SBK: Van der Mark riporta BMW al trionfo ed entra nella storia del marchio

Michael van der Mark ha trionfato nella Superpole Race a Portimao, interrompendo un digiuno di vittorie BMW lungo otto anni. L'ultimo successo infatti era firmato Chaz Davies, nel 2013. L'olandese riesce a regalare la vittoria al costruttore tedesco, sopperendo all'assenza di Tom Sykes, punto di riferimento del progetto.

SBK: Van der Mark riporta BMW al trionfo ed entra nella storia del marchio

Il round di Portimao ci ha regalato una montagna russa di emozioni, in pista e fuori. Come spesso è capitato in questa stagione, i due contendenti al titolo hanno fatto la differenza, ma gli outsider si sono più volte rivelati ago della bilancia nella lotta al mondiale, con prestazioni di livello che hanno messo in crisi anche i più favoriti. In Algarve è stato il turno di BMW, che in più di un’occasione aveva mostrato passi in avanti senza però concretizzare.

Grazie a Michael van der Mark invece, la Casa bavarese è tornata davanti a tutti durante la Superpole Race. Le condizioni della pista particolarmente insidiose hanno esaltato le doti di guida dell’olandese, che ha approfittato della partenza bagnata con pista che andava via via asciugandosi. Van der Mark ha portato la M1000RR-R sul gradino più alto del podio passando sotto la bandiera a scacchi con un vantaggio di ben oltre cinque secondi su Scott Redding, secondo al traguardo.

Quella di domenica è stata una giornata storica per BMW, che ha ritrovato il successo dopo ben otto anni. Già, perché l’ultima vittoria BMW risale al 2013, quando al Nurburgring Chaz Davies trionfò in Gara 2. Da allora non era più riuscita a imporsi, arrivando poi a ritirarsi al termine di quella stagione. Il costruttore tedesco è rientrato nel mondiale delle derivate di serie nel 2019, con un nuovo progetto supportato dalla formazione inglese Shaun Muir Team.

Michael van der Mark, BMW Motorrad WorldSBK Team

Michael van der Mark, BMW Motorrad WorldSBK Team

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

Tornata in veste ufficiale, BMW si è affidata a Tom Sykes, leader del progetto che sta portando avanti ancora adesso. Nelle difficoltà iniziali, con una moto non propriamente all’altezza della concorrenza, il britannico aveva conquistato il suo primo podio al rientro in Gara 1 a Misano, per poi agguantare la Superpole nel weekend successivo a Donington. Era la prima partenza al palo dopo il 2010. BMW aveva chiuso la stagione 2019 con altri tre podi e un quarto posto nella classifica dei costruttori.

Un rientro decisamente al di sopra delle aspettative. Mancava solamente la vittoria, che si pensava sarebbe arrivata nel 2020, stagione travagliata per la pandemia ma in cui ci si aspettava un balzo in avanti. Con una formazione diversa, BMW si affidava sempre a Tom Sykes, a cui era stato affiancato Eugene Laverty. Tuttavia, i due hanno raccolto meno di quanto si pensasse, lo scorso anno hanno collezionato solo due Superpole, una a testa.

BMW era diventata improvvisamente la grande delusione del campionato, tanto che la decisione di Michael van der Mark di lasciare Yamaha per salire in sella alla M 1000 RR-R era apparsa folle. L’olandese salutava un team che lottava per le posizioni di vertice e andava a farsi coinvolgere in un progetto che ancora non sembrava vedere la luce in fondo al tunnel. Nonostante qualche guizzo infatti, fino al round di Portimao il costruttore bavarese non era apparso in grado di mettere in discussione il dominio dei propri rivali. Arrivava in Algarve solo con il terzo posto di Tom Sykes a Donington in Gara 2.

Il Portogallo invece ha dato una svolta alla stagione di BMW: Michael van der Mark ha interrotto un digiuno lungo otto anni e, forse in maniera inaspettata, ha avuto la meglio sul suo compagno di squadra. Quest’anno era stato proprio Tom Sykes a firmare l’unica Superpole BMW della stagione, a Barcellona. Lì però il britannico è stato protagonista di un incidente che lo ha lasciato fuori dai giochi sia a Jerez sia a Portimao. Pertanto tutto era sulle spalle di van der Mark, che però non ha deluso le aspettative, anzi. Il costruttore tedesco ha mostrato un’enorme crescita, approfittando delle condizioni e vincendo con il ‘secondo’ pilota, che trova il suo primo successo in BMW e sopravanza anche Sykes, punto di riferimento del progetto.

