsaziano, oggi alla Chevrolet, ma iridato anche con la Seat nel 2008, in un momento di crisi generale come quello che sta attraversando il mondo delle corse in questo periodo, sarebbe stato meglio mantenere un regolamento stabile per evitare di far lievitare i costi. "I nuovi motori sembrano essere competitivi, ma sono anche costosi. Non credo che questo fosse il momento ideale per introdurre i motori turbo nel WTCC, perchè la loro messa a punto viene a costare cifre importanti" ha spiegato a Bilsportsbörsen. Inoltre Muller è critico anche per quanto riguarda la gestione delle gomme, che sarebbe diventata decisamente più complicata: "E' difficile trovare la giusta mappatura per il motore, anche perchè il turbo garantisce una coppia più alta a basso numero di giri, rendendo maggiore il consumo degli pneumatici, la cui gestione è diventata più complicata".
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WTCC
Piloti Yvan Muller
Articolo di tipo Ultime notizie