SBK, Magny-Cours, Libere 2: Razgatlioglu detta legge, Rea terzo

Toprak Razgatlioglu firma il miglior crono nella seconda sessione di prove libere, dimostrando un passo incredibile e facendo la differenza su tutti gli altri. Scott Redding è secondo e precede Jonathan Rea, terzo. Dietro i tre contendenti al titolo c'è un ottimo Chaz Davies, quarto.

SBK, Magny-Cours, Libere 2: Razgatlioglu detta legge, Rea terzo

In una seconda sessione disputata in condizioni decisamente migliori rispetto alla mattina, Toprak Razgatlioglu detta legge e fa la differenza. Con pista asciutta e il sole che ha scaldato l’asfalto di Magny-Cours, i tempi sono crollati vertiginosamente e il pilota Yamaha ha migliorato il primo crono della mattinata, andando al comando del turno pomeridiano. Anche in questa occasione si rinnova la lotta mondiale, con i primi tre in classifica che occupano le prime tre posizioni della seconda sessione.

Razgatlioglu ha fermato il cronometro sull’1’37'138, beffando di poco più di due decimi Scott Redding. Venti giri all’attivo per il leader del mondiale, che ha portato avanti una simulazione gara con risultati più che soddisfacenti. Il pilota Ducati però non sta a guardare e ha confermato l’ottima prestazione della mattina, migliorando anche lui il crono del primo turno. Il venerdì è stato piuttosto solido anche per Jonathan Rea, più in ombra rispetto ai primi due, ma comunque in linea con i tempi. Il campione in carica si è fermato in terza posizione, a 288 millesimi dal diretto rivale in classifica.

La seconda sessione di prove libere ci preannuncia un weekend intenso e combattuto: ben 12 piloti sono racchiusi in sette decimi, sette sono in meno di mezzo secondo. A fare la voce grossa in questo pomeriggio francese è la Ducati, che nelle prime quattro posizioni vanta due moto. Il secondo pilota della Rossa però è ancora una volta Chaz Davies, che sembra interpretare il tracciato di Magny-Cours al meglio e chiude con il quarto crono. Il gallese è stato in lotta con Toprak Razgatlioglu e in alcune fasi del turno è stato in grado di avvicinarlo, salvo poi rimanere a tre decimi, un distacco comunque contenuto.

Si conferma buono il venerdì della Honda, che con Leon Haslam trova la quinta piazza. È rimasto invece più attardato Alvaro Bautista, che non è andato oltre il 12esimo crono. Lo spagnolo però è l’ultimo pilota a essere sotto il secondo di distacco da Razgatlioglu. Oltre a Honda si è difesa anche BMW, che con Tom Sykes viaggia in sesta posizione. Stavolta il britannico ha chiuso davanti al compagno di squadra Michael van der Mark, decimo dopo aver firmato il secondo crono della mattinata.

Se c’è un pilota che a Magny-Cours sembra fare la differenza è proprio Toprak Razgatlioglu: il leader del mondiale infatti è l’unico pilota Yamaha nelle prime posizioni. Per trovare un altro alfiere della Casa dei tre diapason bisogna scorrere fino alla settima piazza, dove troviamo Garrett Gerloff. Il weekend è iniziato un po’ sottotono per Andrea Locatelli, che non è andato oltre l’11esima posizione. Lo statunitense del team GRT ha chiuso il secondo turno davanti ad Alex Lowes, ottavo. Risale un po’ la china Michael Ruben Rinaldi, che però rimane molto più attardato rispetto al compagno di squadra e ai primi della classifica. Il romagnolo ha chiuso la sessione pomeridiana con il decimo tempo, a sei decimi dalla vetta.

