Huff: "Un bel riscatto dopo il disastro di Marrakech"

A Monza, il pilota della Münnich Motorsport è riuscito a conquistare due podi molto importanti in chiave campionato, dimostrandosi velocissimo anche in qualifica nonostante le condizioni avverse.

Huff: "Un bel riscatto dopo il disastro di Marrakech"
Podio: Rob Huff, All-Inkl Motorsport, Citroën C-Elysée WTCC
Conferenza stampa, Rob Huff, All-Inkl Motorsport, Citroën C-Elysée WTCC
Rob Huff, All-Inkl Motorsport, Citroën C-Elysée WTCC
Rob Huff, All-Inkl Motorsport, Citroën C-Elysée WTCC
Tom Chilton, Sébastien Loeb Racing, Citroën C-Elysée WTCC, Rob Huff, All-Inkl Motorsport, Citroën C-
Podio: il vincitore della gara Tom Chilton, Sébastien Loeb Racing, Citroën C-Elysée WTCC, il secondo clasificato Rob Huff, All-Inkl Motorsport, Citroën C-Elysée WTCC, il terzo classsificato Tiago Monteiro, Honda Racing Team JAS, Honda Civic WTCC
Podio Trofeo: il primo classificato Tom Chilton, Sébastien Loeb Racing, Citroën C-Elysée WTCC, il secondo clasificato Rob Huff, All-Inkl Motorsport, Citroën C-Elysée WTCC, il terzo classificato Esteban Guerrieri, Campos Racing, Chevrolet RML Cruze TC1
Tom Chilton, Sebastien Loeb Racing e Rob Huff, ALL-INKL.com Munnich Motorsport
Tom Chilton, Sebastien Loeb Racing e Rob Huff, ALL-INKL.com Munnich Motorsport
Rob Huff, ALL-INKL.com Munnich Motorsport
Rob Huff, ALL-INKL.com Munnich Motorsport
Tom Chilton, Citroën C-Elysée WTCC, Sébastien Loeb Racing, davanti Rob Huff, Citroën C-Elysée WTCC, ALL-INKL.COM Münnich Motorsport
Rob Huff, All-Inkl Motorsport, Citroën C-Elysée WTCC
Rob Huff, All-Inkl Motorsport, Citroën C-Elysée WTCC

Il doppio podio assoluto conquistato nelle gare del WTCC a Monza da Rob Huff è sicuramente un risultato positivo, anche perché il pilota della ALL-INKL.COM Münnich Motorsport doveva riscattare il weekend disastroso di Marrakech.

Raccolti pochissimi punti in Marocco, il britannico si è ampiamente rifatto in Brianza, dove nelle qualifiche è subito stato velocissimo, nonostante il non poter sfruttare le scie di compagni di squadra per andare ancor più forte.

"In Q1 e Q2 è andato tutto bene e secondo i piani, anche se chiaramente il fatto di non avere compagni di squadra non ti permette di sfruttarne la scia, soprattutto contro tre Honda e tre Volvo - ha detto Huffy - In Q3 potevo comunque fare bene, ho commesso un paio di errori finendo in sovrasterzo, ma la terza posizione mi è andata benissimo. E comunque ho potuto sfruttare la scia di alcuni avversari, come Coronel e Monteiro, è bastato seguirli all'uscita dalla pit-lane".

"A Marrakech non era stato un weekend positivo, penso che tutti possano passare un brutto fine settimana durante la stagione, speriamo che il nostro sia già alle spalle e non ce ne siano altri così. Dobbiamo prendere più punti possibili, abbiamo una macchina forte e va sfruttata".

"Chi mi ha stupito di più è stata la Honda, ha migliorato davvero tanto nel motore. Le Volvo sapevo che sarebbero state competitive sul dritto, già lo erano nel 2016. Quindi arrivare in Q3 con un'auto privata è una bella soddisfazione".

Nella Opening Race il nativo di Cambridge è stato autore di una fantastica rimonta dall'ottava piazza fino alla seconda, tagliando il traguardo in scia a Tom Chilton dopo averlo pressato a lungo.

"Secondo me è stata una grande gara, una volta passato Esteban Guerrieri mi sono concentrato nell'inseguire Norbert Michelisz e Mehdi Bennani, che poi si sono scontrati. Pensavo di poterli comunque superare in poco tempo, sia io che Tom Chilton eravamo più veloci secondo me. Ma quando hai la stessa vettura del tuo avversario, diventa tutto più difficile. Tom era molto più veloce in uscita dalla "Parabolica" e si è difeso bene. Ero preoccupato perché non pensavo di prendere tanti punti partendo ottavo, invece sono giunto secondo e questo mi soddisfa".

Nella Main Race è arrivato il terzo posto dietro alla Volvo di Thed Bjork e alla Honda di Tiago Monteiro, ma anche il successo nel WTCC Trophy.

"Anche la Main Race è andata bene, le Honda erano velocissime sul dritto e fra noi è stata una bella lotta. Nel settore due, più "Ascari" e "Parabolica", hanno fatto la differenza rispetto a noi, ma sono contento. Il mio campionato inizia ora, dopo i disastri di Marrakech. I due podi significano tanto, in particolare che la squadra ha lavorato benissimo, per cui la ringrazio".

Le prossime gare saranno sull'Hungaroring di Budapest, dove Huff tenterà di proseguire la sua rincorsa al titolo mondiale prendendo altri punti pesanti.

"La cosa importante resta conquistare più punti possibili. E' un campionato lungo e il weekend di Monza è andato benissimo. Se continueremo così, a fine anno penso ci sarà un "Huffy" felice. L'auto si comporta bene in tutte le condizioni ed è solida".

"A Budapest probabilmente soffriremo di più il peso imposto dalle zavorre, non so se cambierà qualcosa, ma se dovessimo essere più leggeri dovremmo sfruttare al meglio la situazione".

condivisioni
commenti
Michelisz e Michigami, beffa e danno doppio in casa Honda
Articolo precedente

Michelisz e Michigami, beffa e danno doppio in casa Honda

Prossimo Articolo

Guerrieri: "Abbiamo dimostrato di saper lavorare bene"

Guerrieri: "Abbiamo dimostrato di saper lavorare bene"
Carica commenti