Mariani: "Danni per incidente, non facciamo i furbi"

Il team principal della Honda JAS spiega perché la vettura di Monteiro non ha passato le verifiche tecniche

Dopo l'esclusione di Tiago Monteiro da Gara 2 del WTCC a Buriram, Castrol Honda World Touring Car Team e JAS Motorsport hanno annunciato il ricorso in appello.

La Honda Civic del portoghese, vittorioso in Thailandia, sul lato sinistro non rispettava l'altezza da terra dei 60mm imposti dal regolamento.

Inevitabile, dunque, l'esclusione di Monteiro dalla classifica finale e vittoria a tavolino a Loeb.

"Mi dispiace molto per Tiago, ha fatto una gara fantastica. Nel primo round la sua vettura si era danneggiata, ma il team ha fatto un lavoro perfetto e l'ha rimessa a posto per Gara 2. Assicuro che è stato controllato che tutto fosse in ordine e conforme ai regolamenti", ha dichiarato Alessandro Mariani, responsabile di JAS Motorsport, a touringcartimes.com.

"A nostro avviso Tiago merita la vittoria perché l'infrazione deriva da un danno causato dal contatto avvenuto in Gara 1 e non certo perché abbiamo male interpretato le norme o fatto i furbi. Speriamo di mostrare la nostra totale buona fede davanti alla Corte Internazionale d'Appello della FIA", ha poi concluso.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WTCC
Evento Buriram
Sub-evento Domenica, Gara 2
Circuito Chang International Circuit
Piloti Tiago Monteiro
Team Honda Racing Team JAS
Articolo di tipo Ultime notizie