Test Portimao, Giorno 2: Rea torna in cattedra davanti alla Yamaha di Alex Lowes

condivisioni
commenti
Test Portimao, Giorno 2: Rea torna in cattedra davanti alla Yamaha di Alex Lowes
Di: Lorenzo Moro
24 ago 2018, 17:29

Test in Portogallo conclusi con la conferma di quanto visto finora: nonostante gli aggiornamenti portati da molte squadre nessuno sembra ancora in grado di tenere a freno Jonathan Rea, primo al termine di questi test con quasi un secondo di vantaggio sul secondo, Alex Lowes su R1.

I test della Superbike di Portimao si sono appena conclusi nel più prevedibile dei modi: Jonathan Rea davanti a tutti con quasi un secondo di vantaggio sul primo degli inseguitori. Con la giornata di oggi il cannibale della Kawasaki è tornato ad occupare la prima riga della classifica dei tempi facendo segnare uno straordinario 1'41"120 con quasi 110 giri totali collezionati nel corso della giornata.

Agli altri, come al solito d'altronde, sono rimaste solo le briciole. Alle spalle della Kawasaki numero 1 si sono piazzate le due Yamaha dei vincitori della 8 ore di Suzuka Alex Loews (+0"948) e Michael van der Mark (+0"990)... in buona forma ma comunque drammaticamente distanti dal pilota di testa per poter rappresentare, al momento, un vero pensiero per Rea. Alle spalle dei due uomini in blu ci sono le tre Ducati di Marco Melandri, Chaz Davies e Xavi Forés (su Ducati Panigale privata) i quali hanno chiuso questa giornata con distacchi superiori al secondo nonostante gli aggiornamenti portati dalla casa di Borgo Panigale per poter spremere il massimo dalla bicilindrica ormai giunta all'età della pensione.

Ridimensionata anche la Honda, ottava con Leon Camier e 13esima con Jake Gagne: nonostante l'ultima evoluzione del motore portata in pista ieri non è riuscita a bissare l'ottimo quarto posto visto nella prima giornata di test. Ancora nulla si sa invece sul fronte Aprilia e MV Agusta circa il futuro di queste squadre, delle loro moto e dei loro piloti.

Insomma, da questi test non ci aspettavamo certamente di vedere i valori in campo stravolti ma - purtroppo per lo show - questi due giorni non hanno fatto altro che confermare l'incredibile stato di grazia in cui si trova Rea il quale ha tutte le carte in mano per portare a casa il campionato non appena la matematica gliene darà la possibilità.

Prossimo articolo WSBK
Ciabatti: "Ducati ha scelto Bautista al posto di Melandri per avere una maggiore continuità di risultati"

Articolo precedente

Ciabatti: "Ducati ha scelto Bautista al posto di Melandri per avere una maggiore continuità di risultati"

Prossimo Articolo

Ducati: provati nei test di Portimao aggiornamenti di freni, sospensioni ed elettronica per la Panigale

Ducati: provati nei test di Portimao aggiornamenti di freni, sospensioni ed elettronica per la Panigale
Carica commenti

Su questo articolo

Serie WSBK
Autore Lorenzo Moro
Tipo di articolo Prove libere