Che ritorno per Giugliano: grande pole a Imola!

Pole strepitosa per l'italiano davanti alle due Kawasaki di Tom Sykes e Jonathan Rea. Quarto Chaz Davies

Che ritorno per Giugliano: grande pole a Imola!

Davide Giugliano, il ritorno. Non è il nome di un film che ha per protagonista un supereroe, ma la maniera più semplice ed efficace per descrivere quanto accaduto nella Superpole 2 di questo pomeriggio, che, all'Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola, ha assegnato la pole position del quinto appuntamento stagionale della Superbike ma anche disegnato la definitiva griglia di partenza per la prima manche di gara di domani.

Il centauro romano non avrebbe potuto scegliere momento migliore per portare la sua Ducati Panigale R davanti a tutti, specialmente dopo gli ultimi due turni di prove libere, in cui Davide ha sempre messo tutti alle proprie spalle. Per lui si tratta di una grande pole position, nonostante la forma fisica non possa essere a 100% dopo due mesi di riposo e feroci turni riabilitativi proprio per rientrare in una delle gare di casa, per lui e per la Ducati. 

Giugliano ha regolato tutti con un gran tempo: 1'46"382, dando un segnale ben preciso per la prima manche di gara di domani. I piloti Kawasaki dovranno infatti vedersela con lui, così come il compagno di squadra, Chaz Davies. Al termine delle Qualifiche, Giugliano è stato premiato con il trofeo dedicato al poleman e si è mostrato visibilmente commosso. "E' incredibile, fantastico. Fare una pole così sul nostro tracciato di casa e davanti alla nostra gente è semplicemente meraviglioso!", ha dichiarato Davide. 

Appena dietro a Giugliano ecco le due Kawasaki Ninja ZX-10R di Tom Sykes e Jonathan Rea. Grande prestazione del vice campione del mondo in carica, il quale è stato l'unico ad avvicinare seriamente il crono del ducatista, ma Sykes si è dovuto accontentare di un comunque ottimo secondo posto, a 83 millesimi da Giugliano. 

Ha deluso invece Jonathan Rea, mai in grado di impensierire l'italiano e nemmeno il compagno di squadra, che qui sembra molto più a proprio agio sulla sua moto rispetto alle ultime uscite. Rea, già vincitore di due gare a Imola, ha guardato battagliare i primi due, rimanendo a 121 millesimi e accontentandosi di una partenza in prima fila preziosa per il prosieguo del suo campionato. Il britannico potrà però contare su un passo gara ragguardevole.

Dietro le due "verdone" ecco la seconda Ducati Panigale R ufficiale, quella di Chaz Davies, che ha colto il quarto tempo allo sventolare della bandiera a scacchi. Il britannico è stato bravo ad effettuare qualche modifica all'assetto della sua Rossa di Borgo Panigale e a chiudere a quasi tre decimi dal miglior tempo del compagno di squadra. 

La seconda fila sarà completata dalle due Aprilia RSV4 RF ufficiali di Leon Haslam e Jordi Torres. Haslam è stato protagonista di una caduta nelle prime battute della Superpole 2 alla Variante Alta (stesso punto e stesse modalità di quanto accaduto ad Ayrton Badovini in mattinata), riportando però la moto ai box e riuscendo a compiere un tentativo, che lo ha portato al quinto posto. Bravo Torres a proseguire nei progressi di apprendimento della pista e a chiudere a sei decimi dal compagno di squadra.

Settimo tempo per il sorprendente Leandro Mercado, che ha portato la sua Ducati Panigale del team Barni Racing a ridosso delle moto ufficiali, mentre Ayrton Badovini si è confermato tra i primi otto con la sua BMW S1000 RR. Michael van der Mark, dopo essersi qualificato per la Superpole 2 tramite il precedente turno di prove ufficiali, ha portato la sua Honda CBR1000 SP alla nona casella dello schieramento. David Salom ha invece chiuso la Top Ten, cogliendo l'ennesimo risultato di rilievo del suo fine settimana imolese. 

condivisioni
commenti
Imola, Libere 4: Giugliano continua a stupire

Articolo precedente

Imola, Libere 4: Giugliano continua a stupire

Prossimo Articolo

Badovini: "Rimango fiducioso, il passo è ottimo"

Badovini: "Rimango fiducioso, il passo è ottimo"
Carica commenti
SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio? Prime

SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio?

