Tom Sykes profeta in patria: è pole a Donington

Il britannico precede il connazionale della Kawasaki Jonathan Rea e un competitivo Davide Giugliano su Ducati

Tom Sykes profeta in patria: è pole a Donington
Carica lettore audio

Thomas Sykes aveva già lanciato segnali inequivocabili nei turni di libere di ieri e oggi ha dato la prima stoccata ai principali avversari cogliendo una splendida pole position proprio sul circuito di casa, a Donington Park. Grande festa in casa Kawasaki: oltre alla casella di apertura dello schieramento, potrà disporre anche della seconda grazie a un Jonathan Rea sempre più competitivo.

Sykes si è mostrato sicuro di sé e anche della competitività della sua Ninja, compiendo nella Superpole 2 un solo tentativo effettivo e centrando al primo colpo un gran giro, che in un solo colpo ha spodestato dalla prima posizione provvisoria Alex Lowes e ha messo alle proprie spalle i principali rivali: il compagno di squadra Jonathan Rea e Davide Giugliano. Il vice campione del mondo in carica è riuscito a fermare il cronometro in 1'27"071, veramente vicino ad abbattere il muro del minuto e ventisette secondi.

Come detto, Jonathan Rea sta diventando sempre più minaccioso ogni turno che passa e il secondo posto di oggi è chiaro segnale che nelle due manche di gara di domani sarà tra i principali contendenti per la vittoria. L'obiettivo di Johnny è molto chiaro, aumentare il proprio bottino di vittorie stagionali - ben otto su dieci manche disputate nel 2015 - per dare la spallata decisiva per il titolo mondiale piloti. La sua Ninja non sembra ancora al livello di quella del compagno di squadra, ma l'assetto trovato prima delle Qualifiche ha sorpreso tutti, anche lo stesso Rea.

Ancora una grande prestazione per il primo degli italiani in griglia, Davide Giugliano, in grado di restare con le due Kawasaki Ninja ufficiali e metterle sotto pressione. Il romano, in sella alla sua Ducati Panigale R numero 34, ha ammesso di aver avuto difficoltà a utilizzare la gomma da qualifica, mentre con quelle da gara ha mostrato di avere confidenza e un passo gara che potrebbe consentirgli di lottare quantomeno per il podio, ma è possibile che possa inserirsi tra le Kawasaki se la sua condizione fisica dovesse risultare già buona. 

Leon Haslam ha portato la prima Aprilia RSV4 RF ufficiale in quarta posizione e non è più una sorpresa. Il pilota britannico è stato bravo nel corso dei turni di libere a trovare l'assetto ideale per la sua moto, sino a siglare il miglior tempo nelle Libere 4 e ad aprire la quarta fila della griglia. Nonostante i miglioramenti, Haslam dovrà però fare i conti un un'Aprilia che appare involuta rispetto alle prime gare della stagione. A conferma di ciò ecco il tredicesimo tempo a cui è stato relegato il compagno di squadra Jordi Torres, il quale ha denotato problemi alla sua moto in uscita dalle curve lente (la moto tendeva a spegnersi poco prima di ricevere l'imput d'accelerazione).

Grande prova di Alex Lowes, bravissimo a portare la sua Suzuki GSX-R1000 - ormai obsoleta - in seconda fila. Il quinto tempo dà l'idea di quanto lavoro abbia fatto il britannico nel corso del venerdì, ma anche della qualità delle scelte e di guida del pilota stesso. Sottotono invece Chaz Davies (Ducati). In qualifica il pilota di casa ha deluso, non riuscendo a trovare il giusto feeling con la gomma da qualifica, mentre risulta in possesso di un passo gara davvero rimarchevole.

La MV Agusta continua a trovarsi magnificamente tra i leggeri dislivelli del tracciato inglese. Leon Camier, dal canto suo, sta guidando molto bene e il settimo tempo al termine delle prove ufficiali non è altro che il frutto di un lavoro notevole. Il primo tempo nelle Libere 1 non è stato un exploit fine a se stesso, bensì un segnale della competitività della moto italiana.

