10 curiosità sul Nürburgring Nordschleife

Questa settimana il WTCC farà visita al Nürburgring Nordschleife, una pista ricca di storia e aneddoti.

Il FIA World Touring Car Championship tornerà a correre sul leggendario Nürburgring Nordschleife il weekend del 26-28 maggio. Ecco 10 cose da sapere.

1: La costruzione del Nürburgring, situato presso la città di Nürburg, sui monti Eifel della Germania, iniziò il 27 settembre del 1925 prendendo ispirazione dalla storica Targa Florio. I lavori terminarono nel 1927 grazie a più di 3000 operai e un costo di circa 15 milioni di marchi.

2: La prima gara lungo i 28,265km ebbe luogo il 18-19 giugno 1927. Il primo round vide impegnate le moto, con la vittoria conquistata da Toni Ulmen (350cc Velocette), mentre il giorno seguente toccò alle auto, fra le quali la spuntò Rudolf Caracciola su Mercedes Compressor di Classe 5000cc.

3: L'originale Nürburgring, chiamato anche Gesamtstrecke, era di 172 curve con cambi di pendenza continui e larghezza di non più di 8-9 metri. Louis Chiron segnò il giro recordo con una Bugatti Type
35C nel GP del 1929, fermando il cronometro sul 15'06.1 (112,31km/h).

4: In quello stesso anno si disputarono diversi altri eventi motoristici, mentre i successivi GP si corsero sulla versione di 22,8km. Le moto invece si spostarono sulla Südschleife di 7,7km.

5: Nel 1960 Sir Jackie Stewart soprannominò il Nordschleife "L'Inferno Verde", che tutt'ora rimane un nomignolo in voga fra gli appassionati. Jochen Rindt, invece, disse: "E' difficile da affrontare, ma è facile morirci!". Durante l'anno la pista è aperta al pubblico, che può percorrerla con le vetture stradali.

6: Niki Lauda fu il primo a girare sotto i 7' al Nordschleife: accadde nelle qualifiche del GP di Germania del 1975, dove l'austriaco della Ferrari ottenne la pole in 6'58.60. In gara il suo compagno di squadra Clay Regazzoni fece il giro record in 7'06.40.

7: Curiosamente, l'anno seguente Lauda fu promotore di un boicottaggio del GP per la sua pericolosità. Alla fine corse ugualmente, ma incappò nel terribile incidente che lo vide restare intrappolato per alcuni minuti nella sua Ferrari avvolta tra le fiamme, dopo l'incidente alla curva "Bergwerk". Lauda tornò in azione 40 giorni più tardi in occasione del GP d'Italia.

8: L'incidente e la storia di Lauda sono stati riproposti nel celebre film "Rush", dove viene raccontato il GP del Nordschleife del 1976. la pista oggi è teatro della Nürburgring 24 Hours (ADAC Zurich 24h-Rennen), che ebbe luogo per la prima volta nel 1970. L'evento utilizza anche la parte più nuova del tracciato (quello per i GP di F1) e attira oltre 800 piloti professionisti e amatoriali, nonché 200 vetture. Anche quest'anno il WTCC precederà la 24h, e si svolgerà in due gare da tre giri ciascuna.

9: Il record sulla versione da 20,81km appartiene a Stefan Bellof, autore della pole position durante la 1000km del 1983 (gara del World Endurance Championship in 6'11.13. Bellof, al volante della sua Porsche 956C sponsorizzata Rothmans, ottenne il miglior tempo anche in gara (6'25.91) prima di finire fuori alla "Pflanzgarten".

10: Quasi tutte le curve del Nordschleife hanno una storia da raccontare. La "Tiergarten" (situata al km 1)è un ex-cimitero di animali morti in combattimento. La "Schwedenkreuz" (km 5) è dove nel 1638 venne ucciso dai soldati svedesi Hans Friedrich Datenberg, sindaco di Kehlberg; tutt'ora c'è una croce di 290cm in suo ricordo. La "Klostertal" (km 13) fu la base di un Ordine dei Cavalieri di San Giovanni di Gerusalemme nel XIV secolo. Alla "Pflanzgarten" (17km) i Conti di Nürburg avevano la loro reggia e relativi campi coltivati.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WTCC
Evento Nürburgring
Circuito Nürburgring
Articolo di tipo Preview