Torres: "Nelle FP1 sono caduto, ma il terzo tempo non è male"

Jordi Torres ha chiuso al terzo posto i secondo turno di libere a Buriram, in Thailandia, dopo essere caduto nelle Libere 1. Markus Reiterberger ha lavorato sull'assetto della BMW S1000 RR.

Torres: "Nelle FP1 sono caduto, ma il terzo tempo non è male"
Jordi Torres, Althea BMW Team
Jordi Torres, Althea BMW Team
Jordi Torres, Althea BMW Team
Jordi Torres, Althea BMW Team e Roman Ramos, Team Go Eleven
Markus Reiterberger, Althea BMW Team
Jordi Torres, Althea BMW Team
Markus Reiterberger, Althea BMW Team e Jordi Torres, Althea BMW Team
Jordi Torres, Althea BMW Team e Markus Reiterberger, Althea BMW Team
Jordi Torres, Althea BMW Team

Il secondo round della WorldSBK ha aperto le danze oggi a Buri Ram, sul circuito di Chang con i primi due turni di prove di un’ora ciascuno, valevoli per la qualifica di domani.
I piloti dell’Althea BMW Racing Team hanno affrontato prima di tutto il caldo soffocante (29°) che, nonostante un lieve vento e la temperatura dell’aria di 10°c  in meno rispetto a ieri, non ha mai cessato il pressing.

Il tracciato è apparso fin da subito beffardo in virtù di quei tratti di manto riasfaltati nei giorni precedenti, che hanno abbassato per tutti i valori di grip. 

Nel turno della mattina, Markus Reiterberger ha compiuto 25 giri lavorando sul setting della sua BMW S 1000 RR, alla fine dei quali il tempo di 1’37.197 gli ha consegnato l’undicesima posizione.

Jordi Torres non ha potuto sfruttare interamente l’ora a disposizione perché una scivolata sul cordolo alla curva 1 nella prima parte del turno gli ha permesso di effettuare solo 16 giri e chiudere in diciottesima posizione. Per fortuna il pilota non ha riportato conseguenze fisiche.
La reazione dello spagnolo dal grande temperamento è arrivata nelle prove del pomeriggio: dopo il grande lavoro di ingegneri e tecnici, la BMW S 1000 RR con il numero 81 ha letteralmente volato verso il terzo tempo assoluto (1’35.217, a 588 millesimi dalla testa), che gli  ha garantito un posto nella Superpole 2.

Nella seconda prova, Markus Reiterberger ha limato il tempo della mattina di 1 decimo e 699 millesimi, andando a concludere in una soddisfacente decima posizione. Anche il tedesco, quindi,  come il compagno di squadra spagnolo, potrà battagliare domani direttamente in Superpole 2, per stampare il miglior crono possibile e scalare la griglia.

Jordi Torres: "Questa mattina la pista era molto brutta e sporca, sembrava quasi non girassero qui da tempo. Ho preso il cordolo esterno della curva 1 al terzo giro e ho fatto una caduta che non mi aspettavo e che, anche se non mi sono fatto nulla,  mi ha fatto perdere un po’ di tempo. I meccanici hanno lavorato duro e hanno fatto un lavoro perfetto, infatti nel secondo turno abbiamo potuto portare a casa una terza posizione. Sono contento, anche se non lo ritengo un riferimento chiaro perché quelle due parti nuove del tracciato impediscono di tenere un passo costante ed essere precisi nei giri. Siamo sulla buona strada grazie al lavoro dei miei meccanici, ma dobbiamo lavorare ancora".

Markus Reiterberger: "Le due qualifiche non sono state male, siamo in Superpole 2 e questo va bene, ma non sono soddisfatto della decima posizione perché avrei preferito essere più avanti. All’inizio della sessione sono stato quarto e poi quinto e questa cosa mi ha fatto stare bene. I decimi di distacco dal primo sono circa 8 e significa che siamo abbastanza vicini. Oggi mi sono sentito molto bene sulla moto. E’ la prima volta che corro con un caldo del genere e non sono abituato".

