Van der Mark contro Melandri: “Non deve parlare della moto del 2020”

I due piloti Yamaha sono autori di prestazioni completamente differenti e, mentre van der Mark archivia il round di Magny-Cours con soddisfazione, Melandri annaspa. Il ravennate si lamenta della moto, ma l’olandese risponde per le rime.

Van der Mark contro Melandri: “Non deve parlare della moto del 2020”

Dopo un avvio di stagione fenomenale, Yamaha è rimasta nell’ombra da metà campionato. Ma a Magny-Cours è tornata prepotentemente nelle posizioni di testa lottando per la vittoria e fronteggiando grandi avversari come Jonathan Rea e Toprak Razgatlioglu. Michael van der Mark in particolare ha sfiorato la vittoria in Gara 1 e ha insidiato il Campione in carica fino alla fine in Gara 2. Con due podi, il bilancio è decisamente positivo e l’olandese vola in Argentina determinato a continuare su questa strada.

Anche in vista della prossima stagione, van der Mark appare piuttosto ottimista, al contrario di quanto invece afferma Marco Melandri, ormai in perenne affanno ed in continuo contrasto con l’olandese. I due hanno opinioni completamente differenti sull’andamento della moto ed i risultati ne sono la conferma.

Il ravennate continua a faticare e sa di non riuscire a concludere la sua ultima stagione come vorrebbe: “Non riesco a guidare, faccio molta fatica. Anche il fatto di partire così indietro non ha aiutato. Con le gomme nuove è sempre complicato per me, la moto è molto nervosa ed è completamente diversa dalle mie caratteristiche. Quando si consumano andava un po’ meglio. Quando torno a casa non sono mai contento, la battaglia non è stata male all’inizio della gara, ma non mi sono divertito a guidare. Non credo che Yamaha non voglia andare nella mia direzione. La moto è molto rigida, faccio il possibile anche con il team, lavoriamo tanto. È impossibile per me fermarla, girarla. È completamente diversa da quella del 2011”.

Leggi anche:

“Quest’anno non trovo la quadra – prosegue Melandri – forse perché non siamo nemmeno un team ufficiale. La moto è veloce, ma è proprio il carattere che non si adatta a me. Mi piace guidare con l’anteriore, ma questa si guida con il posteriore. Il carattere della moto dell’anno prossimo sarà più o meno lo stesso, credo che se continuassi non farei enormi passi in avanti.”.

Alla crisi di Melandri si contrappone la grande competitività di Michael van der Mark, che non si risparmia quando gli viene riferita l’opinione dell’italiano sulla R1 del prossimo anno. Secondo l’olandese, non può avere voce in capitolo, dato l’imminente addio al campionato.

Il portacolori del team Pata risponde a Melandri senza mezzi termini: “Lui dice che la moto dell’anno prossimo è uguale a quella di quest’anno? Non mi preoccupa, non so se avete visto i risultati di Marco, non ho nulla da dire. Perché dovrei essere preoccupato? Io sono salito sul podio, lui invece non so cosa abbia fatto. Sesto? Domenica mattina era dodicesimo. Quindi non sono preoccupato. Sicuramente non è una moto completamente diversa, ma con miglioramenti in alcune aree. Stiamo già vedendo che stiamo facendo progressi. Per me Marco è troppo critico. Tra l’altro sta per ritirarsi, quindi non dovrebbe parlare”.

Leggi anche:

Van der Mark ha tenuto testa a Rea per tutto il weekend, insidiandolo già dalla Superpole finendo poi a tenere vivo un mondiale che si è poi concluso nel segno del pilota Kawasaki: “Io provo sempre a vincere, domenica non ero forte come sabato, ma ci ho provato fino alla fine. Avevamo un passo costante, eravamo un po’ migliorati nelle curve lente. Ho spinto al massimo che ho potuto”.

“Comunque credo che Rea ci abbia dimostrato nuovamente perché è campione del mondo. Ad inizio stagione Alvaro stava vincendo, ma Jonathan era sempre secondo e non è mai andato in panico. Non credo che il suo livello si fosse abbassato, quindi mi aspettavo che ritornasse anche quando Bautista dominava. Appena il pilota Ducati ha commesso un errore, Rea era lì, quindi non ho mai pensato veramente che non potesse vincere”.

