La Main Race incorona un irresistibile José María López

Con una grinta da vero Campione del Mondo, José María López ha conquistato il successo in casa davanti ad un grande Coronel e ad Huff. Monteiro è quarto, Muller e Michelisz beffati, sesto Guerrieri, lae Volvo e LADA.

Ancora una volta José María López si conferma il Re dell'Argentina conquistando un fantastico successo nella Main Race del WTCC.

A Termas de Río Hondo il pilota della Citroën ha dovuto lottare da vero Campione quale è per battere avversari che non gli hanno certo concesso vita facile sul circuito di casa, dove festeggia per la quinta volta in quattro anni.

"Pechito", partito in pole, al via è stato sfilato dalla Honda di Norbert Michelisz, ma al giro 7 è riuscito a riportare la sua C-Elysée #37 in testa e a scappare, involandosi verso il trionfo per la gioia del pubblico locale.

Al secondo posto si piazza un bravissimo Tom Coronel con la Chevrolet RML Cruze TC1 della ROAL Motorsport: l'olandese si aggiudica il successo nel WTCC Trophy tenendosi dietro per tutta la gara le Honda Civic WTCC di Rob Huff e Tiago Monteiro.

Yvan Muller è quinto, ma il francese ha di che recriminare, visto che era stato in lotta con López e Michelisz per la vittoria fino al settimo giro, quando lui e "Norbi" sono finiti larghi alla curva 11 perdendo la possibilità di impensierire l'idolo locale.

Sesto Esteban Guerrieri con la Chevrolet della Campos Racing, autore di un avvio non proprio irresistibile e di una bella lotta nella prima parte di gara con Monteiro.

La Citroën di Mehdi Bennani (Sébastien Loeb Racing) è settima e precede la Honda di Michelisz, mentre il vincitore della Opening Race Tom Chilton (Sébastien Loeb Racing) e John Filippi (Campos Racing, Chevrolet) completano la zona punti.

Fuori dalla Top10 la Chevrolet di James Thompson (ALL-INKL.COM Münnich Motorsport) e le LADA Vesta TC1 di Nicky Catsburg e Gabriele Tarquini, i quali hanno comunque provato a recuperare con grinta qualche posizione.

Quattordicesimo posto per Thed Björk con la Volvo S60 Polestar TC1, seguito da Grégoire Demoustier (Sébastien Loeb Racing, Citroën) e da Robert Dahlgren con la seconda Volvo. Chiude la classifica la Honda Civic WTCC di Dániel Nagy (Zengő Motorsport), mentre si è nuovamente dovuto ritirare Hugo Valente (LADA).

IL FILM DELLA GARA

A Termas de Río Hondo spunta il sole e dopo le bagarre della Opening Race in griglia si schierano tutti.

Si spengono i semafori e López prova a chiudere Michelisz, ma "Norbi" va in testa alla prima curva, con Muller che soffia il terzo posto a Coronel. Guerrieri parte molto a rilento e viene sfilato anche da Huff, Monteiro e Bennani.

Sul lungo rettilineo López deve cedere la seconda posizione a Muller, mentre Guerrieri si riprende la settima posizione su Bennani. "Pechito" però non ci sta e supera nuovamente Muller, mettendosi all'inseguimento di Michelisz, che al secondo giro chiude brutalmente l'argentino alla frenata della curva 5.

Muller ne approfitta e torna secondo, ma solo per pochi metri perché il Campione del Mondo lo riscavalca. Michelisz conduce davanti a López, Muller, Coronel, Huff, Monteiro, Guerrieri, Bennani, Chilton e Filippi.

Guerrieri attacca Monteiro al giro 3, ma Tiago si difende e il pilota della Campos Racing finisce anche con due ruote sull'erba alla curva 8, con Bennani che gli si avvicina.

Alla tornata successiva López ci riprova con Michelisz, sempre all'esterno della curva 5, ma "Norbi" si difende bene e Muller ancora una volta non riesce ad approfittarne per superare il compagno di squadra.

Nelle retrovie Catsburg passa Demoustier ed è dodicesimo dietro a Thompson. Anche Valente si mette alle spalle il francese della SLR, con Tarquini che è quindicesimo dopo aver superato Björk.

Michelisz prosegue la difesa a denti strettissimi anche al giro 6, ma in quello successivo deve desistere; López va al comando, mentre "Norbi" e Muller finiscono larghi nella via di fuga della curva 11.

López taglia il traguardo per primo davanti a Coronel, Huff, Monteiro, Muller, Guerrieri e  Bennani, mentre Michelisz rientra in pista ottavo e viene subito attacato da Chilton.

Intanto rientra ai box Valente con l'anteriore sinistra forata; il francese della LADA si ritira.

López scappa via con il giro record (1'45"899) mettendo 2" fra sè e il gruppetto formato da Coronel, Huff, Monteiro e Muller. Più distanti sono Guerrieri e Bennani. Tarquini e Björk superano con grinta Demoustier al giro 12 e il francese si ritrova quindicesimo.

Le ultime due tornate sono una passerella per López, che taglia il traguardo vittorioso con 2" di margine su Coronel e Huff, mentre Muller si deve accontentare del quinto posto dietro a Monteiro.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WTCC
Evento Termas de Rio Hondo
Sub-evento Domenica
Circuito Autodromo Termas de Rio Hondo
Articolo di tipo Gara