Chilton: "Tarquini mi ha attaccato in modo totalmente stupido!"

Nella Opening Race cinese Tom Chilton era in lotta per il secondo posto con la LADA di Gabriele Tarquini, ma una collisione fra i due ha costretto entrambi al ritiro.

A Tom Chilton non è andato giù il ritiro patito nella Opening Race del WTCC a Shanghai.

Il pilota della Sébastien Loeb Racing era secondo alle spalle della Honda di Michelisz, ma nella bagarre con Gabriele Tarquini c'è stato un ruvido contatto e i due hanno dovuto alzare bandiera bianca.

Il britannico è rientrato ai box con la sua Citroën C-Elysée WTCC vistosamente danneggiata e non le ha mandate a dire al collega della LADA.

"Sono molto arrabbiato perché ero secondo assoluto nella Opening Race e primo fra i privati. Purtroppo Tarquini mi ha colpito in uscita dal tornantino rovinandomi la gara: è stato un attacco totalmente stupido che mi ha costretto al ritiro. Debbo ringraziare la Sébastien Loeb Racing per il lavoro incredibile che ha fatto per ripararmi l'auto in tempo per la Main Race in 5 minuti, una cosa impressionante! In questo modo ho potuto schierarmi in griglia e arrivare secondo nel WTCC Trophy davanti a Tom Coronel", ha commentato.

Chilton ha di fatto perso in questo episodio le chanche di vincere il titolo nel WTCC Trophy, andato invece al suo compagno di squadra Mehdi Bennani.

"Complimenti a Bennani, ha fatto una stagione perfetta e rispetto a me ha sfruttato al meglio il fatto di conoscere già la vettura, cosa per cui ho perso un po' più di tempo. E' un pilota fortissimo e si è meritato il titolo. Scoccia perdere in questo modo, ora andremo in Qatar a giocarci la piazza d'onore fra i privati io e Coronel".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WTCC
Evento Shanghai
Circuito Shanghai International Circuit
Piloti Tom Chilton , Gabriele Tarquini
Team Sébastien Loeb Racing
Articolo di tipo Intervista