Van Der Mark: "Passarne due in un colpo solo? Meglio!"

Van Der Mark sta iniziando a prenderci guasto ad andare a podio; il pilota olandese e la sua R1 sono infatti oramai una presenza costante nei festeggiamenti post gara della Superbike e così è stato anche oggi, grazie ad un bellissimo secondo posto in Gara 2 a Portimao.

Van Der Mark: "Passarne due in un colpo solo? Meglio!"
Michael van der Mark, Pata Yamaha
Michael van der Mark, Pata Yamaha
Michael van der Mark, Pata Yamaha
Michael van der Mark, Pata Yamaha
Podio: il secondo classificato Michael van der Mark, Pata Yamaha
Podio: il vincitore della gara Jonathan Rea, Kawasaki Racing, il secondo classificato Michael van der Mark, Pata Yamaha, il terzo classificato Marco Melandri, Aruba.it Racing-Ducati SBK Team
Michael van der Mark, Pata Yamaha
Michael van der Mark, Pata Yamaha
Michael van der Mark, Pata Yamaha

Non c'era bisogno di ulteriori conferme ma dopo la gara di oggi a Portimao è apparso ancora più evidente quanto l'accoppiata Michael Van Der Mark-Yamaha R1 siano finalmente efficaci e competitivi andando addirittura a sottrarre alla Ducati il titolo di seconda forza in campo, alle spalle della coppia dei miracoli Rea-ZX10RR.

Con un prestazione ancora migliore rispetto a ieri (terzo ieri, secondo oggi) il pilota olandese della Yamaha sta iniziando ad abituarsi al podio dopo l'exploit (che poi è diventato una costante) di Donington, pista sulla quale vinse la sua prima gara in Superbike: secondo al traguardo al termine di Gara 2, Van Der Mark si è reso protagonista di un sorpasso che ha fatto sobbalzare un po' tutti quelli che stavano guardando la gara in quel momento, arrivando a bomba dentro la prima curva e sorpassando in un colpo solo i due piloti Ducati che, come nel famoso proverbio "fra i due litiganti il terzo gode", in quel momento erano impegnati in una lotta per la seconda posizione persa da entrambi a scapito del giovane pilota Yamaha.

Intervistato a fine gara Van Der Mark è apparso molto soddisfatto della sua prestazione odierna anche se - come ha ammesso - gli sarebbe piaciuto andare a prendere Rea: "Rispetto a ieri ho cambiato solo lo pneumatico anteriore scegliendo quello a sezione maggiorata e poco altro, la moto non era molto diversa rispetto a Gara 1, abbiamo solo lavorato per recuperare un po' di feeling all'anteriore che ieri invece mi mancava. Un paio di volte ho anche pensato che potevo andare a prendere Johnny ma sappiamo tutti quanto è forte... gli sono rimasto vicino sperando che facesse qualche piccola sbavatura ma anche lui stava spingendo molto forte e non sono riuscito a prenderlo".

Parlando poi del suo sorpasso sui piloti Ducati, l'olandese stesso ha detto che non si aspettava di riuscire a chiudere quella curva nella quale è entrato a bomba: "Quando hanno iniziato a battagliare tra di loro (i piloti Ducati n.d.r.) hanno perso terreno nei miei confronti che stavo venendo su molto veloce ma non avevo programmato di sorpassarli in quel punto ed in quel modo, io ho frenato nello stesso punto solito senza tirare la staccata ma quando li ho visti andare entrambi lunghi... ho mollato il freno, riacquistato velocità e mi sono infilato dentro. Ne volevo sorpassare uno ma alla fine li ho passati tutti e due, meglio!".

Interpellato su cosa sia successo al compagno Alex Lowes, in ombra tutto il weekend nel mezzo dello schieramento, Michael non ha saputo darci spiegazioni ma anche lui è rimasto colpito dalla mediocre prestazione di Lowes, specialmente considerando che durante i test era risultato molto più forte di quanto poi è stato in questo weekend di gare.

