Test Jerez, Giorno 2: svetta Sykes, ma stupiscono Canepa e Camier

Anche con la limitazione del regime di rotazione la Kawasaki di conferma il punto di riferimento, ma sono importanti i passi avanti della Yamaha e della Honda. Iniziano a preoccupare invece le difficoltà della Ducati.

Test Jerez, Giorno 2: svetta Sykes, ma stupiscono Canepa e Camier

La Superbike ha provato a cambiare le sue regole per avvicinare la concorrenza alle Kawasaki, ma la musica non sembra essere cambiata, stando almeno ai valori messi in mostra nei primi due giorni di test collettivi della stagione andati in scena a Jerez de la Frontera.

Se in quella inaugurale il più veloce era stato il campione del mondo in carica Jonathan Rea, oggi lo scettro è passato nelle mani del compagno di squadra Tom Sykes, che con la sua ZX-10RR è stato il solo capace di infrangere il muro dell'1'39" con il suo 1'38"889.

72 i giri completati da "The Grinner" contro gli addirittura 83 di Johnny, che invece per oggi si è fermato a 1'39"470, chiudendo quindi con un ritardo di oltre mezzo secondo sulla verdona gemella.

Non possono non colpire però i progressi mostrati dalla Yamaha e dalla Honda, che hanno occupato la terza e la quarta posizione, rispettivamente con Niccolò Canepa e Leon Camier. Il pilota italiano, campione del mondo endurance in carica, è arrivato a Jerez per dare una mano ai due titolari con lo sviluppo della R1 e bisogna dire che si è messo decisamente in evidenza, riuscendo a staccare un crono di 1'39"524.

Una prestazione molto interessante, se si considera che Alex Lowes e Michael van der Mark sono rimasti entrambi oltre la soglia dell'1'40", chiudendo solamente in ottava e nona posizione.

Il britannico invece sembra aver portato proprio una ventata d'aria nuova in casa Honda, perché in pochi giorni è riuscito a renderla veloce come non è mai stata nella passata stagione. E il secondo e mezzo rifilato al compagno di squadra Jake Gagne, che invece è nelle retrovie, dice molto del suo grande stato di forma.

Al momento, sembra esserci forse qualche preoccupazione di troppo in casa Ducati. A Borgo Panigale temevano che la limitazione del regime di rotazione potesse finire addirittura per allargare il gap dalle Kawasaki e le prime indicazioni sembrano andare proprio in quella direzione: Marco Melandri è quinto in 1'39"754, quindi è staccato di poco meno di un secondo da Sykes. Chaz Davies non ha mai trovato il ritmo e si ritrova addirittura 12esimo a poco meno di due secondi, con Michael Rinaldi nella sua scia con la terza Panigale R dell'Aruba Racing.

Sotto al muro dell'1'40" c'è anche l'Aprilia con i colori Milwaukee Racing di Eugene Laverty, sesto a poco più di un decimo da Melandri. Molto più attardato invece il suo compagno Lorenzo Savadori, che si è messo alle spalle solamente la Kawasaki del team Puccetti affidata all'esordiente Yonny Hernandez e la Yamaha di Ondrej Jezek.

Prosegue positivamente l'adattamento di Jordi Torres alla MV Agusta, perché lo spagnolo, pur essendo il primo rimasto sopra al muro dell'1'40", è in settima posizione, davanti alle due Yamaha ed alla Kawasaki privata di Tati Mercado. Solo 11esimo invece Loris Baz, alla ricerca del feeling migliore con la BMW del Team Althea dopo aver passato diverse stagioni in MotoGP.

Rispetto a ieri poi ha mosso qualche passo in avanti anche Toprak Razgatlioglu, 14esimo con la Kawasaki del Puccetti Racing, a poco più di due secondi dalla vetta. In pista poi c'era nuovamente anche la Ducati Panigale V4 di Lorenzo Zanetti: il collaudatore italiano ha completato 74 giri con un best di 1'41"226.

