Sepang, Gara 1: Rea batte Davies, ma terzo c'è Biaggi!

Fondamentale la gestione delle gomme, che beffa Sykes nel finale. Johnny vede il titolo, Max è eroico a 44 anni

Sepang, Gara 1: Rea batte Davies, ma terzo c'è Biaggi!

Dopo due terzi posti a Laguna Seca, Jonathan Rea è tornato ad assaporare il gusto del gradino più alto del podio a Sepang. E quella ottenuta in gara 1, la 12esima stagionale, è una vittoria che ha davvero il sapore del Mondiale, perché ora sono davvero pochissimi i punti che lo separano dalla certezza aritmetica della sua prima corona iridata.

La corsa si è decisa solamente all'ultima curva, con un incrocio di traiettorie con un Chaz Davies che sicuramente ha spinto la sua Ducati ad un risultato che va oltre le più rosee previsioni su una pista che doveva mettere particolarmente in difficoltà le bicilindriche di Borgo Panigale.

Tuttavia, va detto che è stata soprattutto la gestione delle gomme a fare da padrona: chi è riuscito a non maltrattarle nelle prime fasi è venuto fuori alla distanza. E questo è il caso anche di Max Biaggi, che a sorpresa è andato ad artigliare il gradino più basso del podio in questa seconda wild card sull'Aprilia a ben 44 anni.

Il discorso invece è diametralmente opposto per Tom Sykes, che sicuramente è il grande deluso di questa gara 1: il britannico della Kawasaki è stato l'assoluto dominatore dei primi due terzi di gara, ma sicuramente ha chiesto troppo ai suoi pneumatici per girare con regolarità sotto al muro del 2'04" e scappare a Rea e Davies.

A sei giri dalla fine, infatti, le sue gomme hanno accusato un crollo verticale e "The Grinner" non è più riuscito a guidare la sua ZX-10R, finendo per girare addirittura in 2'10" negli ultimi due passaggi. Inevitabilmente, dunque, non ha potuto fare niente quando Rea e Davies lo hanno riagganciato, ma neppure quando il "Corsaro" lo ha infilato alla curva 1 nell'ultima tornata. Anzi, nei chilometri conclusivi si è inchinato pure a Sylvain Guintoli ed ora si ritrova a 139 punti dalla "Verdona" gemella.

Nella bagarre con i due inseguitori Tom ha sicuramente dato più fastidio al compagno di squadra, quindi Davies per un paio di giri ha accarezzato il sogno di infilare la terza vittoria consecutiva dopo la doppietta di Laguna Seca. "Johnny" però non si è arreso e all'inizio dell'ultima tornata ha trovato il sorpasso ai danni della Ducati. Alla staccata conclusiva però ha rischiato di gettare tutto alle ortiche, arrivando lunghissimo e permettendo a Chaz di infilarsi all'interno. Nell'incrocio di traiettorie comunque ha avuto un'accelerazione migliore e quindi ha battuto in volata la 1199 Panigale R.

La notizia del giorno però è senza dubbio il ritorno sul podio di Biaggi, a distanza di quasi tre anni dall'ultimo conquistato a Portimao. Come detto, la sua gestione delle gomme è stata davvero chirurgica e nel finale guadagnava anche oltre due secondi al giro su Sykes. Ma per farsi un'idea della sua impresa bisogna guardare cosa hanno fatto le altre due Aprilia: Leon Haslam ha chiuso settimo, 14" più indietro, e Jordi Torres addirittura decimo e a 24" da Max. Un peccato soprattutto per lo spagnolo che era stato quarto quasi per tutta la gara, prima di disintegrare gli pneumatici.

E quarto sul traguardo invece è transitato Guintoli, pure lui bravissimo nella gestione delle coperture e premiato con il suo miglior risultato stagionale. Finalmente una prova degna di un campione del mondo per il pilota della Honda, che lo rende uno di quelli da tenere d'occhio in gara 2, visto che scatterà nuovamente dalla prima fila.

