Rimonta e trionfo: Tarquini è lo "Zar" della Opening Race!

Con un fantastico recupero sotto l'acqua, Gabriele Tarquini ha regalato la vittoria casalinga alla LADA precedendo Catsburg e Muller. López è quinto, Honda in difficoltà, bene Thompson.

Lo "Zar" Gabriele Tarquini è il mago della pioggia e conquista una fantastico trionfo nella Opening Race del WTCC in Russia.

Al Moscow Raceway le nuvole hanno cominciato a scaricare acqua sul tracciato russo proprio nell'imminenza del primo round di giornata, coi piloti che hanno dovuto sostituire gli pneumatici e partire in ritardo rispetto all'orario previsto.

Con una incredibile rimonta dal nono posto, Tarquini è riuscito a piazzare la sua LADA vesta TC1 davanti alla vettura gemella di Nicky Catsburg, anche lui in grande spolvero dopo essere scattato decimo.

Il team russo festeggia dunque la doppietta in casa davanti ai tifosi festanti, con la Citroën C-Elysée WTCC di Yvan Muller a completare il podio dopo che l'alsaziano era riuscito a balzare al comando al primo giro.

Quarto posto per la LADA di Hugo Valente, seguita dalla Citroën C-Elysée WTCC di José María López e dalle Honda Civic di Tiago Monteiro e Rob Huff; il portoghese era scattato dalla pole position della griglia invertita, ma non ha retto il confronto con gli avversari durante i 15 giri a disposizione.

James Thompson taglia il traguardo ottavo e vincitore nel WTCC Trophy, al volante della Chevrolet RML Cruze TC1 preparata dalla Münnich Motorsport, mentre la zona punti viene completata da Mehdi Bennani (Sébastien Loeb Racing) e Norbert Michelisz; l'ungherese della Honda ha dovuto scontare un drive-through per non essersi schierato correttamente in griglia, ma alla fine riesce a guadagnare la Top10.

Lo stesso problema lo ha avuto anche Tom Coronel (ROAL Motorsport), dodicesimo con la sua Cruze deitro a quella di John Filippi (Campos Racing).

In difficoltà le Volvo S60 TC1 della Polestar Cyan Racing, con Fredrik Ekblom tredicesimo e Thed Björk ritirato al quinto giro.

Ferenc Ficza (Zengő Motorsport) si classifica quindicesimo fra i due piloti della (Sébastien Loeb Racing, ovvero Tom Chilton e Grégorie Demoustier, che completano la classifica finale.

IL FILM DELLA GARA

Il Moscow Raceway si presenta asciutto per i 15 giri della prima gara odierna, per cui tutti i piloti scelgono di partire con gomme slick nonostante le minacciosissime nuvole nere all'orizzonte.

Proprio mentre viene completato il giro di formazione, inizia a piovere copiosamente e la direzione gara decide di rimandare il via. Demoustier, Ficza e le Volvo di Ekblom e Björk rientrano subito ai box per sostituire gli pneumatici, mentre tutti gli altri sono schierati sulla linea di partenza. Tornano sul tracciato i meccanici di tutte le squadre per effettuare le modifiche del caso.

Dopo 15' di sosta le vetture ripartono per un ulteriore giro di formazione, ma nel frattempo ha smesso di piovere. Ficza, Ekblom, Demoustier e Björk scattano dalla pit-lane con questo ordine.

Finalmente si spengono i semafori: Monteiro mantiene il comando, Muller soffia la seconda piazza a Bennani, il quale viene insidiato anche da Coronel e López. Muller supera Monteiro alla curva 9, il portoghese si tocca anche con Bennani (che lo passa) e viene infilato pure da "Pechito" e da un fantastico Tarquini, già quarto.

Grande lotta fra Valente, Catsburg e Michelisz, il quale va larghissimo in uscita della curva 10. Dopo il primo giro Muller è in testa seguito da Bennani, López, Tarquini, Monteiro, Catsburg, Coronel, Valente, Michelisz e Huff.

Tarquini inizia ad attaccare López e lo sorpassa all'ultima curva risalendo in terza piazza. Intanto si sviluppa una bella battaglia fra Monteiro, Catsburg, Coronel e Valente per la quinta posizione. Nicky e Hugo superano il portoghese, che viene attaccato anche da Coronel e da Michelisz. L'olandese della ROAL finisce larghissimo alla curva 4 e si ritrova nono.