PosPilotaMotoTempoGiri
1 Tom Sykes Kawasaki 1'38”899 72
2 Jonathan Rea Kawasaki 1'39”470 83
3 Niccolò Canepa Yamaha 1'39”524 64
4 Leon Camier Honda 1'39”608 63
5 Marco Melandri Ducati 1'39”754 70
6 Eugene Laverty Aprilia 1'39”876 62
7 Jordi Torres MV Agusta 1'40”155 73
8 Alex Lowes Yamaha 1'40”398 60
9 Michael van der Mark Yamaha 1'40”532 75
10 Leandro Mercado Kawasaki 1'40”639 70
11 Loris Baz BMW 1'40”707 84
12 Chaz Davies Ducati 1'40”723 69
13 Michael Rinaldi Ducati 1'40”862 57
14 Toprak Razgatlioglu Kawasaki 1'41”114 66
15 Jake Gagne Honda 1'41”200 72
16 Lorenzo Savadori Aprilia 1'41”411 54
17 Yonny Hernandez Kawasaki 1'41”807 63
18 Ondrej Jezek Yamaha 1'43”876 18

 

condivisioni
commenti
Ducati: la Panigale V4 ha esordito nei test SBK di Jerez con Zanetti

Articolo precedente

Ducati: la Panigale V4 ha esordito nei test SBK di Jerez con Zanetti

Prossimo Articolo

Althea, Baz: "A Jerez un buon test, ma fatico a sfruttare le gomme nuove"

Althea, Baz: "A Jerez un buon test, ma fatico a sfruttare le gomme nuove"
Carica commenti
SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi Prime

SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi

La lotta mondiale fra Toprak Razgatlioglu e Jonathan Rea è sempre più intensa, con l'avvicinarsi della fine di questa stagione così avvincente i due sono molto vicini in classifica. Questa situazione di grande equilibrio, che a Portimao ha raggiunto il culmine, ci sta consegnando una vera e propria guerra di nervi fra i due contendenti al titolo.

WSBK
6 ott 2021
Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini" Prime

Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini"

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine analizzano, oltre a quanto successo in Russia, il lutto vissuto dal mondo delle due ruote in quel di Jerez, che piange la perdita di Dean Berta Vinales

WSBK
29 set 2021
SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento Prime

SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento

La tragica scompare di Dean Berta Vinales nel sabato del round di Jerez ha scosso non solo il paddock della Superbike ma l'intero motociclismo. Insieme al dolore, sorgono però tanti interrogativi e il grido che si leva è quello dei piloti, che chiedono un cambiamento per una classe diventata troppo pericolosa.

WSBK
28 set 2021
SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante Prime

SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante

In una stagione così avvincente e con una classifica così corta, manca un po' all'appello Ducati, che vede assottigliarsi sempre di più la speranza di rivendicare il titolo a dieci anni dall'ultimo mondiale. Nonostante si mostri spesso efficace e nettamente superiore ai rivali, la Rossa di Borgo Panigale ha pagato l'incostanza in una stagione che non lascia margine di errore.

WSBK
23 set 2021
SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio? Prime

SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio?

La stagione 2021 del mondiale Superbike sta regalando una lotta iridata serratissima e senza sconti. Tuttavia, è difficile fare calcoli a causa di un calendario ancora incerto e con l'ultimo round ancora non confermato a due mesi dal termine del campionato. Con uno scenario così aperto, quanti sono dunque i punti in palio?

WSBK
16 set 2021
Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits? Prime

Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits?

La tripletta di Magny-Cours diventa una doppietta per Toprak Razgatlioglu, privato della vittoria in Superpole Race per aver superato i limiti della pista all’ultimo giro. Il caso Yamaha-Kawasaki riapre la questione dei track limits, considerati ormai un’esasperazione che condiziona fin troppo gli esiti delle gare.

WSBK
7 set 2021
Ducati brilla per incostanza, i piloti lamentano scarso sviluppo Prime

Ducati brilla per incostanza, i piloti lamentano scarso sviluppo

Al termine del round di Assen, i volti di Redding e Rinaldi sono tutt’altro che distesi. L’incostanza è il comune denominatore di una stagione che prende una piega sempre più ‘nipponica’, e i due portacolori ufficiali chiedono un maggiore sviluppo se vogliono continuare a lottare per il titolo.

WSBK
4 ago 2021
Locatelli e l’ombra Gerloff, ma Assen cambia le gerarchie Yamaha? Prime

Locatelli e l’ombra Gerloff, ma Assen cambia le gerarchie Yamaha?

Garrett Gerloff è da sempre considerato la promessa del mondiale Superbike, tanto da ricevere le attenzioni della MotoGP e aver oscurato il pilota ufficiale Yamaha Superbike Andrea Locatelli. Ma il disastro di Assen cambia le gerarchie a Iwata?

WSBK
27 lug 2021