SBK | Redding si aspettava di più da BMW dopo i progressi iniziali

Scott Redding si sarebbe aspettato ulteriori miglioramenti da parte di BMW nel corso del Mondiale Superbike 2022, dopo che i progressi di metà stagione lo avevano spinto a salire più volte sul podio.

SBK | Redding si aspettava di più da BMW dopo i progressi iniziali
Carica lettore audio

Redding è stato ingaggiato dalla BMW per guidare il suo programma factory nel Mondiale Superbike sulla scia della prima vittoria dal rientro del marchio ottenuta nel 2021 da Michael van der Mark.

Sebbene la partnership abbia avuto un inizio da incubo ad Aragon, Redding è stato presto in grado di adattarsi alla BMW M1000RR e di ottenere due podi a Donington Park e a Most nella parte centrale della stagione.

Tuttavia, dopo la pausa estiva è stato molto più difficile ottenere risultati di rilievo e, se si esclude un fortuito secondo posto in una gara in cui si sono ritirati sia Toprak Razgatlioglu che Jonathan Rea, Redding è entrato nella top-five solo una volta negli ultimi sei round della stagione.

Tirando le somme della sua prima stagione con il costruttore tedesco, Redding si è detto "semi-soddisfatto" delle prestazioni ottenute nel 2022, ma spera che lui e la BMW possano fare ulteriori passi avanti il prossimo anno.

"La progressione fino a metà stagione è stata più o meno quella che mi aspettavo, avvicinandomi sempre di più ai primi posti e salendo sul podio", ha detto il britannico.

"Mi aspettavo di rimanere di più a quel livello, ma quando abbiamo affrontato piste più calde e curve più lunghe, il nostro problema principale si è ingigantito ed abbiamo faticato parecchio". 

"Ma in Indonesia ho fatto un paio di buone gare e, considerando le condizioni qui, posso tornare a casa ragionevolmente soddisfatto della situazione. Sono semi-soddisfatto, ovviamente vorrei molto di più, ma è andata bene".

"Sarebbe bello se potessimo fare qualche passo avanti per il prossimo anno, perché voglio lottare per altri podi e provare a vincere di nuovo delle gare".

Scott Redding, BMW Motorrad WorldSBK Team

Scott Redding, BMW Motorrad WorldSBK Team

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

 

Nel tentativo di chiudere l'anno in bellezza, Redding è partito aggressivamente dalla sesta posizione in griglia per portarsi in seconda posizione dietro a Rea a Phillip Island lo scorso fine settimana.

Tuttavia, non ha avuto il ritmo necessario per rimanere al vertice ed è scivolato in sesta posizione alla fine della gara, che si è conclusa conclusa con la bandiera rossa dopo 17 anni, mentre il suo sostituto in Ducati, Alvaro Bautista, ha ottenuto un'altra vittoria, concludendo in bellezza la stagione in cui si è laureato campione del mondo.

Parlando dopo la gara, Redding ha incolpato il forte degrado degli pneumatici per il crollo delle sue prestazioni.

"Ho fatto una grande partenza, cosa su cui ho lavorato quest'anno, e questo fine settimana ho trovato qualcosa che mi ha aiutato, che è stato abbastanza buono", ha spiegato.

"Sono entrato in curva 1 e ho pensato: 'è l'ultima gara dell'anno, dai tutto quello che hai'. Sono stato nel gruppo di testa per un po', mi sentivo abbastanza bene e ho sfidato il leader della corsa un paio di volte". 

"Poi l'usura degli pneumatici è diventata un problema e ho iniziato a retrocedere, il che è stato un peccato. Dovevo solo cercare di sopravvivere e di mantenere il tempo sul giro".

Anche se Redding non è riuscito a salire sul podio nel finale di Phillip Island, il suo sesto posto ha permesso alla BMW di scavalcare la Honda al quarto posto nella classifica Costruttori.

Leggi anche:
condivisioni
commenti
Ducati: è la prima doppietta MotoGP-SBK. Ma ci sono 5 precedenti
Articolo precedente

Ducati: è la prima doppietta MotoGP-SBK. Ma ci sono 5 precedenti

Prossimo Articolo

SBK | Danilo Petrucci correrà con il team Barni nel 2023

SBK | Danilo Petrucci correrà con il team Barni nel 2023