Tarquini: "Una giornata da ricordare per un anziano... vincente!"

La grande vittoria di Gabriele Tarquini a Mosca è un risultato che rimarrà nella storia, non solo per la LADA...

Gabriele Tarquini attendeva questo momento dal 26 ottobre 2014, ovvero più di un anno e mezzo fa.

L'ultima vittoria nel WTCC l'abruzzese era riuscito a conquistarla in Gara 2 a Suzuka, dove al volante della Honda Civic ufficiale aveva tagliato il traguardo in trionfo per la gioia dei fan giapponesi.

Evidentemente era destino che il "Cinghiale" dovesse replicare il risultato nuovamente nella gara di casa del proprio team; al Moscow Raceway, grazie ad una rimonta da urlo nella Opening Race, Tarquini ha piazzato la sua LADA Vesta TC1 sul primo gradino del podio, diventando di diritto il pilota più anziano a vincere una gara di un Mondiale FIA.

Con i suoi 54 anni, 3 mesi e 10 giorni, il nativo di Giulianova batte il precedente primato che apparteneva a Luigi Fagioli, vincitore del GP di Francia del 1951 a 53 anni e 22 giorni. Fra l'altro Tarquini era già diventato il più "vecchio" a conquistare un Titolo Mondiale, superando il record di Fangio nel 2009.

"Questo primato è bellissimo, me lo hanno comunicato nell'immediato dopo gara, oggi è stata una giornata da ricordare!", ha detto felicissimo Tarquini.

"Onestamente speravo davvero nella pioggia, in queste condizioni avremmo avuto certamente la chance di conquistare il podio nella Main Race, visto che partivamo in testa. Fortunatamente l'acqua è arrivata prima della Opening Race, non avendo nulla da perdere le ho provate tutte, scattando bene al via e combattendo con i miei avversari. Sono riuscito a raggiungere la testa della corsa molto velocemente e a guadagnare spazio, avevo un passo migliore rispetto a tutti gli altri".

Un buon presentimento lo avevamo avuto nelle Libere 2, quando sotto l'acqua la LADA #2 aveva concluso nelle primissime posizioni.

"La chiave del successo l'abbiamo trovata nelle libere 2, quando è venuto a piovere. Durante i numerosi test invernali svolti a Magny-Cours ci siamo trovati in condizioni molto simili, per cui avevo un'idea su come poter sistemare la vettura e ottenere buone prestazioni".

"Abbiamo migliorato molto sul bagnato e oggi è stato evidente e anche sorprendente per certi versi. L'auto andava molto forte anche a gomme usurate, l'ho notato nella prima gara".

In Qualifica Nicky Catsburg ha ottenuto una pole position perentoria, ma al termine si è affrettato ad ammettere che buona parte del merito era dovuto ai consigli sul set-up da adottare che lo stesso Tarquini gli aveva dato prima di iniziare la sessione.

"In squadra condividiamo tutto, a volte questa cosa mi penalizza perché va a vantaggio dei miei compagni, però sappiamo che dobbiamo lavorare su certi aspetti per crescere ancora. Dobbiamo ringraziare tutta la LADA Sport Rosneft per l'enorme lavoro fatto durante l'inverno, penso che questo risultato sia una bella ricompensa".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WTCC
Evento Moscow Raceway
Circuito Moscow Raceway
Piloti Gabriele Tarquini
Team Lada Sport
Articolo di tipo Intervista