Presentato ufficialmente il Team Supersonic

Presentato ufficialmente il Team Supersonic

La squadra satellite della Ducati ha svelato i colori della sua 1198

Si è svolta al Bobadilla Club di Dalmine la presentazione del Supersonic Racing Team. Uno splendido evento in uno dei locali più "in " della Lombardia. Sotto l'abile regia di Cristiano Friggeri, responsabile Motor Sport Division dell'agenzia A&J che cura l'immagine e gli sponsor del team, la serata ha visto la partecipazione di un numeroso pubblico e di famosi personaggi dello sport e dello spettacolo. Tutta l'attenzione dei presenti era concentrata su Danilo Soncini, fondatore e proprietario del team ed il suo pilota Maxime Berger. Soncini dopo aver tracciato una breve storia della sua squadra, ha spiegato i motivi che lo hanno portato alla scelta di Maxime. "Troppo facile e scontato puntare su piloti vicini ai quaranta" - ha affermato il manager di Parma - "Piloti esperti, ma che a volte possono essere mossi più dall'interesse economico che non dalla passione e dalla voglia di emergere che invece caratterizza i giovani". Giovani come lo stesso Soncini e come i tecnici della sua squadra che formano un team molto affiatato. E tutta la squadra al completo è stata fatta salire sul palco della discoteca bergamasca, per ritirare il premio della Gioielleria Arando, dedicato alla squadra rivelazione del mondiale Superbike 2010. E non poteva mancare il pilota che lo scorso anno ha portato in pista la Ducati di questo team rivelazione: Luca Scassa. Il pilota di Arezzo si è detto orgoglioso di aver fatto parte del team Supersonic. "Le nostre strade si sono divise - ha dichiarato Luca che nel 2011 correrà nel mondiale Supersport - ma resta intatto il rapporto di amicizia e di grande stima reciproca". Dal passato al presente, la parola è passata a Maxime Berger che ha ringraziato Soncini per aver realizzato quello che per lui è sempre stato un sogno: correre in Superbike. Maxime ha tracciato un breve bilancio dei test che ha effettuato a Cartagena, Portimao ed al Motorland Aragon, grazie ai quali ha iniziato ad abituarsi ai cavalli ed all'elettronica della sua Ducati. "Sarà il mio primo mondiale Superbike - ha detto Maxime - è l'obiettivo è quello di andare sempre a punti e di entrare qualche volta nella top ten. Però devo ancora imparare molte cose prima di poter sfruttare tutto il potenziale della mia moto". Berger e Soncini hanno poi tolto i veli alla Ducati 1198 Supersonic, mostrando la nuova livrea della splendida moto di Borgo Panigale con i colori rosso, nero e bianco e con la parte alta del serbatoio di colore grigio. Davvero bella ed aggressiva. A conclusione della serata le foto di rito alle quali non si sono sottratti i personaggi dello sport e dello spettacolo presenti in sala. Roberto Locatelli, campione mondiale della 125 nel 2000 ed attuale direttore sportivo del team Italia GP 125 è salito sul palco del Bobadilla così come Ivano Brugnetti, campione olimpico di marcia e Matteo Tagliarol, medaglia d'oro nella spada individuale a Pechino 2008. La serata è stata inoltre animata dalla presenza di Patricia Hnateck, valletta di "Domenica Stadio" su Italia1, Diego Conte e Alessandro Genova di "Uomini e donne", Simona Salvemini e Vanessa Ravizza del "Grande Fratello" e Beppe Covertini attore e presentatore, che assieme ai numerosi giornalisti del mondo sportivo e dello spettacolo, hanno dato vita ad una serata speciale, che avrà un risalto nazionale non solo sulla sulla stampa specializzata, ma anche fuori dal "confini" del mondo sportivo.
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WSBK
Piloti Maxime Berger
Articolo di tipo Ultime notizie