Soddisfazione di Althea BMW Racing Team nel primo round della WorldSBK

Buon risultato di Torres e Reiterberger. Scattati dalla quarta fila hanno conquistato il settimo e l'ottavo posto finale in Gara 2.

Soddisfazione di Althea BMW Racing Team nel primo round della WorldSBK
Jordi Torres, Althea BMW Team
Jordi Torres, Althea BMW Team e Roman Ramos, Team Go Eleven
Jordi Torres, Althea BMW Team con la sua Grid Girl

E' stata una gara veramente avvincente quella che si è corsa oggi sul tracciato australiano che ospita il mondiale delle derivate di serie dal 1990: i numerosissimi spettatori che nei tre giorni si sono assiepati sui verdeggianti spalti naturali baciati dal sole, hanno assistito ad una battaglia senza sosta e mai scontata.

GARA 2 (22 giri, 97.790 Km)

Quando il semaforo si spegne, i due piloti di Althea BMW Racing Team sono schierati con le loro BMW S 1000 RR in quarta fila, rispettivamente in undicesima (Reiterberger) e dodicesima posizione (Torres).

Buona la partenza di “Reiti”, che guadagna già al secondo giro due posizioni e si mantiene nono fino al sesto giro, mentre Jordi resta intrappolato nel traffico delle prime curve complice una pessima partenza, e transita al primo giro quindicesimo.

Recuperate tre posizioni, lo spagnolo di Rubì al quinto giro raggiunge il compagno di squadra. I due percorrono sei giri uno davanti all’altro fino a quando Reiterberger decide di passare il pilota che lo precede la BM e al tredicesimo giro è ottavo. Nel giro successivo commette un errore che apre un passaggio a Torres e poi a Brookes. A questo punto della gara, l’ottimo Torres viaggia costante sull’ottava posizione e taglia il traguardo in un’ottima settima posizione finale. Reiterberger invece chiude ottavo.

La settimana è stata caratterizzata da due scivolate nei test per pilota e una in Gara 1 di Markus Reiterberger e la conseguente condizione fisica di entrambi i piloti non è stata certamente perfetta. I tecnici e gli ingegneri BMW hanno espresso comunque soddisfazione per questa prima prova e si preparano per il secondo round, in Thailandia, con la consapevolezza di aver individuato un ottimo livello di partenza di moto, e la buona affinità dei piloti a sfruttare le doti della BMW S 1000 RR.

Jordi Torres: "“Ho avuto un problema nella partenza e ho capito che dobbiamo lavorarci ancora un po’. Alla fine abbiamo ottenuto un buon passo di gara, passato il traffico della partenza, mi sono liberato e ho iniziato pilotare come volevo, mi sono sentito a mio agio sulla moto, ho preso fiducia e ho provato a scappare in avanti, ma non ci sono riuscito. Sono soddisfatto perché abbiamo molte più informazioni di prima e stiamo iniziando a capire come muoverci per la gara. Sono felice che la prossima gara sia in Thailandia perché l’anno scorso gareggiare lì mi è piaciuto molto: c’è un sacco di gente simpatica e lo spettacolo è assicurato”.

Markus Reiterberger: "In questa seconda gara ho un po’ lottato alla partenza. All’inizio del primo giro credo di aver perso qualche posizione che ho subito riguadagnato. La gara mi ha divertito, ho fatto una bella battaglia con Brookes a cui ero sempre molto vicino. Poi ho fatto un errore e lui mi ha passato. Questo mi ha fatto arrabbiare ma all’ultimo giro sono riuscito a superarlo. Non mi accontento dell’ottava posizione, ma sono felice di essere riuscito a finire la gara e di non essere più caduto, ma anche che siamo riusciti a sistemare tutti i piccoli problemi che abbiamo avuto nel week end. Ora mi riposerò un po’ per recuperare la forma fisica in vista della gara della Thailandia”.

