Monteiro: "Siamo al 100% in buona fede!"

Il portoghese si sfoga dopo l'esclusione da Gara 2 a Buriram e confida nell'appello presentato dalla Honda.

Tiago Monteiro non ha digerito l'esclusione della sua Honda Civic WTCC da Gara 2 a Buriram.

In Thailandia il portoghese era stato autore di una grandissima prova nel secondo round di giornata, guadagnandosi la vetta nel corso del terzo giro e scappando via.

La bandiera rossa esposta (causa buio) quando mancavano due tornate alla fine gli ha consegnato il successo e fatto tirare un sospiro di sollievo, vista la rimonta di Sébastien Loeb, ma nel post-gara è arrivata da doccia gelata.

La sua Civic è stata cotrollata dai commissari durante le verifiche tecniche, nelle quali è risultato che la vettura non rispettava l'altezza da terra dei 60mm imposti dal regolamento.

Inevitabile, dunque, l'esclusione di Monteiro dalla classifica finale e vittoria a tavolino a Loeb.

Il Castrol Honda WTTC Team ha annunciato che farà ricorso in appello; nel frattempo Tiago si è sfogato su Twitter.

"Siamo al 100% in buona fede! Faremo appello, abbiamo vinto in pista onestamente e possiamo girare a testa alta."

Stando così le cose, Monteiro scivolerebbe al settimo posto della classifica piloti, mentre Loeb scavalcherebbe Yvan Muller e si piazzerebbe alle spalle del compagno di squadra, nonché neo Campione del Mondo, José María López.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WTCC
Evento Buriram
Sub-evento Domenica, Gara 2
Circuito Chang International Circuit
Piloti Tiago Monteiro
Team Honda Racing Team JAS
Articolo di tipo Ultime notizie