Clamoroso: a serio rischio l'iscrizione delle LADA private

condivisioni
commenti
Clamoroso: a serio rischio l'iscrizione delle LADA private
Francesco Corghi
Di: Francesco Corghi
18 feb 2017, 12:56

Le indiscrezioni che davano per certo il progetto di avere le Vesta TC1 in pista nel 2017 lasciano spazio a quelle che il lavoro compiuto da Shapovalov per mettere in piedi un team privato sia definitivamente naufragato.

Gabriele Tarquini, LADA Sport Rosneft, Lada Vesta
Gabriele Tarquini, LADA Sport Rosneft, Lada Vesta
Press Conference: Gabriele Tarquini, LADA Sport Rosneft, Lada Vesta
Gabriele Tarquini, LADA Sport Rosneft, Lada Vesta
Gabriele Tarquini, LADA Sport Rosneft, Lada Vesta
Gabriele Tarquini, LADA Sport Rosneft, Lada Vesta
Nicky Catsburg, LADA Sport Rosneft, Lada Vesta
Gabriele Tarquini, LADA Sport Rosneft, Lada Vesta
Hugo Valente, LADA Sport Rosneft, Lada Vesta
Viktor Shapovalov, Team manager Lada Sport Rosneft

La stagione 2017 è ormai alle porte, ma una notizia clamorosa rischia di scuotere il mondo del WTCC: la presenza in griglia delle LADA Vesta TC1 è nuovamente in forte dubbio.

Se un mese fa sembrava scongiurata l'ipotesi dell'assenza delle vetture russe (dopo l'abbandono del team ufficiale), le indiscrezioni raccolte da Motorsport.com negli ultimi giorni sono di tutt'altro avviso.

Con la Casa di Togliatti che aveva deciso di concentrarsi sulla Russian Circuit Racing Series - TCR Russia, nella quale schiererà due Vesta TCR, il team principal Viktor Shapovalov si era dato da fare per trovare una soluzione ed evitare che le Vesta TC1 finissero in un museo.

Quello che poteva essere un potenziale finanziatore (con legami in Russia), ad oggi sembrerebbe essersi fatto di nebbia e definitivamente tirato indietro, dopo che a gennaio si era portato avanti un programma di test di sviluppo, interrotto però bruscamente.

Dovesse saltare il progetto di avere in pista le tre LADA in versione privata, per il WTCC sarebbe una vera e propria mazzata che farebbe ripiombare il campionato nell'incubo di avere meno di 16 vetture TC1 al via, con l'obbligo forzato di dover ricorrere alla Classe WTCC-2 (per le vetture TCN2, alias TCR) per rimpolpare la griglia di partenza.

Questo lascerebbe a piedi anche una stella come Gabriele Tarquini, sul quale LADA e Shapovalov avevano puntato per rendere più competitiva la Vesta TC1 nel 2016 (con ottimi risultati per altro), e che si ritroverebbe a dover virare su altri progetti per il prosieguo della sua incredibile carriera.

Ad una settimana dal termine delle iscrizioni al campionato, il WTCC ha assicurata la presenza solamente di dieci vetture: troppo poco per la griglia di un Mondiale.

 

 

Prossimo articolo WTCC

Su questo articolo

Serie WTCC
Piloti Gabriele Tarquini
Team Lada Sport
Autore Francesco Corghi
Tipo di articolo Ultime notizie