Razgatlioglu snobba la MotoGP: rinnova con Yamaha in SBK fino al 2023!

Toprak Razgatlioglu e il team Pata Yamaha hanno rinnovato l’accordo per altri due anni. Il pilota turco resterà in Superbike fino alla fine del 2023, come aveva già annunciato il suo manager Kenan Sofuoglu. In MotoGP Petronas resta dunque con un candidato in meno per il 2022.

Razgatlioglu snobba la MotoGP: rinnova con Yamaha in SBK fino al 2023!

“Deciderò il futuro nella prossima settimana”. Queste le parole di Kenan Sofuoglu sul 2022 del proprio pilota Toprak Razgatlioglu, che proprio oggi ha dato l’annuncio ufficiale della permanenza in Superbike. Il turco, che era stato dato più volte vicino all’approdo in MotoGP a partire dalla prossima stagione, ha confermato invece la sua presenza nel mondiale delle derivate di serie con un accordo biennale.

Toprak Razgatlioglu dunque rinnova il contratto con il team Pata Yamaha e sarà un portacolori della Casa di Iwata in Superbike fino alla fine del 2023. La punta di diamante del Costruttore dei tre diapason dunque si conferma tale anche in vista delle prossime due stagioni, in cui sarà chiamato a frenare l’egemonia di Jonathan Rea, impresa che sta già tentando quest’anno.

A Donington con soli 20 punti di distacco dal leader, Razgatlioglu sta dando prova ancora una volta di essere il pilota di punta di questo campionato, mostrando una grande solidità in sella alla R1. Razgatlioglu ha debuttato con Yamaha all’inizio del 2020, conquistando subito il successo e candidandosi come uno dei talenti più cristallini del panorama attuale.

Le sue capacità non sono sfuggite agli altri team Superbike che, a detta di Sofuoglu, gli hanno fatto offerte per le prossime stagioni. Ma non sono passate inosservate neanche alla MotoGP, che gli ha fatto la corte offrendogli di passare ai prototipi per la prossima stagione. L’addio di Maverick Vinales e il molto probabile ritiro di Valentino Rossi hanno delineato uno scenario particolare in Yamaha nella classe regina del mondiale e nel team Petronas si stava facendo sempre più insistente la voce che potesse sostituire proprio il Dottore qualora dovesse lasciare.

Il team gestito da Razlan Razali dunque si sta trovando un candidato in meno per la sostituzione di Valentino se decidesse di non restare nel 2022. A questo punto, il futuro di Yamaha si sta delineando, sia per quanto riguarda la Superbike sia per quanto riguarda la MotoGP, in quest’ultimo caso perché Razgatlioglu ha preso la sua decisione rifiutando di fatto l’offerta di approdare al team Petronas.

Razgatlioglu esprime il proprio entusiasmo nel confermare la sua permanenza in Superbike con il team Pata: “Yamaha è diventata la mia famiglia e sono davvero felice di rinnovare per altri due anni. Penso che abbiamo migliorato molto la moto da quando sono arrivato nel 2020, quindi è stata una decisione facile da prendere. Stiamo lottando per il titolo quest’anno, siamo vicini alla vetta e ho le persone migliori intorno a me nel team Pata Yamaha con Brixx che mi aiutano a raggiungere i miei obiettivi. Mi piace il paddock della Superbike e sono felice di correre qui. Forse la MotoGP è qualcosa a cui penserò in futuro, ma per ora sono concentrato sul far bene qui in Superbike. Ringrazio tutti coloro che hanno lavorato per far sì che accadesse e ora non vedo l’ora di vivere il futuro con Yamaha”.