Michael van der Mark, BMW Motorrad WorldSBK Team

Michael van der Mark, BMW Motorrad WorldSBK Team

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
SSP300, Portimao: Huertas perfetto conquista titolo e vittoria
Articolo precedente

SSP300, Portimao: Huertas perfetto conquista titolo e vittoria

Prossimo Articolo

Report SBK: Rea e Toprak, rollercoaster mondiale

Report SBK: Rea e Toprak, rollercoaster mondiale
Carica commenti
SBK | Toprak, il diamante che segna il ricambio generazionale Prime

SBK | Toprak, il diamante che segna il ricambio generazionale

Toprak Razgatlioglu è il nuovo campione del mondo della Superbike, il turco è riuscito a battere Rea dopo sei anni di dominio incontrastato. Ma il titolo del pilota Yamaha non rappresenta solo un cambiamento al vertice, segna anche il rinnovo del campionato, un ricambio generazionale che disegna un bel futuro per le derivate di serie.

WSBK
24 nov 2021
Bassani ora brilla: è lui il futuro di Ducati in Superbike? Prime

Bassani ora brilla: è lui il futuro di Ducati in Superbike?

Axel Bassani ha sfiorato il podio in Argentina, dopo essere stato in lotta con i tre grandi protagonisti del mondiale. Un weekend incredibile quello del pilota del team Motocorsa, che conferma il grande cammino di crescita e fa pensare che un futuro roseo per Ducati possa essere proprio nelle sue mani.

WSBK
20 ott 2021
SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi Prime

SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi

La lotta mondiale fra Toprak Razgatlioglu e Jonathan Rea è sempre più intensa, con l'avvicinarsi della fine di questa stagione così avvincente i due sono molto vicini in classifica. Questa situazione di grande equilibrio, che a Portimao ha raggiunto il culmine, ci sta consegnando una vera e propria guerra di nervi fra i due contendenti al titolo.

WSBK
6 ott 2021
Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini" Prime

Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini"

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine analizzano, oltre a quanto successo in Russia, il lutto vissuto dal mondo delle due ruote in quel di Jerez, che piange la perdita di Dean Berta Vinales

WSBK
29 set 2021
SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento Prime

SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento

La tragica scompare di Dean Berta Vinales nel sabato del round di Jerez ha scosso non solo il paddock della Superbike ma l'intero motociclismo. Insieme al dolore, sorgono però tanti interrogativi e il grido che si leva è quello dei piloti, che chiedono un cambiamento per una classe diventata troppo pericolosa.

WSBK
28 set 2021
SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante Prime

SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante

In una stagione così avvincente e con una classifica così corta, manca un po' all'appello Ducati, che vede assottigliarsi sempre di più la speranza di rivendicare il titolo a dieci anni dall'ultimo mondiale. Nonostante si mostri spesso efficace e nettamente superiore ai rivali, la Rossa di Borgo Panigale ha pagato l'incostanza in una stagione che non lascia margine di errore.

WSBK
23 set 2021
SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio? Prime

SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio?

La stagione 2021 del mondiale Superbike sta regalando una lotta iridata serratissima e senza sconti. Tuttavia, è difficile fare calcoli a causa di un calendario ancora incerto e con l'ultimo round ancora non confermato a due mesi dal termine del campionato. Con uno scenario così aperto, quanti sono dunque i punti in palio?

WSBK
16 set 2021
Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits? Prime

Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits?

La tripletta di Magny-Cours diventa una doppietta per Toprak Razgatlioglu, privato della vittoria in Superpole Race per aver superato i limiti della pista all’ultimo giro. Il caso Yamaha-Kawasaki riapre la questione dei track limits, considerati ormai un’esasperazione che condiziona fin troppo gli esiti delle gare.

WSBK
7 set 2021