WSBK
27 set
-
29 set
Evento concluso
11 ott
-
13 ott
Evento concluso
24 ott
-
26 ott
Evento concluso

Bandiera rossa: brutto incidente nella Superpole 2

condivisioni
commenti
Bandiera rossa: brutto incidente nella Superpole 2
Di:
21 lug 2012, 15:51

Giugliano ha perso olio, facendo cadere rovinosamente Badovini, Smrz e Salom

Attimi di apprensione durante la Superpole 2 di Brno del Mondiale Superbike. Quando era iniziato da pochi minuti, infatti, il secondo segmento è stato sospeso dalla bandiera rossa a causa di un incidente spaventoso, che fortunatamente si è risolto senza troppe conseguenze per i piloti coinvolti. La Ducati di Davide Giugliano è stata colpita probabilmente da un sasso, che è andato a danneggiare il radiatore, che ha iniziato a perdere liquido inondando la pista e la ruota anteriore del Team Althea, che pochi metri più tardi è finito ruote all'aria. Dietro di lui però arrivava Ayrton Badovini, che è scivolato ad altissima velocità sull'olio lasciato da Giugliano: il volo della sua BMW è stato davvero spaventoso, ma anche il pilota italiano è andato a sbattere piuttosto violentemente contro gli airfence di protezione. Vederlo alzarsi e lasciare il luogo dell'incidente sulle sue gambe ha quindi fatto tirare un bel sospiro di sollievo a tutti, anche se per sicurezza è stato scortato al centro medico. Subito dietro ad Ayrton poi sono scivolati anche Jakub Smrz e David Salom, ma anche loro si sono rialzati immediatamente senza particolari conseguenze, se non qualche danno alle loro moto. Al momento comunque la sessione è ancora ferma, in quanto la direzione gara è stata costretta a mandare in pista i mezzi necessari per la pulitura della pista.
Prossimo Articolo
Brno, Libere 2: Giugliano guida l'1-2 Ducati

Articolo precedente

Brno, Libere 2: Giugliano guida l'1-2 Ducati

Prossimo Articolo

Brno, Superpole: settimo sigillo per Tom Sykes

Brno, Superpole: settimo sigillo per Tom Sykes
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie WSBK
Piloti Jakub Smrz , Davide Giugliano , Ayrton Badovini
Autore Matteo Nugnes