Camier: "Scelta difficile, ma le gare avevano perso un po' senso"

Leon Camier si ritira come pilota Superbike e diventa team manager di HRC. Il britannico riflette sui motivi che lo hanno portato a prendere questa decisione.

Camier: "Scelta difficile, ma le gare avevano perso un po' senso"

Camier ha corso nel mondiale Superbike dal 2010, ma quest'anno ha deciso di appendere il casco al chiodo e accettare l'offerta di Honda come team manager, tornando al costruttore con cui ha gareggiato nelle stagioni 2018 e 2019, dopo aver corso con Aprilia, Suzuki, BMW e MV Agusta.

Pur avendo dimostrato di avere buon ritmo con la Honda nonostante la moto non fosse competitiva, ha perso diversi round nel 2018 a causa della frattura delle costole ad Aragon, restando poi fuori per gran parte della stagione successiva per un infortunio alla spalla.

Un altro incidente dopo il passaggio al team Barni Ducati per il 2020 gli ha impedito di essere alla prima gara della stagione, a Phillip Island, e le due parti alla fine hanno accettato di separarsi senza completare un singolo round insieme.

Parlando durante i test di Jerez, i primi in veste da team manager, Camier ha rivelato che aveva l'opzione di tornare al BSB, ma ha ammesso che le corse avevano perso un po' di significato dopo aver sofferto per diversi anni a causa degli infortuni: “Nella mia testa, è stato un momento difficile. Troppi infortuni, troppi. E non corro in moto solo per guadagnarmi da vivere o solo per continuare a gareggiare. Questo non mi interessa. Voglio correre se posso vedere una possibilità di progredire, per cercare di essere in una situazione competitiva, cercare di vincere le gare, cercare di salire sul podio. Ecco perché lo faccio. E non mi sembrava più possibile”.

Leggi anche:

“Con la spalla infortunata, penso che sia stato facile perdere la fiducia nel fare molte cose, si trattava di vedere se potevo rendere a livello fisico, ma non ci sono riuscito. Potevo tornare a gareggiare in Gran Bretagna, nel BSB, e sono abbastanza fiducioso di poter ottenere una buona moto lì. Ma allo stesso tempo mi sembrava di aver perso un po’ il desiderio, la motivazione per dare il massimo. Le gare hanno perso un po’ di significato per me. Sento che in questa posizione, con questa opportunità, posso portare la mia esperienza e cercare di aiutare in modo diverso a raggiungere lo stesso risultato. Faccio parte di una squadra vincente, è qui che mi trovo ora”.

La decisione di accettare l'offerta di Honda per sostituire Jaume Colom come team manager porta così alla fine anticipata la carriera illustre di Camier, che ha vinto un titolo BSB nel 2009, e disputato 223 gare con nove podi nel mondiale Superbike. L’ormai ex pilota ha ammesso che non è stato facile appendere il casco all'età di 34 anni, 11 anni dopo aver fatto il suo debutto a tempo pieno nel mondiale con Aprilia, ma assicura che l'opportunità di rimanere nel paddock con Honda lo ha aiutato a prendere la decisione.

“Ad essere onesti, è stata probabilmente la decisione più difficile della mia vita decidere di smettere di correre – ha detto Camier – Ovviamente, gli ultimi anni per me non sono stati facili con gli infortuni e non è andata come avrei voluto. Decidere di smettere di correre è una cosa importante. Tutta la mia vita è stata dedicata a una cosa, le gare, l'allenamento. Tutto quello che fai ogni giorno è migliorare te stesso e cercare di essere performante come pilota. Smettere è una cosa molto grande, più grande di quanto mi aspettassi”.

“Ma penso che avere questa opportunità mi abbia aiutato. Posso concentrarmi su questo. Posso usare la mia esperienza per cercare di migliorare. È qualcosa che posso iniziare abbastanza facilmente. Passare da pilota a team manager è una progressione abbastanza naturale. Non vedo l'ora di affrontare la sfida. Sarà un anno molto interessante per me, avrò molto da imparare, ma allo stesso tempo sono davvero entusiasta di iniziare”.

Leon Camier, Barni Racing Team, Chaz Davies, Aruba.it Racing Ducati
Leon Camier, Barni Racing Team, Chaz Davies, Aruba.it Racing Ducati
1/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Leon Camier, Barni Racing Team, Chaz Davies, ARUBA.IT Racing Ducati
Leon Camier, Barni Racing Team, Chaz Davies, ARUBA.IT Racing Ducati
2/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Chaz Davies, ARUBA.IT Racing Ducati, Leon Camier, Barni Racing Team
Chaz Davies, ARUBA.IT Racing Ducati, Leon Camier, Barni Racing Team
3/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Chaz Davies, ARUBA.IT Racing Ducati, Leon Camier, Barni Racing Team
Chaz Davies, ARUBA.IT Racing Ducati, Leon Camier, Barni Racing Team
4/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Chaz Davies, ARUBA.IT Racing Ducati, Leon Camier, Barni Racing Team
Chaz Davies, ARUBA.IT Racing Ducati, Leon Camier, Barni Racing Team
5/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Leon Camier, Barni Racing Team
Leon Camier, Barni Racing Team
6/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Chaz Davies, Arubait Racing Ducati, Leon Camier, Barni Racing Team
Chaz Davies, Arubait Racing Ducati, Leon Camier, Barni Racing Team
7/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Leon Camier, Barni Racing Team
Leon Camier, Barni Racing Team
8/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Leon Camier, Barni Racing Team
Leon Camier, Barni Racing Team
9/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Leon Camier, Barni Racing Team
Leon Camier, Barni Racing Team
10/16