Gli fa eco Andrea Dosoli: “Abbiamo iniziato il viaggio con Toprak nel 2020, un anno strano per tutti, ma in cui abbiamo instaurato un buon rapporto. Questo ci è servito da base per la stagione attuale, che fino ad ora è molto positiva, la migliore da quando Yamaha è rientrata in Superbike. La R1 continua a migliorare gara dopo gara e questo permette a Toprak di esprimere il suo grande talento. La decisione di estendere la collaborazione fra Toprak e Yamaha Motor Europe per le prossime due stagioni è arrivata prima di quanto ci aspettassimo, siamo convinti che ci sia ancora molto che debba arrivare e insieme affronteremo la sfida per il titolo in Superbike. Apprezzo moltissimo la fiducia che Toprak ha riposto in Yamaha, per questo lo ringrazio e posso garantire che faremo del nostro meglio per soddisfare le sue alte aspettative”.

condivisioni
commenti
Sofuoglu: “Toprak resterà in SBK, abbiamo offerte da tutti”
Articolo precedente

Sofuoglu: “Toprak resterà in SBK, abbiamo offerte da tutti”

Prossimo Articolo

SBK, Donington, Libere 1: si riparte da Rea, quarto Rinaldi

SBK, Donington, Libere 1: si riparte da Rea, quarto Rinaldi
Carica commenti
SBK | Toprak, il diamante che segna il ricambio generazionale Prime

SBK | Toprak, il diamante che segna il ricambio generazionale

Toprak Razgatlioglu è il nuovo campione del mondo della Superbike, il turco è riuscito a battere Rea dopo sei anni di dominio incontrastato. Ma il titolo del pilota Yamaha non rappresenta solo un cambiamento al vertice, segna anche il rinnovo del campionato, un ricambio generazionale che disegna un bel futuro per le derivate di serie.

WSBK
24 nov 2021
Bassani ora brilla: è lui il futuro di Ducati in Superbike? Prime

Bassani ora brilla: è lui il futuro di Ducati in Superbike?

Axel Bassani ha sfiorato il podio in Argentina, dopo essere stato in lotta con i tre grandi protagonisti del mondiale. Un weekend incredibile quello del pilota del team Motocorsa, che conferma il grande cammino di crescita e fa pensare che un futuro roseo per Ducati possa essere proprio nelle sue mani.

WSBK
20 ott 2021
SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi Prime

SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi

La lotta mondiale fra Toprak Razgatlioglu e Jonathan Rea è sempre più intensa, con l'avvicinarsi della fine di questa stagione così avvincente i due sono molto vicini in classifica. Questa situazione di grande equilibrio, che a Portimao ha raggiunto il culmine, ci sta consegnando una vera e propria guerra di nervi fra i due contendenti al titolo.

WSBK
6 ott 2021
Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini" Prime

Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini"

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine analizzano, oltre a quanto successo in Russia, il lutto vissuto dal mondo delle due ruote in quel di Jerez, che piange la perdita di Dean Berta Vinales

WSBK
29 set 2021
SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento Prime

SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento

La tragica scompare di Dean Berta Vinales nel sabato del round di Jerez ha scosso non solo il paddock della Superbike ma l'intero motociclismo. Insieme al dolore, sorgono però tanti interrogativi e il grido che si leva è quello dei piloti, che chiedono un cambiamento per una classe diventata troppo pericolosa.

WSBK
28 set 2021
SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante Prime

SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante

In una stagione così avvincente e con una classifica così corta, manca un po' all'appello Ducati, che vede assottigliarsi sempre di più la speranza di rivendicare il titolo a dieci anni dall'ultimo mondiale. Nonostante si mostri spesso efficace e nettamente superiore ai rivali, la Rossa di Borgo Panigale ha pagato l'incostanza in una stagione che non lascia margine di errore.

WSBK
23 set 2021
SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio? Prime

SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio?

La stagione 2021 del mondiale Superbike sta regalando una lotta iridata serratissima e senza sconti. Tuttavia, è difficile fare calcoli a causa di un calendario ancora incerto e con l'ultimo round ancora non confermato a due mesi dal termine del campionato. Con uno scenario così aperto, quanti sono dunque i punti in palio?

WSBK
16 set 2021
Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits? Prime

Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits?

La tripletta di Magny-Cours diventa una doppietta per Toprak Razgatlioglu, privato della vittoria in Superpole Race per aver superato i limiti della pista all’ultimo giro. Il caso Yamaha-Kawasaki riapre la questione dei track limits, considerati ormai un’esasperazione che condiziona fin troppo gli esiti delle gare.

WSBK
7 set 2021