SBK, Phillip Island, Gara 2: Lowes su Rea nel finale ed è leader

Alex Lowes conquista la prima vittoria da pilota Kawasaki in Gara 2 a Phillip Island e balza al comando della classifica generale. Jonathan Rea deve accontentarsi della seconda posizione, mentre Scott Redding sale ancora sul podio con il terzo posto. Clamoroso ritiro per Toprak Razgatlioglu.

SBK, Phillip Island, Gara 2: Lowes su Rea nel finale ed è leader

La domenica di gare a Phillip Island porta la firma di Kawasaki, che dopo la vittoria di Rea nella Superpole Race si impone anche in Gara 2 con Alex Lowes. Arriva il primo successo stagionale per il britannico nel fine settimana d’esordio con la ZX-10RR, in cui ha mostrato grinta beffando anche il più esperto e blasonato compagno di squadra.

Rea deve accontentarsi della seconda posizione, mentre Scott Redding conquista il terzo podio in tre gare consecutive. Il pilota Ducati fatica maggiormente in questa combattuta Gara 2, ma riesce a portare a casa un ottimo risultato che lo porta in seconda posizione nella classifica generale, a 12 punti di distacco dal leader, Alex Lowes.

Grande colpo di scena proprio nel finale: Toprak Razgatlioglu, in lotta per il podio durante tutta la gara, è costretto al ritiro a causa di un problema alla sua Yamaha. Il turco perde la leadership e scivola in terza posizione nella generale. Il compagno di squadra Michael van der Mark chiude in quarta posizione dopo aver lottato anche per la vetta.

Si fa vedere nuovamente nelle prime posizioni Chaz Davies, che taglia il traguardo in quinta posizione. Il gallese è autore di una grande rimonta dalla 13esima casella e resta nel folto gruppo di testa per tutta Gara 2. L’alfiere Ducati precede Alvaro Bautista, che si riscatta dalla caduta nella Superpole Race e passa sotto la bandiera a scacchi in sesta posizione.

La sorpresa di giornata è caratterizzata da Maximilian Scheib, che chiude la seconda manche del weekend in settima posizione ed è così il miglior pilota indipendente. Il cileno precede Loris Baz, rimasto indietro dopo un largo nel finale e solo ottavo. Chiudono la top 10 Sandro Cortese e Tom Sykes, nono e decimo rispettivamente.

LA GARA – Alla partenza Rea ottiene lo spunto migliore e mantiene la prima posizione, mentre Scott Redding perde terreno e rimane nel gruppo, arrivando alla prima curva in sesta posizione. Come di consueto, le due Yamaha si mostrano subito aggressive, con i due piloti del team Pata che insidiano subito Rea.

Nei primi giri Redding sembra faticare a tenere il ritmo dei primi, ma pian piano recupera fino a portarsi in terza posizione, alle spalle di van der Mark e Rea. Il gruppo di testa comunque è piuttosto folto e ben nove piloti sono in lotta per le posizioni del podio. Sono costretti a restare a guardare Michael Ruben Rinaldi e Leon Haslam, caduti nelle fasi iniziali di gara dopo un contatto.

Il Campione del mondo in carica continua a dettare il ritmo, ma viene tallonato dalle Yamaha, che si confermano in ottima forma anche con Loris Baz. Il francese del team Ten Kate, con un grande sorpasso si porta in seconda posizione e diventa così il primo inseguitore di Rea. In questa fase di gara Redding fatica a stare con i primi tre ed è quarto, mentre alle sue spalle un contatto tra Alex Lowes e Toprak Razgatlioglu porta il turco ad andare largo e rientrare in settima posizione. Tutto da rifare per il pilota Yamaha, che deve guardarsi le spalle da Alvaro Bautista, ottavo.

A metà gara Baz rompe gli indugi e si porta al comando con un grande sorpasso su Rea, che deve accodarsi ed inseguire. Il pilota Kawasaki prova a tornare in testa sul rettilineo principale, ma il francese risponde all’attacco e chiude le porte. Intanto van der Mark continua a rimanere cauto in terza posizione. Faticano molto le Ducati, con Redding che è sesto e Chaz Davies ottavo, sopravanzato dalla Honda di Bautista.

Nel frattempo Alex Lowes è autore è autore di un guizzo che lo porta al comando, dopo aver superato ben due piloti in una sola curva. Il dominio del britannico non dura molto, ma continuano le battaglie per il podio. Il campione in carica torna in testa e nelle ultime fasi di gara prova a mettere margine tra sé e gli inseguitori, ma invano. Infatti Alex Lowes torna all’attacco e stavolta riesce a mettere le ruote della sua Kawasaki davanti a tutti.

Mentre Lowes guadagna da subito sei decimi sul proprio compagno di squadra, la gara perde un grande protagonista: Toprak Razgatlioglu accusa dei problemi alla sua Yamaha ed è costretto a fermarsi, ritirandosi a due giri dal termine. Nello spostarsi sulla destra inganna Baz, che tenta un sorpasso ma finisce sulla ghiaia. Il largo lo porta a perdere terreno nella lotta per il podio.

Rea tenta il tutto per tutto all’ultimo giro, ma un inarrestabile Lowes chiude tutte le porte e taglia il traguardo davanti a tutti. Il Campione in carica deve accontentarsi della seconda posizione, mentre Redding riesce a recuperare nel finale ed agguanta il terzo gradino del podio. Michael van der Mark è quarto davanti a Chaz Davies, quinto e autore di una grande rimonta.