Nono tempo per Sylvain Guintoli, che stavolta ha fatto meglio di Michael van der Mark ed è riuscito a entrare nella Top Ten dopo aver passato la Superpole 1 in prima posizione. Decimo posto finale per David Salom, che ha portato la sua Kawasaki tra i primi dieci. Ayrton Badovini non è riuscito a ripetere quanto fatto nei primi tre turni di libere a causa di una moto ancora da perfezionare dopo la scivolata che lo ha visto protagonista nel turno di questa mattina, in cui la sua BW S1000 si è danneggiata in maniera evidente. 

condivisioni
commenti
Donington, Libere 4: colpo di coda di Leon Haslam
Articolo precedente

Donington, Libere 4: colpo di coda di Leon Haslam

Prossimo Articolo

Giugliano: "Più competitivi con la gomma da gara"

Giugliano: "Più competitivi con la gomma da gara"
Carica commenti
Le migliori gare del 2021: Most, teatro di scontro tra Redding e Razgatlioglu Prime

Le migliori gare del 2021: Most, teatro di scontro tra Redding e Razgatlioglu

A Most, Toprak Razgatlioglu e Scott Redding si sono scontrati nella lotta per la vittoria. Il pilota Yamaha ha avuto la meglio con un sorpasso deciso all’ultimo giro che il portacolori Ducati ha giudicato troppo aggressivo. Il duello è andato avanti con una breve polemica al termine di Gara 1, ma in un round che ha riaperto il mondiale le tensioni si sono alleggerite quasi subito.

WSBK
24 gen 2022
Le migliori gare del 2021: Rinaldi e la Ducati tingono Misano tricolore Prime

Le migliori gare del 2021: Rinaldi e la Ducati tingono Misano tricolore

Quella di Michael Ruben Rinaldi è stata una stagione di alti e bassi, con una seconda metà decisamente complicata. Tuttavia il pilota romagnolo archivia il 2021 con la grande soddisfazione di aver conquistato una stratosferica doppietta a Misano, nel round di casa davanti al proprio pubblico. E battendo colui che sarebbe poi diventato campione del mondo, Toprak Razgatlioglu.

WSBK
10 gen 2022
SBK | Toprak, il diamante che segna il ricambio generazionale Prime

SBK | Toprak, il diamante che segna il ricambio generazionale

Toprak Razgatlioglu è il nuovo campione del mondo della Superbike, il turco è riuscito a battere Rea dopo sei anni di dominio incontrastato. Ma il titolo del pilota Yamaha non rappresenta solo un cambiamento al vertice, segna anche il rinnovo del campionato, un ricambio generazionale che disegna un bel futuro per le derivate di serie.

WSBK
24 nov 2021
Bassani ora brilla: è lui il futuro di Ducati in Superbike? Prime

Bassani ora brilla: è lui il futuro di Ducati in Superbike?

Axel Bassani ha sfiorato il podio in Argentina, dopo essere stato in lotta con i tre grandi protagonisti del mondiale. Un weekend incredibile quello del pilota del team Motocorsa, che conferma il grande cammino di crescita e fa pensare che un futuro roseo per Ducati possa essere proprio nelle sue mani.

WSBK
20 ott 2021
SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi Prime

SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi

La lotta mondiale fra Toprak Razgatlioglu e Jonathan Rea è sempre più intensa, con l'avvicinarsi della fine di questa stagione così avvincente i due sono molto vicini in classifica. Questa situazione di grande equilibrio, che a Portimao ha raggiunto il culmine, ci sta consegnando una vera e propria guerra di nervi fra i due contendenti al titolo.

WSBK
6 ott 2021
Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini" Prime

Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini"

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine analizzano, oltre a quanto successo in Russia, il lutto vissuto dal mondo delle due ruote in quel di Jerez, che piange la perdita di Dean Berta Vinales

WSBK
29 set 2021
SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento Prime

SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento

La tragica scompare di Dean Berta Vinales nel sabato del round di Jerez ha scosso non solo il paddock della Superbike ma l'intero motociclismo. Insieme al dolore, sorgono però tanti interrogativi e il grido che si leva è quello dei piloti, che chiedono un cambiamento per una classe diventata troppo pericolosa.

WSBK
28 set 2021
SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante Prime

SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante

In una stagione così avvincente e con una classifica così corta, manca un po' all'appello Ducati, che vede assottigliarsi sempre di più la speranza di rivendicare il titolo a dieci anni dall'ultimo mondiale. Nonostante si mostri spesso efficace e nettamente superiore ai rivali, la Rossa di Borgo Panigale ha pagato l'incostanza in una stagione che non lascia margine di errore.

WSBK
23 set 2021