López pesca il settebello: pole position anche in Qatar

Pechito domina in qualifica a Losail precedendo un ottimo Bennani e Loeb. Ok Catsburg, male Muller e le Honda

Tanto per ribadire che se è Campione del Mondo WTCC un motivo c'è, José María López centra la settima Pole Position della stagione 2015 sul Losail International Circuit, dominando tutte e tre le manche di Qualifica andate in scena in Qatar.

Il pilota della Citroën al suo fianco avrà un ottimo Mehdi Bennani (Citroën-SLR), autore di un bel giro in Q3 che gli vale la seconda piazza e il miglior tempo fra i piloti del Trofeo Yokohama.

Terzo Sébastien Loeb con la C-Elysée, il quale si salva per un soffio in Q1, e in Q3 precede di soli 17 millesimi un agguerrito Hugo Valente (Campos Racing), il più rapido dei piloti Chevrolet.

In Top5 troviamo anche Nicky Catsburg con la LADA Vesta TC1, mentre Norbert Michelisz (Honda-Zengő Motorsport) non è andato oltre il sesto crono e domani dovrà cercare di rimontare per respingere l'assalto di Bennani al Trofeo Yokohama.

Delusione per le Citroën di Ma Qing Hua e Yvan Muller, settima ed ottava, mentre la prima fila della griglia invertita di Gara 2 vedrà Tom Coronel (Cruze-ROAL Motorsport) affiancare il "poleman" John Filippi (Cruze-Campos Racing).

Qualifiche amare anche per le Honda ufficiali: Tiago Monteiro partirà 11°, mentre Gabriele Tarquini non ha fatto meglio del 14° tempo, dovendo abbandonare la scena già in Q1.

Peccato invece per l'ottimo Stefano D'Aste, che pure aveva ben figurato nel corso della prima manche, ma che è stato autre di un errore nel corso dell'ultima tornata a sua disposizione; il pilota della ALL-INKL.COM Münnich Motorsport scatterà dalla tredicesima casella con la sua Chevrolet RML Cruze TC1.

Male anche Tom Chilton (Cruze-ROAL) e Rob Huff (LADA), che sono in fondo allo schieramento, chiuso dalla Cruze del debuttante idolo locale Nasser Al-Attiyah.

Q1

Splende il sole a Losail in questo pomeriggio di prove. La lunghezza del tracciato medio-orientale non permette tanti giri veloci, dunque scendono subito tutti in pista per sfruttare al massimo i 20' a disposizione. Non mancano i traversi e le sbandate, segno che il grip della pista è carente. Il primo crono di riferimento è il 2'03"147 realizzato da Valente, con un ottimo D'Aste che si piazza alle sue spalle per soli 122 millesimi. López ottiene il quinto tempo, mentre Al-Attiyah si piazza settimo davanti a Michelisz, Huff e Loeb. Più in difficoltà le Honda ufficiali di Tarquini e Monteiro, lontani dalla Top12. Muller invece è dodicesimo, seguito da Ma. A metà manche è Filippi ad abbassare il limite a 2'02"971, con D'Aste sempre velocissimo in seconda posizione. Risale Tarquini, ora quinto dietro a Catsburg. In casa SLR ci sono grattacapi, dato che Bennani rientra ai box per la seconda volta senza aver realizzato nessun crono. Coronel balza in vetta con un bel 2'02"694, che però viene battuto poco dopo dal 2'02"470 di Muller. Anche Monteiro riesce a migliorarsi e ad entrare in Top10, ma gli ultimi 5' sono di fuoco. Ma Qing Hua abbatte il muro del 2'02" girando in 2'01"941, seguito da Valente a quasi 2 decimi. López esce dalla zona a rischio facendo un ottimo 2'01"421 che gli vale la vetta, rifilando mezzo secondo ai rivali. A rischio ci sono Catsburg e Tarquini, mentre fuori avremmo Demoustier, Chilton, Al-Attiyah, Lapierre, Huff e Bennani. Quest'ultimo effettua il colpo di reni in extremis ottenendo la seconda piazza; viene dunque eliminato Tarquini, che nel suo ultimo giro commette un paio di errori e non riesce a migliorare. Sul filo di lana migliorano anche Lapierre e Michelisz: a rimetterci la seconda manche sono D'Aste e Demoustier, assieme al già citato Tarquini, Chilton, Huff e Al-Attiyah.

Passano alla Q2: López, Bennani, Ma, Valente, Catsburg, Michelisz, Muller, Monteiro, Lapierre, Coronel, Filippi e Loeb.

Q2

Anche in questa sessione vanno subito tutti in pista per sfruttare i due giri a disposizione. López è subito velocissimo in 2'01"415, con Valente, Loeb, Bennani e Michelisz a seguire in Top5. Il resto della classifica vede Ma al sesto posto, con Muller settimo e più staccato, mentre Coronel, Filippi e Monteiro sarebbero nei primi dieci, con questi ultimi due virtualmente in prima fila per Gara 2. Le LADA di Lapierre e Catsburg sono le ultime della graduatoria, ma l'olandese entra in pista per ultimo avendo un solo treno di gomme nuove da utilizzare; il suo crono è il terzo assoluto provvisorio. Intanto Monteiro e Filippi scendono dalle rispettive vetture, dunque per la Honda sfuma la possibilità di partire davanti a tutti nel secondo round. Nessuno riesce a migliorare ulteriormente, dunque López, Valente, Catsburg, Loeb e Bennani vanno a giocarsi la Pole Position, con Michelisz beffato in extremis. La partenza al palo per Gara 2 se la aggiudica Filippi, che al suo fianco avrà Coronel. Delusione per Muller, che chiude ottavo.

Q3

Mentre il sole comincia a tramontare, Bennani è il primo a scendere in pista e il marocchino è bravissimo a fermare il cronometro sul 2'01"311, che addirittura risulta meglio del 2'01"525 di Loeb, il quale perde parecchio nell'ultimo settore. Catsburg inizia con tempi in linea a Bennani, ma anche l'olandese non riesce ad essere perfetto nella seconda parte del tracciato e fa 2'01"833. Valente sembra giocarsela invece con Loeb, ma il suo 2'01"542 è di 17 millesimi peggiore rispetto al tempo dell'ex rallista. Come previsto, arriva invece la zampata finale di López: l'argentino è pressoché perfetto in tutti i parziali e abbatte il muro del 2'01" con un 2'00"947 che significa settima Pole Position del 2015.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WTCC
Evento Losail
Circuito Losail International Circuit
Piloti Sébastien Loeb , Mehdi Bennani
Articolo di tipo Qualifiche