Davies: "Laguna Seca ha esaltato la nostra moto"

Il gallese ha centrato una fantastica doppietta, portando a tre i suoi successi stagionali in Superbike

Davies: "Laguna Seca ha esaltato la nostra moto"

E’ stata una giornata di gara perfetta per Chaz Davies e l’Aruba.it Racing – Ducati Superbike Team che hanno trionfato in entrambe le gare al Mazda Raceway di Laguna Seca. Davide Giugliano ha chiuso la prima gara quarto, mentre purtroppo nella seconda è stato vittima di una brutta caduta, fortunatamente senza gravi conseguenze fisiche per l’italiano. 

Gara 1: dopo le condizioni calde ed asciutte incontrate in tutte le sessioni di prova, questa mattina la pioggia ha fatto la sua comparsa, ma fortunatamente la pista è stata completamente asciutta per la prima manche. Chaz è partito molto forte dalla pole per prendere subito il comando. L’inglese ha fatto registrare il giro più veloce della gara al quinto passaggio (1’23.739) dopodiché ha continuato a spingere forte, incrementando il suo vantaggio nei confronti degli inseguitori, giro dopo giro. Costruendo la sua gara perfetta, il gallese ha saputo gestire ogni fase della corsa, pilotando la sua Ducati Panigale R alla sua seconda vittoria della stagione e tagliando il traguardo con quasi due secondi di vantaggio su Sykes, che ha chiuso in seconda posizione.

Davide ha perso qualche posizione in partenza per piazzarsi poi al quinto posto dopo il primo giro. Nella prima fase l’italiano ha purtroppo perso il contatto con i leader, nel tentativo di sorpassare Torres che lo precedeva. Al tredicesimo giro Davide è finalmente riuscito a scavalcare lo spagnolo, per conquistare la quarta posizione, ma a quel punto della gara non era più possibile andare oltre, visto il gap di oltre 8 secondi che si era formato tra lui ed i tre piloti che lo precedevano. L’italiano ha quindi chiuso la prima manche in quarta posizione.

Gara 2: anche questa volta Davies è scattato velocissimo dalla pole e nonostante la pioggia caduta nei primi giri della corsa, il pilota gallese non ha rallentato il suo passo, facendo al contrario aumentare il suo vantaggio su Sykes, esattamente come in gara 1. Come fatto in gara 1, una volta che ha smesso di piovere, Chaz ha saputo mantenere sia la concentrazione che il suo vantaggio fino al traguardo, per centrare una fantastica doppietta sul tracciato americano.
Giugliano, quinto nel primo giro, è stato purtroppo vittima di una caduta alla sesta curva, durante il secondo passaggio. Il pilota romano ha riportato una contusione al tallone sinistro ed a ginocchio destro ma fortunatamente i medici hanno confermato che non ci sono conseguenze fisiche gravi.

Dopo nove round del campionato 2015 e grazie alla doppietta di Laguna Seca, Chaz Davies guadagna una posizione nella classifica generale ed ora è terzo con 263 punti, mentre Davide Giugliano è ancora settimo con 119 punti. Ducati mantiene la seconda posizione nella classifica dei costruttori con 318 punti.

Chaz Davies (Aruba.it Racing - Ducati Superbike Team #7) – 1°, 1°
Sono molto, molto felice, perché abbiamo raccolto i frutti del nostro lavoro qui a Laguna. Il tracciato americano tende a limitare i nostri punti deboli mentre ci permette di sfruttare i nostri punti di forza e quindi abbiamo potuto costruire due belle gare, che sono andate esattamente come avevo programmato… Non pensavo che sarebbe stato possibile girare in 1’23 in gara ma ho potuto fare una serie di giri molto veloci all’inizio di gara 1, spingendo forte per i primi 12 giri, dopodiché si è trattato di gestire il vantaggio acquisito. Avevamo cambiato qualcosina per la seconda gara e le modifiche si sono rivelate utili. Ho preso qualche rischio nei primi giri con la pista bagnata ed ho avuto paura di cadere, ma fortunatamente ha smesso di piovere e le cose sono andate bene fino alla fine. Ringrazio tutto il mio team, la Ducati ed i nostri sponsor. E’ stato un weekend molto positivo, ed ovviamente nettamente migliore rispetto a quello dello scorso anno!”.

Stefano Cecconi – Team Principal –
E' stato un weekend davvero fantastico ed emozionante, reso possibile da una superba prestazione di Chaz e dal lavoro incessante di Ducati e di tutti i ragazzi del team. Questa stagione ci sta regalando grandissime soddisfazioni e questa prima doppietta ci permetterà di affrontare le prossime gare con il morale alle stelle”.