Foto di: WSBK

Leon Camier, Barni Racing Team
Leon Camier, Barni Racing Team
11/16

Foto di: WSBK

Leon Camier, Honda WSBK Team
Leon Camier, Honda WSBK Team
12/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Leon Camier, Honda WSBK Team
Leon Camier, Honda WSBK Team
13/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Michael Ruben Rinaldi, Barni Racing Team, Leon Camier, Honda WSBK Team
Michael Ruben Rinaldi, Barni Racing Team, Leon Camier, Honda WSBK Team
14/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Chris Pike, Leon Camier, Honda WSBK Team
Chris Pike, Leon Camier, Honda WSBK Team
15/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Leon Camier, HRC WSBK Team Manager
Leon Camier, HRC WSBK Team Manager
16/16

Foto di: WSBK

condivisioni
commenti
Rea critico sulle nuove regole dei test: “Enorme spreco di soldi”
Articolo precedente

Rea critico sulle nuove regole dei test: “Enorme spreco di soldi”

Prossimo Articolo

Rea rivorrebbe Imola: "Preferirei andare lì che all'Estoril"

Rea rivorrebbe Imola: "Preferirei andare lì che all'Estoril"
Carica commenti
SBK | Toprak, il diamante che segna il ricambio generazionale Prime

SBK | Toprak, il diamante che segna il ricambio generazionale

Toprak Razgatlioglu è il nuovo campione del mondo della Superbike, il turco è riuscito a battere Rea dopo sei anni di dominio incontrastato. Ma il titolo del pilota Yamaha non rappresenta solo un cambiamento al vertice, segna anche il rinnovo del campionato, un ricambio generazionale che disegna un bel futuro per le derivate di serie.

WSBK
24 nov 2021
Bassani ora brilla: è lui il futuro di Ducati in Superbike? Prime

Bassani ora brilla: è lui il futuro di Ducati in Superbike?

Axel Bassani ha sfiorato il podio in Argentina, dopo essere stato in lotta con i tre grandi protagonisti del mondiale. Un weekend incredibile quello del pilota del team Motocorsa, che conferma il grande cammino di crescita e fa pensare che un futuro roseo per Ducati possa essere proprio nelle sue mani.

WSBK
20 ott 2021
SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi Prime

SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi

La lotta mondiale fra Toprak Razgatlioglu e Jonathan Rea è sempre più intensa, con l'avvicinarsi della fine di questa stagione così avvincente i due sono molto vicini in classifica. Questa situazione di grande equilibrio, che a Portimao ha raggiunto il culmine, ci sta consegnando una vera e propria guerra di nervi fra i due contendenti al titolo.

WSBK
6 ott 2021
Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini" Prime

Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini"

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine analizzano, oltre a quanto successo in Russia, il lutto vissuto dal mondo delle due ruote in quel di Jerez, che piange la perdita di Dean Berta Vinales

WSBK
29 set 2021
SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento Prime

SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento

La tragica scompare di Dean Berta Vinales nel sabato del round di Jerez ha scosso non solo il paddock della Superbike ma l'intero motociclismo. Insieme al dolore, sorgono però tanti interrogativi e il grido che si leva è quello dei piloti, che chiedono un cambiamento per una classe diventata troppo pericolosa.

WSBK
28 set 2021
SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante Prime

SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante

In una stagione così avvincente e con una classifica così corta, manca un po' all'appello Ducati, che vede assottigliarsi sempre di più la speranza di rivendicare il titolo a dieci anni dall'ultimo mondiale. Nonostante si mostri spesso efficace e nettamente superiore ai rivali, la Rossa di Borgo Panigale ha pagato l'incostanza in una stagione che non lascia margine di errore.

WSBK
23 set 2021
SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio? Prime

SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio?

La stagione 2021 del mondiale Superbike sta regalando una lotta iridata serratissima e senza sconti. Tuttavia, è difficile fare calcoli a causa di un calendario ancora incerto e con l'ultimo round ancora non confermato a due mesi dal termine del campionato. Con uno scenario così aperto, quanti sono dunque i punti in palio?

WSBK
16 set 2021
Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits? Prime

Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits?

La tripletta di Magny-Cours diventa una doppietta per Toprak Razgatlioglu, privato della vittoria in Superpole Race per aver superato i limiti della pista all’ultimo giro. Il caso Yamaha-Kawasaki riapre la questione dei track limits, considerati ormai un’esasperazione che condiziona fin troppo gli esiti delle gare.

WSBK
7 set 2021