Michael van der Mark, Pata Yamaha, Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
Michael van der Mark, Pata Yamaha, Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
1/28

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Michael van der Mark, Pata Yamaha, Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
Michael van der Mark, Pata Yamaha, Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
2/28

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Michael van der Mark, Pata Yamaha, Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
Michael van der Mark, Pata Yamaha, Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
3/28

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Michael van der Mark, Pata Yamaha, Alex Lowes, Pata Yamaha
Michael van der Mark, Pata Yamaha, Alex Lowes, Pata Yamaha
4/28

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Michael van der Mark, Pata Yamaha
Michael van der Mark, Pata Yamaha
5/28

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Michael van der Mark, Pata Yamaha
Michael van der Mark, Pata Yamaha
6/28

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Michael van der Mark, Pata Yamaha
Michael van der Mark, Pata Yamaha
7/28

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Michael van der Mark, Pata Yamaha, French WorldSBK 2019
Michael van der Mark, Pata Yamaha, French WorldSBK 2019
8/28

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Michael van der Mark, Pata Yamaha, Toprak Razgatlioglu, Turkish Puccetti Racing
Michael van der Mark, Pata Yamaha, Toprak Razgatlioglu, Turkish Puccetti Racing
9/28

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Michael van der Mark, Pata Yamaha, Chaz Davies, Aruba.it Racing-Ducati Team
Michael van der Mark, Pata Yamaha, Chaz Davies, Aruba.it Racing-Ducati Team
10/28

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Michael van der Mark, Pata Yamaha
Michael van der Mark, Pata Yamaha
11/28

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Michael van der Mark, Pata Yamaha, Tom Sykes, BMW Motorrad WorldSBK Team, Toprak Razgatlioglu, Turkish Puccetti Racing
Michael van der Mark, Pata Yamaha, Tom Sykes, BMW Motorrad WorldSBK Team, Toprak Razgatlioglu, Turkish Puccetti Racing
12/28

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Michael van der Mark, Pata Yamaha
Michael van der Mark, Pata Yamaha
13/28

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Michael van der Mark, Pata Yamaha, Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team, Leon Haslam, Kawasaki Racing Team
Michael van der Mark, Pata Yamaha, Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team, Leon Haslam, Kawasaki Racing Team
14/28

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team, Michael van der Mark, Pata Yamaha
Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team, Michael van der Mark, Pata Yamaha
15/28

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Michael van der Mark, Pata Yamaha, Paul Denning
Michael van der Mark, Pata Yamaha, Paul Denning
16/28

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Michael van der Mark, Pata Yamaha
Michael van der Mark, Pata Yamaha
17/28

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marco Melandri, GRT Yamaha WorldSBK
Marco Melandri, GRT Yamaha WorldSBK
18/28

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Sylvain Barrier, Brixx Performance , Marco Melandri, GRT Yamaha WorldSBK
Sylvain Barrier, Brixx Performance , Marco Melandri, GRT Yamaha WorldSBK
19/28

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marco Melandri, GRT Yamaha WorldSBK
Marco Melandri, GRT Yamaha WorldSBK
20/28

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marco Melandri, GRT Yamaha WorldSBK
Marco Melandri, GRT Yamaha WorldSBK
21/28

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marco Melandri, GRT Yamaha WorldSBK
Marco Melandri, GRT Yamaha WorldSBK
22/28

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marco Melandri, GRT Yamaha WorldSBK, Michael van der Mark, Pata Yamaha
Marco Melandri, GRT Yamaha WorldSBK, Michael van der Mark, Pata Yamaha
23/28

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marco Melandri, GRT Yamaha WorldSBK
Marco Melandri, GRT Yamaha WorldSBK
24/28

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marco Melandri, GRT Yamaha WorldSBK
Marco Melandri, GRT Yamaha WorldSBK
25/28

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marco Melandri, GRT Yamaha WorldSBK
Marco Melandri, GRT Yamaha WorldSBK
26/28

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Leon Camier, Honda WSBK Team, Marco Melandri, GRT Yamaha WorldSBK
Leon Camier, Honda WSBK Team, Marco Melandri, GRT Yamaha WorldSBK
27/28

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marco Melandri, GRT Yamaha WorldSBK, Sandro Cortese, GRT Yamaha WorldSBK
Marco Melandri, GRT Yamaha WorldSBK, Sandro Cortese, GRT Yamaha WorldSBK
28/28

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Rea ancora Campione: “Non mi sono mai arreso e ne sono fiero!”