Genesio Bevilacqua - Team Manager: "Complessivamente sono molto contento del primo week end di gare con le nostre nuove BMW S 1000 RR, dove abbiamo potuto finalmente capire il nostro punto di partenza dopo il breve lavoro fatto a casa durante i test. Sono soddisfatto per il 7° e 8° posto di Torres e di Reiterberger. Ovviamente lavoriamo per essere molto più avanti, ma quello che oggi ha penalizzato molto specialmente Jordi è stata una cattiva partenza, che già al secondo giro aveva creato un gap di 5” col gruppo di testa. Markus, pur avendo sofferto per un incidente importante in gara 1, ha gestito egregiamente il dolore alla mano destra e al piede sinistro, con il quale ha dovuto lottare per tutta la gara. Sono molto fiducioso del lavoro del team e dei tecnici bavaresi, che hanno raccolto più dati da questa gara per reagire prontamente reagire alla prossima, in Thailandia”.

condivisioni
commenti
Rea: "Sapevo come chiudere la porta a Davies"

Articolo precedente

Rea: "Sapevo come chiudere la porta a Davies"

Prossimo Articolo

Giugliano: "Mi ero tenuto del margine per gli ultimi giri"

Giugliano: "Mi ero tenuto del margine per gli ultimi giri"
Carica commenti
SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi Prime

SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi

La lotta mondiale fra Toprak Razgatlioglu e Jonathan Rea è sempre più intensa, con l'avvicinarsi della fine di questa stagione così avvincente i due sono molto vicini in classifica. Questa situazione di grande equilibrio, che a Portimao ha raggiunto il culmine, ci sta consegnando una vera e propria guerra di nervi fra i due contendenti al titolo.

WSBK
6 ott 2021
Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini" Prime

Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini"

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine analizzano, oltre a quanto successo in Russia, il lutto vissuto dal mondo delle due ruote in quel di Jerez, che piange la perdita di Dean Berta Vinales

WSBK
29 set 2021
SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento Prime

SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento

La tragica scompare di Dean Berta Vinales nel sabato del round di Jerez ha scosso non solo il paddock della Superbike ma l'intero motociclismo. Insieme al dolore, sorgono però tanti interrogativi e il grido che si leva è quello dei piloti, che chiedono un cambiamento per una classe diventata troppo pericolosa.

WSBK
28 set 2021
SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante Prime

SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante

In una stagione così avvincente e con una classifica così corta, manca un po' all'appello Ducati, che vede assottigliarsi sempre di più la speranza di rivendicare il titolo a dieci anni dall'ultimo mondiale. Nonostante si mostri spesso efficace e nettamente superiore ai rivali, la Rossa di Borgo Panigale ha pagato l'incostanza in una stagione che non lascia margine di errore.

WSBK
23 set 2021
SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio? Prime

SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio?

La stagione 2021 del mondiale Superbike sta regalando una lotta iridata serratissima e senza sconti. Tuttavia, è difficile fare calcoli a causa di un calendario ancora incerto e con l'ultimo round ancora non confermato a due mesi dal termine del campionato. Con uno scenario così aperto, quanti sono dunque i punti in palio?

WSBK
16 set 2021
Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits? Prime

Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits?

La tripletta di Magny-Cours diventa una doppietta per Toprak Razgatlioglu, privato della vittoria in Superpole Race per aver superato i limiti della pista all’ultimo giro. Il caso Yamaha-Kawasaki riapre la questione dei track limits, considerati ormai un’esasperazione che condiziona fin troppo gli esiti delle gare.

WSBK
7 set 2021
Ducati brilla per incostanza, i piloti lamentano scarso sviluppo Prime

Ducati brilla per incostanza, i piloti lamentano scarso sviluppo

Al termine del round di Assen, i volti di Redding e Rinaldi sono tutt’altro che distesi. L’incostanza è il comune denominatore di una stagione che prende una piega sempre più ‘nipponica’, e i due portacolori ufficiali chiedono un maggiore sviluppo se vogliono continuare a lottare per il titolo.

WSBK
4 ago 2021
Locatelli e l’ombra Gerloff, ma Assen cambia le gerarchie Yamaha? Prime

Locatelli e l’ombra Gerloff, ma Assen cambia le gerarchie Yamaha?

Garrett Gerloff è da sempre considerato la promessa del mondiale Superbike, tanto da ricevere le attenzioni della MotoGP e aver oscurato il pilota ufficiale Yamaha Superbike Andrea Locatelli. Ma il disastro di Assen cambia le gerarchie a Iwata?

WSBK
27 lug 2021