Genesio Bevilacqua: "Devo dire che dopo la prima gara di Phillip Island dove abbiamo preso le dovute misure per prepararci al meglio, qui abbiamo iniziato a vedere qualche spiraglio. Entrambi i piloti si sono comportati in maniera molto naturale, hanno approfondito la conoscenza della moto facendo dei long run, la pista non era nelle migliori condizioni, ma le indicazioni sono state da subito ottime.
Sia con Torres che con Reiterberger abbiamo cercato subito di prendere il passo dei primi.Torres ci è riuscito, ma sono molto contento di entrambi. Il team ha lavorato veramente forte, ma c’è ancora tantissimo da fare; vediamo cosa succede domani in Superpole, però ho la buona sensazione che siamo  sulla strada giusta".

condivisioni
commenti
Giugliano: "Nelle Libere 2 ho avuto un problema al cambio"
Articolo precedente

Giugliano: "Nelle Libere 2 ho avuto un problema al cambio"

Prossimo Articolo

Forés: "Cercherò di accedere alla Superpole 2"

Forés: "Cercherò di accedere alla Superpole 2"
Carica commenti
SBK | Toprak, il diamante che segna il ricambio generazionale Prime

SBK | Toprak, il diamante che segna il ricambio generazionale

Toprak Razgatlioglu è il nuovo campione del mondo della Superbike, il turco è riuscito a battere Rea dopo sei anni di dominio incontrastato. Ma il titolo del pilota Yamaha non rappresenta solo un cambiamento al vertice, segna anche il rinnovo del campionato, un ricambio generazionale che disegna un bel futuro per le derivate di serie.

WSBK
24 nov 2021
Bassani ora brilla: è lui il futuro di Ducati in Superbike? Prime

Bassani ora brilla: è lui il futuro di Ducati in Superbike?

Axel Bassani ha sfiorato il podio in Argentina, dopo essere stato in lotta con i tre grandi protagonisti del mondiale. Un weekend incredibile quello del pilota del team Motocorsa, che conferma il grande cammino di crescita e fa pensare che un futuro roseo per Ducati possa essere proprio nelle sue mani.

WSBK
20 ott 2021
SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi Prime

SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi

La lotta mondiale fra Toprak Razgatlioglu e Jonathan Rea è sempre più intensa, con l'avvicinarsi della fine di questa stagione così avvincente i due sono molto vicini in classifica. Questa situazione di grande equilibrio, che a Portimao ha raggiunto il culmine, ci sta consegnando una vera e propria guerra di nervi fra i due contendenti al titolo.

WSBK
6 ott 2021
Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini" Prime

Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini"

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine analizzano, oltre a quanto successo in Russia, il lutto vissuto dal mondo delle due ruote in quel di Jerez, che piange la perdita di Dean Berta Vinales

WSBK
29 set 2021
SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento Prime

SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento

La tragica scompare di Dean Berta Vinales nel sabato del round di Jerez ha scosso non solo il paddock della Superbike ma l'intero motociclismo. Insieme al dolore, sorgono però tanti interrogativi e il grido che si leva è quello dei piloti, che chiedono un cambiamento per una classe diventata troppo pericolosa.

WSBK
28 set 2021
SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante Prime

SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante

In una stagione così avvincente e con una classifica così corta, manca un po' all'appello Ducati, che vede assottigliarsi sempre di più la speranza di rivendicare il titolo a dieci anni dall'ultimo mondiale. Nonostante si mostri spesso efficace e nettamente superiore ai rivali, la Rossa di Borgo Panigale ha pagato l'incostanza in una stagione che non lascia margine di errore.

WSBK
23 set 2021
SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio? Prime

SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio?

La stagione 2021 del mondiale Superbike sta regalando una lotta iridata serratissima e senza sconti. Tuttavia, è difficile fare calcoli a causa di un calendario ancora incerto e con l'ultimo round ancora non confermato a due mesi dal termine del campionato. Con uno scenario così aperto, quanti sono dunque i punti in palio?

WSBK
16 set 2021
Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits? Prime

Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits?

La tripletta di Magny-Cours diventa una doppietta per Toprak Razgatlioglu, privato della vittoria in Superpole Race per aver superato i limiti della pista all’ultimo giro. Il caso Yamaha-Kawasaki riapre la questione dei track limits, considerati ormai un’esasperazione che condiziona fin troppo gli esiti delle gare.

WSBK
7 set 2021