Articolo precedente

Rea ancora Campione: “Non mi sono mai arreso e ne sono fiero!”

Prossimo Articolo

Jonathan Rea ed il suo 2019… Mondiale

Jonathan Rea ed il suo 2019… Mondiale
Carica commenti
SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi Prime

SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi

La lotta mondiale fra Toprak Razgatlioglu e Jonathan Rea è sempre più intensa, con l'avvicinarsi della fine di questa stagione così avvincente i due sono molto vicini in classifica. Questa situazione di grande equilibrio, che a Portimao ha raggiunto il culmine, ci sta consegnando una vera e propria guerra di nervi fra i due contendenti al titolo.

WSBK
6 ott 2021
Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini" Prime

Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini"

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine analizzano, oltre a quanto successo in Russia, il lutto vissuto dal mondo delle due ruote in quel di Jerez, che piange la perdita di Dean Berta Vinales

WSBK
29 set 2021
SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento Prime

SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento

La tragica scompare di Dean Berta Vinales nel sabato del round di Jerez ha scosso non solo il paddock della Superbike ma l'intero motociclismo. Insieme al dolore, sorgono però tanti interrogativi e il grido che si leva è quello dei piloti, che chiedono un cambiamento per una classe diventata troppo pericolosa.

WSBK
28 set 2021
SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante Prime

SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante

In una stagione così avvincente e con una classifica così corta, manca un po' all'appello Ducati, che vede assottigliarsi sempre di più la speranza di rivendicare il titolo a dieci anni dall'ultimo mondiale. Nonostante si mostri spesso efficace e nettamente superiore ai rivali, la Rossa di Borgo Panigale ha pagato l'incostanza in una stagione che non lascia margine di errore.

WSBK
23 set 2021
SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio? Prime

SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio?

La stagione 2021 del mondiale Superbike sta regalando una lotta iridata serratissima e senza sconti. Tuttavia, è difficile fare calcoli a causa di un calendario ancora incerto e con l'ultimo round ancora non confermato a due mesi dal termine del campionato. Con uno scenario così aperto, quanti sono dunque i punti in palio?

WSBK
16 set 2021
Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits? Prime

Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits?

La tripletta di Magny-Cours diventa una doppietta per Toprak Razgatlioglu, privato della vittoria in Superpole Race per aver superato i limiti della pista all’ultimo giro. Il caso Yamaha-Kawasaki riapre la questione dei track limits, considerati ormai un’esasperazione che condiziona fin troppo gli esiti delle gare.

WSBK
7 set 2021
Ducati brilla per incostanza, i piloti lamentano scarso sviluppo Prime

Ducati brilla per incostanza, i piloti lamentano scarso sviluppo

Al termine del round di Assen, i volti di Redding e Rinaldi sono tutt’altro che distesi. L’incostanza è il comune denominatore di una stagione che prende una piega sempre più ‘nipponica’, e i due portacolori ufficiali chiedono un maggiore sviluppo se vogliono continuare a lottare per il titolo.

WSBK
4 ago 2021
Locatelli e l’ombra Gerloff, ma Assen cambia le gerarchie Yamaha? Prime

Locatelli e l’ombra Gerloff, ma Assen cambia le gerarchie Yamaha?

Garrett Gerloff è da sempre considerato la promessa del mondiale Superbike, tanto da ricevere le attenzioni della MotoGP e aver oscurato il pilota ufficiale Yamaha Superbike Andrea Locatelli. Ma il disastro di Assen cambia le gerarchie a Iwata?

WSBK
27 lug 2021