Ernesto Marinelli – Ducati SBK Project Director –
E’ stato un risultato molto importante quello conquistato oggi. Aver fatto la pole position e doppia vittoria corona la fine di un weekend perfetto, che Chaz ha condotto da vero artista sin dalle prime prove, confermando il suo talento e la competitività della nostra Panigale. A lui il ringraziamento più grande da parte di tutta la Ducati per averci riportato alla “doppietta” che ci mancava da qualche tempo ormai. Questo risultato non sarebbe stato possibile senza il duro lavoro di tutti i ragazzi a casa e qui in pista, che ogni giorno danno il loro contributo per far crescere le performance che oggi ci hanno consentito di fare la differenza. E’ stato un vero peccato per Davide che avrebbe potuto fare bene in gara 2, ma data la caduta dobbiamo ritenerci fortunati che non ci sia stata nessuna conseguenza grave e quindi sono convinto che lo rivedremo protagonista e ancora più combattivo in Malesia”.

condivisioni
commenti
Davies regala la doppietta alla Ducati dopo tre anni!

Articolo precedente

Davies regala la doppietta alla Ducati dopo tre anni!

Prossimo Articolo

Giugliano: "Pensavo di essermi fatto molto male..."

Giugliano: "Pensavo di essermi fatto molto male..."
Carica commenti
SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio? Prime

SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio?

La stagione 2021 del mondiale Superbike sta regalando una lotta iridata serratissima e senza sconti. Tuttavia, è difficile fare calcoli a causa di un calendario ancora incerto e con l'ultimo round ancora non confermato a due mesi dal termine del campionato. Con uno scenario così aperto, quanti sono dunque i punti in palio?

WSBK
16 set 2021
Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits? Prime

Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits?

La tripletta di Magny-Cours diventa una doppietta per Toprak Razgatlioglu, privato della vittoria in Superpole Race per aver superato i limiti della pista all’ultimo giro. Il caso Yamaha-Kawasaki riapre la questione dei track limits, considerati ormai un’esasperazione che condiziona fin troppo gli esiti delle gare.

WSBK
7 set 2021
Ducati brilla per incostanza, i piloti lamentano scarso sviluppo Prime

Ducati brilla per incostanza, i piloti lamentano scarso sviluppo

Al termine del round di Assen, i volti di Redding e Rinaldi sono tutt’altro che distesi. L’incostanza è il comune denominatore di una stagione che prende una piega sempre più ‘nipponica’, e i due portacolori ufficiali chiedono un maggiore sviluppo se vogliono continuare a lottare per il titolo.

WSBK
4 ago 2021
Locatelli e l’ombra Gerloff, ma Assen cambia le gerarchie Yamaha? Prime

Locatelli e l’ombra Gerloff, ma Assen cambia le gerarchie Yamaha?

Garrett Gerloff è da sempre considerato la promessa del mondiale Superbike, tanto da ricevere le attenzioni della MotoGP e aver oscurato il pilota ufficiale Yamaha Superbike Andrea Locatelli. Ma il disastro di Assen cambia le gerarchie a Iwata?

WSBK
27 lug 2021
Ana Carrasco: "Essere donna non conta, vincere è difficile per tutti" Prime

Ana Carrasco: "Essere donna non conta, vincere è difficile per tutti"

In questo nuovo appuntamento con Il Rosa dei Motori, Lorenza D'Adderio intervista Ana Carrasco. La campionessa del Mondiale SSP300 del 2018 si racconta, evidenziando quanto l'ottimismo e l'entusiasmo siano ingredienti fondamentali per chi, come lei, ha dovuto recuperare le forze dopo un tremendo infortunio. Una motociclista temeraria e di talento, che non è indifferente a un altro grande campione come Jonathan Rea...

WSBK
22 lug 2021
BMW sorprende a Donington: fuoco di paglia o rinascita? Prime

BMW sorprende a Donington: fuoco di paglia o rinascita?

Tom Sykes e Michael van der Mark difficilmente dimenticheranno il round di Donington, grazie ai podi conquistati e alla solidità mostrata durante tutto il weekend. BMW convince e non vuole che questi risultati siano una tantum. L’obiettivo in Olanda è dimostrare di essere cresciuti davvero e di poter dire la propria, dando prova del fatto che Donington è stato solo il punto di partenza di una rinascita.

WSBK
9 lug 2021
Profondo Rosso Redding: Donington segna l’addio al mondiale? Prime

Profondo Rosso Redding: Donington segna l’addio al mondiale?

Scott Redding mette in archivio il round di Donington, il peggiore della sua stagione fino ad ora. Due zeri e neanche un podio sono il bilancio di un weekend che potrebbe segnare la fine della lotta iridata. "Difficile ma non impossibile", dice Redding. Ma da Assen serve la svolta.

WSBK
6 lug 2021
Mara Soto: "Essere meccanico di Rea, l'occasione della vita" Prime

Mara Soto: "Essere meccanico di Rea, l'occasione della vita"

In questa puntata de "Il Rosa dei Motori", Lorenza D'Adderio intervista Mara Soto, meccanico Kawasaki nel team impegnato nel mondiale Superbike. Un viaggio attraverso i ricordi, gli obiettivi di una giovane ragazza che realizza il sogno di lavorare al fianco di un grande campione come Jonathan Rea.

WSBK
1 lug 2021