La stagione 2021 del mondiale Superbike sta regalando una lotta iridata serratissima e senza sconti. Tuttavia, è difficile fare calcoli a causa di un calendario ancora incerto e con l'ultimo round ancora non confermato a due mesi dal termine del campionato. Con uno scenario così aperto, quanti sono dunque i punti in palio?

WSBK
16 set 2021
Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits? Prime

Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits?

La tripletta di Magny-Cours diventa una doppietta per Toprak Razgatlioglu, privato della vittoria in Superpole Race per aver superato i limiti della pista all’ultimo giro. Il caso Yamaha-Kawasaki riapre la questione dei track limits, considerati ormai un’esasperazione che condiziona fin troppo gli esiti delle gare.

WSBK
7 set 2021
Ducati brilla per incostanza, i piloti lamentano scarso sviluppo Prime

Ducati brilla per incostanza, i piloti lamentano scarso sviluppo

Al termine del round di Assen, i volti di Redding e Rinaldi sono tutt’altro che distesi. L’incostanza è il comune denominatore di una stagione che prende una piega sempre più ‘nipponica’, e i due portacolori ufficiali chiedono un maggiore sviluppo se vogliono continuare a lottare per il titolo.

WSBK
4 ago 2021
Locatelli e l’ombra Gerloff, ma Assen cambia le gerarchie Yamaha? Prime

Locatelli e l’ombra Gerloff, ma Assen cambia le gerarchie Yamaha?

Garrett Gerloff è da sempre considerato la promessa del mondiale Superbike, tanto da ricevere le attenzioni della MotoGP e aver oscurato il pilota ufficiale Yamaha Superbike Andrea Locatelli. Ma il disastro di Assen cambia le gerarchie a Iwata?

WSBK
27 lug 2021
Ana Carrasco: "Essere donna non conta, vincere è difficile per tutti" Prime

Ana Carrasco: "Essere donna non conta, vincere è difficile per tutti"

In questo nuovo appuntamento con Il Rosa dei Motori, Lorenza D'Adderio intervista Ana Carrasco. La campionessa del Mondiale SSP300 del 2018 si racconta, evidenziando quanto l'ottimismo e l'entusiasmo siano ingredienti fondamentali per chi, come lei, ha dovuto recuperare le forze dopo un tremendo infortunio. Una motociclista temeraria e di talento, che non è indifferente a un altro grande campione come Jonathan Rea...

WSBK
22 lug 2021
BMW sorprende a Donington: fuoco di paglia o rinascita? Prime

BMW sorprende a Donington: fuoco di paglia o rinascita?

Tom Sykes e Michael van der Mark difficilmente dimenticheranno il round di Donington, grazie ai podi conquistati e alla solidità mostrata durante tutto il weekend. BMW convince e non vuole che questi risultati siano una tantum. L’obiettivo in Olanda è dimostrare di essere cresciuti davvero e di poter dire la propria, dando prova del fatto che Donington è stato solo il punto di partenza di una rinascita.

WSBK
9 lug 2021
Profondo Rosso Redding: Donington segna l’addio al mondiale? Prime

Profondo Rosso Redding: Donington segna l’addio al mondiale?

Scott Redding mette in archivio il round di Donington, il peggiore della sua stagione fino ad ora. Due zeri e neanche un podio sono il bilancio di un weekend che potrebbe segnare la fine della lotta iridata. "Difficile ma non impossibile", dice Redding. Ma da Assen serve la svolta.

WSBK
6 lug 2021
Mara Soto: "Essere meccanico di Rea, l'occasione della vita" Prime

Mara Soto: "Essere meccanico di Rea, l'occasione della vita"

In questa puntata de "Il Rosa dei Motori", Lorenza D'Adderio intervista Mara Soto, meccanico Kawasaki nel team impegnato nel mondiale Superbike. Un viaggio attraverso i ricordi, gli obiettivi di una giovane ragazza che realizza il sogno di lavorare al fianco di un grande campione come Jonathan Rea.

WSBK
1 lug 2021