Detto del quinto posto di Sykes e del settimo di Haslam, tra di loro si è inserita la Suzuki di Alex Lowes, mentre alle spalle di Leon ci sono le due Ducati del Team Althea, con Matteo Baiocco che ha avuto la meglio nei confronti di Niccolò Canepa. Dopo aver dato qualche segnale di ripresa nel weekend, infine, Randy De Puniet non è andato oltre al 12esimo posto alle spalle anche di David Salom.

condivisioni
commenti
Sykes ha firmato in Malesia la pole numero 28
Articolo precedente

Sykes ha firmato in Malesia la pole numero 28

Prossimo Articolo

Biaggi: "Che soddisfazione a 44 primavere!"

Biaggi: "Che soddisfazione a 44 primavere!"
Carica commenti
Le migliori gare del 2021: Rinaldi e la Ducati tingono Misano tricolore Prime

Le migliori gare del 2021: Rinaldi e la Ducati tingono Misano tricolore

Quella di Michael Ruben Rinaldi è stata una stagione di alti e bassi, con una seconda metà decisamente complicata. Tuttavia il pilota romagnolo archivia il 2021 con la grande soddisfazione di aver conquistato una stratosferica doppietta a Misano, nel round di casa davanti al proprio pubblico. E battendo colui che sarebbe poi diventato campione del mondo, Toprak Razgatlioglu.

WSBK
10 gen 2022
SBK | Toprak, il diamante che segna il ricambio generazionale Prime

SBK | Toprak, il diamante che segna il ricambio generazionale

Toprak Razgatlioglu è il nuovo campione del mondo della Superbike, il turco è riuscito a battere Rea dopo sei anni di dominio incontrastato. Ma il titolo del pilota Yamaha non rappresenta solo un cambiamento al vertice, segna anche il rinnovo del campionato, un ricambio generazionale che disegna un bel futuro per le derivate di serie.

WSBK
24 nov 2021
Bassani ora brilla: è lui il futuro di Ducati in Superbike? Prime

Bassani ora brilla: è lui il futuro di Ducati in Superbike?

Axel Bassani ha sfiorato il podio in Argentina, dopo essere stato in lotta con i tre grandi protagonisti del mondiale. Un weekend incredibile quello del pilota del team Motocorsa, che conferma il grande cammino di crescita e fa pensare che un futuro roseo per Ducati possa essere proprio nelle sue mani.

WSBK
20 ott 2021
SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi Prime

SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi

La lotta mondiale fra Toprak Razgatlioglu e Jonathan Rea è sempre più intensa, con l'avvicinarsi della fine di questa stagione così avvincente i due sono molto vicini in classifica. Questa situazione di grande equilibrio, che a Portimao ha raggiunto il culmine, ci sta consegnando una vera e propria guerra di nervi fra i due contendenti al titolo.

WSBK
6 ott 2021
Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini" Prime

Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini"

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine analizzano, oltre a quanto successo in Russia, il lutto vissuto dal mondo delle due ruote in quel di Jerez, che piange la perdita di Dean Berta Vinales

WSBK
29 set 2021
SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento Prime

SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento

La tragica scompare di Dean Berta Vinales nel sabato del round di Jerez ha scosso non solo il paddock della Superbike ma l'intero motociclismo. Insieme al dolore, sorgono però tanti interrogativi e il grido che si leva è quello dei piloti, che chiedono un cambiamento per una classe diventata troppo pericolosa.

WSBK
28 set 2021
SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante Prime

SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante

In una stagione così avvincente e con una classifica così corta, manca un po' all'appello Ducati, che vede assottigliarsi sempre di più la speranza di rivendicare il titolo a dieci anni dall'ultimo mondiale. Nonostante si mostri spesso efficace e nettamente superiore ai rivali, la Rossa di Borgo Panigale ha pagato l'incostanza in una stagione che non lascia margine di errore.

WSBK
23 set 2021
SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio? Prime

SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio?

La stagione 2021 del mondiale Superbike sta regalando una lotta iridata serratissima e senza sconti. Tuttavia, è difficile fare calcoli a causa di un calendario ancora incerto e con l'ultimo round ancora non confermato a due mesi dal termine del campionato. Con uno scenario così aperto, quanti sono dunque i punti in palio?

WSBK
16 set 2021