Nel frattempo Tarquini passa anche Bennani ed è secondo, con Catsburg che inizia a pressare López, superandolo al quinto passaggio. Nelle retrovie Thompson è undicesimo dopo aver sopravanzato Filippi. Al termine del giro si ritira Björk per problemi tecnici.

Tarquini è indemoniato, prende le misure a Muller e lo infila alla curva 14, balzando al comando davanti al francese e a Catsburg, che nel frattempo è riuscito a passare anche Bennani. Subito dietro al marocchino ci sono López, Valente, Michelisz, Monteiro, Huff e Coronel a completare la Top10.

La direzione gara impone un drive-through a Michelisz e Coronel per non essersi schierati correttamente in griglia; rientrati per scontare la penalità, in zona punti accedono Thompson e Filippi.

Al giro 7 Bennani deve cedere due posizioni a vantaggio di López (quarto) e Valente (quinto). Intanto Tarquini prende il largo guadagnando 2" al giro su Muller, che vede arrivare di gran carriera Catsburg.

La LADA dell'olandese ha la meglio sulla Citroën dell'alsaziano alla curva 14, Ma Muller torna secondo sfruttando l'incrocio sul rettilineo principale. Nicky ripassa Yvan alla curva 9 e stavolta riesce a mantenere la piazza d'onore.

Dietro a loro c'è da tenere d'occhio anche la battaglia fra Valente e López, in lotta serratissima per la quarta posizione, dopo che Hugo ha avuto la meglio su Monteiro. Bagarre molto interessate anche fra Chilton, Coronel ed Ekblom per la dodicesima piazza; al giro 11 il Tom della Chevrolet supera quello della C-Elysée, che poi cede il passo anche alla Volvo.

Al giro 11 iniziano le scaramucce fra Bennani, Monteiro, Huff e Thompson per il sesto posto. Monteiro riesce a mettersi alle spalle il marocchino, che poi viene passato anche da Huff e da "Thommo" poco dopo.

Michelisz torna in zona punti superando Filippi alla curva 12.

Intanto Tarquini ha accumulato un vantaggio di ben 7" su Catsburg, con Muller ormai lontanissimo e comodamente terzo. López invece gira 1" più lento della coppia Monteiro-Huff quando mancano tre giri al termine.

Non accade più nulla di rilevante e Tarquini taglia vittorioso il traguardo davanti a Catsburg, Muller, Valente, López, Monteiro, Huff, Thompson, Bennani e Michelisz.

 

PosizionePilotaTeamAutoTempoGiri
1 ItaliaGabriele Tarquini LADA Sport Rosneft Lada Vesta WTCC 29:39.384 15
2 Paesi bassiNicky Catsburg LADA Sport Rosneft Lada Vesta WTCC +4.782 15
3 FranciaYvan Muller Citroen Total WTCC Citroen C-Elysée WTCC +16.062 15
4 FranciaHugo Valente LADA Sport Rosneft Lada Vesta WTCC +23.683 15
5 ArgentinaJosé María López Citroen Total WTCC Citroen C-Elysée WTCC +28.092 15
6 PortogalloTiago Monteiro GiapponeHonda Racing Team JAS Honda Civic WTCC +28.803 15
7 Regno UnitoRob Huff GiapponeHonda Racing Team JAS Honda Civic WTCC +29.266 15
8 Regno UnitoJames Thompson All-Inkl.com Munnich Motorsport Chevrolet RML Cruze TC1 +30.164 15
9 MaroccoMehdi Bennani Sebastien Loeb Racing Citroen C-Elysée WTCC +35.037 15
10 UngheriaNorbert Michelisz GiapponeHonda Racing Team JAS Honda Civic WTCC +43.985 15
11 FranciaJohn Filippi SpagnaCampos Racing Chevrolet RML Cruze TC1 +47.000 15
12 Paesi bassiTom Coronel ItaliaROAL Motorsport Chevrolet RML Cruze TC1 +51.753 15
13 Fredrik Ekblom SveziaPolestar Cyan Racing Volvo S60 WTCC +53.227 15
14 Regno UnitoTom Chilton Sebastien Loeb Racing Citroen C-Elysée WTCC +59.620 15
15 Ferenc Ficza UngheriaZengo Motorsport Honda Civic WTCC +1:01.302 15
16 FranciaGrégoire Demoustier Sebastien Loeb Racing Citroen C-Elysée WTCC +1:04.878 15
R Thed Bjork Polestar Cyan Racing Volvo S60 WTCC   6

 

 

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WTCC
Evento Moscow Raceway
Sub-evento Domenica
Circuito Moscow Raceway
Articolo di tipo Gara