SBK, mercato piloti in subbuglio mentre Rea difende Kawasaki

Bautista lascia Ducati ed arriva Redding, che dovrà fermare il dominio di Jonathan Rea, confermato in Kawasaki. La destinazione dello spagnolo è ignota, così come il futuro di Haslam e Lowes. Mentre Razgatlioglu è sempre più lontano da Kawasaki…e Rea dice la sua.

SBK, mercato piloti in subbuglio mentre Rea difende Kawasaki

La pausa estiva è terminata ed il mondiale Superbike è ripartito per l’ultima fase di stagione, che decreterà il prossimo campione del mondo. Ma durante l’estate squadre e piloti si sono già mossi per arrivare preparati al 2020, anno in cui la griglia di partenza delle derivate di serie vedrà riconferme e grandi novità.

La prima fra tutte è l’arrivo di Scott Redding: il britannico, attualmente impegnato nel BSB, vestirà i colori del team Aruba.it Ducati, andando così a sostituire Alvaro Bautista, la cui destinazione è ancora ignota. Lo spagnolo, che ha dominato la prima parte di stagione, è crollato a partire da Imola, inanellando una serie di cadute che lo hanno fatto precipitare a -81 da Rea, ora saldamente al comando della classifica. Sarà Honda la prossima destinazione? Bautista ha visto il progetto e le voci che si rincorrono danno per certo l’approdo alla Casa alata. Ma l’alfiere Ducati non si sbilancia e smentisce, pur rivelando di avere già un contratto siglato per la prossima stagione.

Leggi anche:

Dopo un solo anno dunque lo spagnolo lascia Borgo Panigale e sarà proprio l’ex pilota MotoGP a prendere il testimone come primo candidato alla rincorsa al titolo mondiale. Redding affiancherà il confermato Chaz Davies, che ancora non ha trovato il perfetto equilibrio con la Panigale V4 R ed avrà un’altra stagione per adattarsi alla quattro cilindri.  

Il duo Redding-Davies sarà impegnato a mettere un freno a Jonathan Rea, uno dei pochi piloti che ha vissuto in serenità questa calda fase di mercato, avendo già siglato lo scorso anno un contratto che scade alla fine del 2020. Non è ancora confermato il proprio compagno di squadra, anche se tutto lascia pensare ad un rinnovo di Leon Haslam. Fino al round di Donington erano decisamente insistenti le voci su un arrivo di Toprak Razgatlioglu, poi crollate definitivamente dopo la 8 Ore di Suzuka.

Le polemiche scaturite dal mancato schieramento del pilota turco nella prestigiosa gara endurance hanno fatto sì che il manager Kenan Sofuoglu si risentisse, decidendo di chiudere i rapporti con Kawasaki per avvicinarsi a Yamaha. Il leggendario campione Supersport non ha negato di aver avuto contatti con la Casa di Iwata, un’opzione che ha considerato da subito e che valuta seriamente, a seguito del comportamento di Kawasaki, da lui definito “irrispettoso”.

Leggi anche:

Non si è fatta attendere la risposta di Rea, che nella giornata di venerdì ha risposto ad una domanda su questa polemica prendendo le difese della squadra: “Kenan è il manager di Toprak, ma lui non era a Suzuka, quindi non conosce bene la situazione di quel momento. Mi dispiace per tutta la situazione che si è creata, ma io sono con il team. Forse è un po’irrispettoso da parte di Sofuoglu parlare in quel modo”.

Si attende solo l’ufficialità dell’addio di Razgatlioglu al team Puccetti, che ha già parlato con altri piloti per sostituirlo. Il primo dei candidati era Eugene Laverty, che ha però recentemente annunciato l’ingaggio con BMW a partire dalla prossima stagione. Il costruttore tedesco è al momento il terzo top team ad avere una line-up già definita, con il confermato Tom Sykes e l’irlandese, che a fine anno lascerà GO Eleven per approdare in BMW. Team tranquillo in vista della prossima stagione è anche Pedercini, che ha rinnovato l'accordo con Jordi Torres. 