Possiamo affermare che è un van der Mark maturo quello che abbiamo visto questo weekend a Portimao che, in sella ad una moto che sta finalmente mostrando il suo potenziale, ha gestito in maniera esemplare tutto il weekend di Portimao, dalle libere alle gare: la speranza è che questo pacchetto possa continuare a crescere per poter, chissà, andare a dare fastidio in maniera più concreta e convincente a quella che al momento è una vera egemonia da parte di Jonathan Rea, non fosse altro che per lo spettacolo e la bagarre: la speranza infatti è la stessa per tutti, quegli spalti vuoti fanno male.

 

condivisioni
commenti
Melandri: "Il prossimo anno? Guiderò il motorhome di Rea!"
Articolo precedente

Melandri: "Il prossimo anno? Guiderò il motorhome di Rea!"

Prossimo Articolo

Davies: "È stata una delle gare più difficili della mia carriera"

Davies: "È stata una delle gare più difficili della mia carriera"
Carica commenti
SBK | Toprak, il diamante che segna il ricambio generazionale Prime

SBK | Toprak, il diamante che segna il ricambio generazionale

Toprak Razgatlioglu è il nuovo campione del mondo della Superbike, il turco è riuscito a battere Rea dopo sei anni di dominio incontrastato. Ma il titolo del pilota Yamaha non rappresenta solo un cambiamento al vertice, segna anche il rinnovo del campionato, un ricambio generazionale che disegna un bel futuro per le derivate di serie.

WSBK
24 nov 2021
Bassani ora brilla: è lui il futuro di Ducati in Superbike? Prime

Bassani ora brilla: è lui il futuro di Ducati in Superbike?

Axel Bassani ha sfiorato il podio in Argentina, dopo essere stato in lotta con i tre grandi protagonisti del mondiale. Un weekend incredibile quello del pilota del team Motocorsa, che conferma il grande cammino di crescita e fa pensare che un futuro roseo per Ducati possa essere proprio nelle sue mani.

WSBK
20 ott 2021
SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi Prime

SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi

La lotta mondiale fra Toprak Razgatlioglu e Jonathan Rea è sempre più intensa, con l'avvicinarsi della fine di questa stagione così avvincente i due sono molto vicini in classifica. Questa situazione di grande equilibrio, che a Portimao ha raggiunto il culmine, ci sta consegnando una vera e propria guerra di nervi fra i due contendenti al titolo.

WSBK
6 ott 2021
Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini" Prime

Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini"

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine analizzano, oltre a quanto successo in Russia, il lutto vissuto dal mondo delle due ruote in quel di Jerez, che piange la perdita di Dean Berta Vinales

WSBK
29 set 2021
SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento Prime

SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento

La tragica scompare di Dean Berta Vinales nel sabato del round di Jerez ha scosso non solo il paddock della Superbike ma l'intero motociclismo. Insieme al dolore, sorgono però tanti interrogativi e il grido che si leva è quello dei piloti, che chiedono un cambiamento per una classe diventata troppo pericolosa.

WSBK
28 set 2021
SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante Prime

SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante

In una stagione così avvincente e con una classifica così corta, manca un po' all'appello Ducati, che vede assottigliarsi sempre di più la speranza di rivendicare il titolo a dieci anni dall'ultimo mondiale. Nonostante si mostri spesso efficace e nettamente superiore ai rivali, la Rossa di Borgo Panigale ha pagato l'incostanza in una stagione che non lascia margine di errore.

WSBK
23 set 2021
SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio? Prime

SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio?

La stagione 2021 del mondiale Superbike sta regalando una lotta iridata serratissima e senza sconti. Tuttavia, è difficile fare calcoli a causa di un calendario ancora incerto e con l'ultimo round ancora non confermato a due mesi dal termine del campionato. Con uno scenario così aperto, quanti sono dunque i punti in palio?

WSBK
16 set 2021
Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits? Prime

Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits?

La tripletta di Magny-Cours diventa una doppietta per Toprak Razgatlioglu, privato della vittoria in Superpole Race per aver superato i limiti della pista all’ultimo giro. Il caso Yamaha-Kawasaki riapre la questione dei track limits, considerati ormai un’esasperazione che condiziona fin troppo gli esiti delle gare.

WSBK
7 set 2021