Cla   # Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco Ritirato Punti
1   22 United Kingdom Alex Lowes Kawasaki 22 34'04.327       25
2   1 United Kingdom Jonathan Rea Kawasaki 22 34'04.364 0.037 0.037   20
3   45 United Kingdom Scott Redding Ducati 22 34'05.176 0.849 0.812   16
4   60 Netherlands Michael van der Mark Yamaha 22 34'06.111 1.784 0.935   13
5   7 United Kingdom Chaz Davies Ducati 22 34'08.605 4.278 2.494   11
6   19 Spain Alvaro Bautista Honda 22 34'08.649 4.322 0.044   10
7   77 Chile Maximilian Scheib Kawasaki 22 34'09.156 4.829 0.507   9
8   76 France Loris Baz Yamaha 22 34'10.499 6.172 1.343   8
9   11 Germany Sandro Cortese Kawasaki 22 34'15.384 11.057 4.885   7
10   66 United Kingdom Tom Sykes BMW 22 34'21.531 17.204 6.147   6
11   12 Spain Javier Fores Kawasaki 22 34'37.665 33.338 16.134   5
12   91 United Kingdom Leon Haslam Honda 22 34'38.106 33.779 0.441   4
  nc 21 Italy Michael Ruben Rinaldi Ducati 14 8 laps        
  dnf 54 Turkey Toprak Razgatlıoğlu Yamaha 19 3 laps     Mechanical  
  dnf 64 Italy Federico Caricasulo Yamaha 10 12 laps     Incidente  
  dnf 13 Japan Takumi Takahashi Honda 5 17 laps     Ritirato
condivisioni
commenti
SSP, Phillip Island: esordio con trionfo per Locatelli
Articolo precedente

SSP, Phillip Island: esordio con trionfo per Locatelli

Prossimo Articolo

Redding: “Sbagliato fare paragoni con Bautista”

Redding: “Sbagliato fare paragoni con Bautista”
Carica commenti
SBK | Toprak, il diamante che segna il ricambio generazionale Prime

SBK | Toprak, il diamante che segna il ricambio generazionale

Toprak Razgatlioglu è il nuovo campione del mondo della Superbike, il turco è riuscito a battere Rea dopo sei anni di dominio incontrastato. Ma il titolo del pilota Yamaha non rappresenta solo un cambiamento al vertice, segna anche il rinnovo del campionato, un ricambio generazionale che disegna un bel futuro per le derivate di serie.

WSBK
24 nov 2021
Bassani ora brilla: è lui il futuro di Ducati in Superbike? Prime

Bassani ora brilla: è lui il futuro di Ducati in Superbike?

Axel Bassani ha sfiorato il podio in Argentina, dopo essere stato in lotta con i tre grandi protagonisti del mondiale. Un weekend incredibile quello del pilota del team Motocorsa, che conferma il grande cammino di crescita e fa pensare che un futuro roseo per Ducati possa essere proprio nelle sue mani.

WSBK
20 ott 2021
SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi Prime

SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi

La lotta mondiale fra Toprak Razgatlioglu e Jonathan Rea è sempre più intensa, con l'avvicinarsi della fine di questa stagione così avvincente i due sono molto vicini in classifica. Questa situazione di grande equilibrio, che a Portimao ha raggiunto il culmine, ci sta consegnando una vera e propria guerra di nervi fra i due contendenti al titolo.

WSBK
6 ott 2021
Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini" Prime

Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini"

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine analizzano, oltre a quanto successo in Russia, il lutto vissuto dal mondo delle due ruote in quel di Jerez, che piange la perdita di Dean Berta Vinales

WSBK
29 set 2021
SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento Prime

SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento

La tragica scompare di Dean Berta Vinales nel sabato del round di Jerez ha scosso non solo il paddock della Superbike ma l'intero motociclismo. Insieme al dolore, sorgono però tanti interrogativi e il grido che si leva è quello dei piloti, che chiedono un cambiamento per una classe diventata troppo pericolosa.

WSBK
28 set 2021
SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante Prime

SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante

In una stagione così avvincente e con una classifica così corta, manca un po' all'appello Ducati, che vede assottigliarsi sempre di più la speranza di rivendicare il titolo a dieci anni dall'ultimo mondiale. Nonostante si mostri spesso efficace e nettamente superiore ai rivali, la Rossa di Borgo Panigale ha pagato l'incostanza in una stagione che non lascia margine di errore.

WSBK
23 set 2021
SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio? Prime

SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio?

La stagione 2021 del mondiale Superbike sta regalando una lotta iridata serratissima e senza sconti. Tuttavia, è difficile fare calcoli a causa di un calendario ancora incerto e con l'ultimo round ancora non confermato a due mesi dal termine del campionato. Con uno scenario così aperto, quanti sono dunque i punti in palio?

WSBK
16 set 2021
Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits? Prime

Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits?

La tripletta di Magny-Cours diventa una doppietta per Toprak Razgatlioglu, privato della vittoria in Superpole Race per aver superato i limiti della pista all’ultimo giro. Il caso Yamaha-Kawasaki riapre la questione dei track limits, considerati ormai un’esasperazione che condiziona fin troppo gli esiti delle gare.

WSBK
7 set 2021