Un team di cui ancora non si conoscono i piani futuri è Yamaha Pata. La squadra ufficiale quest’anno conta su Michael van der Mark ed Alex Lowes. L’olandese è stato confermato e continuerà a salire in sella alla R1 anche nel 2020. È ufficiale invece l’addio del pilota inglese: il rapporto con la Casa di Iwata si concluderà alla fine di questa stagione, ma non è ancora chiaro il suo futuro. La ha comunicato proprio al termine della giornata di libere, non sa per quale squadra correrà ed il suo manager sfrutterà il fine settimana di Portimao per fare dei colloqui e cercare di capire quale opzione sarà la migliore per il proprio pilota.

A questo proposito, nella giornata di domani si terrà un incontro con Yamaha Ten Kate, che quest'anno conta su Loris Baz. Lowes potrebbe approdare nel team subentrato quest'anno a metà stagione e conterà su un supporto finanziario della Casa di Iwata. Il pilota inglese affiancherà Loris Baz, che verrà confermato a Magny-Cours. 

condivisioni
commenti
Bautista risponde a Ciabatti: “Non lascio Ducati per i soldi”

Articolo precedente

Bautista risponde a Ciabatti: “Non lascio Ducati per i soldi”

Prossimo Articolo

SBK, Portimao, Libere 3: Rea torna davanti a tutti

SBK, Portimao, Libere 3: Rea torna davanti a tutti
Carica commenti
Bassani ora brilla: è lui il futuro di Ducati in Superbike? Prime

Bassani ora brilla: è lui il futuro di Ducati in Superbike?

Axel Bassani ha sfiorato il podio in Argentina, dopo essere stato in lotta con i tre grandi protagonisti del mondiale. Un weekend incredibile quello del pilota del team Motocorsa, che conferma il grande cammino di crescita e fa pensare che un futuro roseo per Ducati possa essere proprio nelle sue mani.

WSBK
20 ott 2021
SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi Prime

SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi

La lotta mondiale fra Toprak Razgatlioglu e Jonathan Rea è sempre più intensa, con l'avvicinarsi della fine di questa stagione così avvincente i due sono molto vicini in classifica. Questa situazione di grande equilibrio, che a Portimao ha raggiunto il culmine, ci sta consegnando una vera e propria guerra di nervi fra i due contendenti al titolo.

WSBK
6 ott 2021
Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini" Prime

Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini"

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine analizzano, oltre a quanto successo in Russia, il lutto vissuto dal mondo delle due ruote in quel di Jerez, che piange la perdita di Dean Berta Vinales

WSBK
29 set 2021
SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento Prime

SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento

La tragica scompare di Dean Berta Vinales nel sabato del round di Jerez ha scosso non solo il paddock della Superbike ma l'intero motociclismo. Insieme al dolore, sorgono però tanti interrogativi e il grido che si leva è quello dei piloti, che chiedono un cambiamento per una classe diventata troppo pericolosa.

WSBK
28 set 2021
SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante Prime

SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante

In una stagione così avvincente e con una classifica così corta, manca un po' all'appello Ducati, che vede assottigliarsi sempre di più la speranza di rivendicare il titolo a dieci anni dall'ultimo mondiale. Nonostante si mostri spesso efficace e nettamente superiore ai rivali, la Rossa di Borgo Panigale ha pagato l'incostanza in una stagione che non lascia margine di errore.

WSBK
23 set 2021
SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio? Prime

SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio?

La stagione 2021 del mondiale Superbike sta regalando una lotta iridata serratissima e senza sconti. Tuttavia, è difficile fare calcoli a causa di un calendario ancora incerto e con l'ultimo round ancora non confermato a due mesi dal termine del campionato. Con uno scenario così aperto, quanti sono dunque i punti in palio?

WSBK
16 set 2021
Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits? Prime

Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits?

La tripletta di Magny-Cours diventa una doppietta per Toprak Razgatlioglu, privato della vittoria in Superpole Race per aver superato i limiti della pista all’ultimo giro. Il caso Yamaha-Kawasaki riapre la questione dei track limits, considerati ormai un’esasperazione che condiziona fin troppo gli esiti delle gare.

WSBK
7 set 2021
Ducati brilla per incostanza, i piloti lamentano scarso sviluppo Prime

Ducati brilla per incostanza, i piloti lamentano scarso sviluppo

Al termine del round di Assen, i volti di Redding e Rinaldi sono tutt’altro che distesi. L’incostanza è il comune denominatore di una stagione che prende una piega sempre più ‘nipponica’, e i due portacolori ufficiali chiedono un maggiore sviluppo se vogliono continuare a lottare per il titolo.

WSBK
4 ago 2021