Cla # Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 54 Turkey Toprak Razgatlıoğlu Yamaha 20 1'37.138     163.474
2 45 United Kingdom Scott Redding Ducati 19 1'37.346 0.208 0.208 163.125
3 1 United Kingdom Jonathan Rea Kawasaki 20 1'37.426 0.288 0.080 162.991
4 7 United Kingdom Chaz Davies Ducati 18 1'37.472 0.334 0.046 162.914
5 91 United Kingdom Leon Haslam Honda 15 1'37.545 0.407 0.073 162.792
6 66 United Kingdom Tom Sykes BMW 10 1'37.607 0.469 0.062 162.689
7 31 United States Garrett Gerloff Yamaha 19 1'37.635 0.497 0.028 162.642
8 22 United Kingdom Alex Lowes Kawasaki 20 1'37.668 0.530 0.033 162.587
9 21 Italy Michael Ruben Rinaldi Ducati 20 1'37.771 0.633 0.103 162.416
10 60 Netherlands Michael van der Mark BMW 16 1'37.808 0.670 0.037 162.354
11 55 Italy Andrea Locatelli Yamaha 22 1'37.826 0.688 0.018 162.324
12 19 Spain Alvaro Bautista Honda 19 1'37.842 0.704 0.016 162.298
13 47 Italy Axel Bassani Ducati 20 1'38.234 1.096 0.392 161.650
14 44 France Lucas Mahias Kawasaki 16 1'38.368 1.230 0.134 161.430
15 94 Germany Jonas Folger BMW 17 1'38.919 1.781 0.551 160.531
16 36 Argentina Leandro Mercado Honda 17 1'39.046 1.908 0.127 160.325
17 53 Spain Tito Rabat Ducati 20 1'39.198 2.060 0.152 160.079
18 23 France Christophe Ponsson Yamaha 20 1'39.407 2.269 0.209 159.743
19 32 Spain Isaac Viñales Kawasaki 15 1'39.531 2.393 0.124 159.544
20 3 Japan Kohta Nozane Yamaha 16 1'39.784 2.646 0.253 159.139
21 84 Belgium Loris Cresson Kawasaki 17 1'40.591 3.453 0.807 157.863
condivisioni
commenti
SBK: Magny-Cours confermata nel calendario fino al 2024

Articolo precedente

SBK: Magny-Cours confermata nel calendario fino al 2024

Prossimo Articolo

SSP, Magny-Cours, Libere: Aegerter comanda, indietro Odendaal

SSP, Magny-Cours, Libere: Aegerter comanda, indietro Odendaal
Carica commenti
SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi Prime

SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi

La lotta mondiale fra Toprak Razgatlioglu e Jonathan Rea è sempre più intensa, con l'avvicinarsi della fine di questa stagione così avvincente i due sono molto vicini in classifica. Questa situazione di grande equilibrio, che a Portimao ha raggiunto il culmine, ci sta consegnando una vera e propria guerra di nervi fra i due contendenti al titolo.

WSBK
6 ott 2021
Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini" Prime

Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini"

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine analizzano, oltre a quanto successo in Russia, il lutto vissuto dal mondo delle due ruote in quel di Jerez, che piange la perdita di Dean Berta Vinales

WSBK
29 set 2021
SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento Prime

SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento

La tragica scompare di Dean Berta Vinales nel sabato del round di Jerez ha scosso non solo il paddock della Superbike ma l'intero motociclismo. Insieme al dolore, sorgono però tanti interrogativi e il grido che si leva è quello dei piloti, che chiedono un cambiamento per una classe diventata troppo pericolosa.

WSBK
28 set 2021
SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante Prime

SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante

In una stagione così avvincente e con una classifica così corta, manca un po' all'appello Ducati, che vede assottigliarsi sempre di più la speranza di rivendicare il titolo a dieci anni dall'ultimo mondiale. Nonostante si mostri spesso efficace e nettamente superiore ai rivali, la Rossa di Borgo Panigale ha pagato l'incostanza in una stagione che non lascia margine di errore.

WSBK
23 set 2021
SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio? Prime

SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio?

La stagione 2021 del mondiale Superbike sta regalando una lotta iridata serratissima e senza sconti. Tuttavia, è difficile fare calcoli a causa di un calendario ancora incerto e con l'ultimo round ancora non confermato a due mesi dal termine del campionato. Con uno scenario così aperto, quanti sono dunque i punti in palio?

WSBK
16 set 2021
Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits? Prime

Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits?

La tripletta di Magny-Cours diventa una doppietta per Toprak Razgatlioglu, privato della vittoria in Superpole Race per aver superato i limiti della pista all’ultimo giro. Il caso Yamaha-Kawasaki riapre la questione dei track limits, considerati ormai un’esasperazione che condiziona fin troppo gli esiti delle gare.

WSBK
7 set 2021
Ducati brilla per incostanza, i piloti lamentano scarso sviluppo Prime

Ducati brilla per incostanza, i piloti lamentano scarso sviluppo

Al termine del round di Assen, i volti di Redding e Rinaldi sono tutt’altro che distesi. L’incostanza è il comune denominatore di una stagione che prende una piega sempre più ‘nipponica’, e i due portacolori ufficiali chiedono un maggiore sviluppo se vogliono continuare a lottare per il titolo.

WSBK
4 ago 2021
Locatelli e l’ombra Gerloff, ma Assen cambia le gerarchie Yamaha? Prime

Locatelli e l’ombra Gerloff, ma Assen cambia le gerarchie Yamaha?

Garrett Gerloff è da sempre considerato la promessa del mondiale Superbike, tanto da ricevere le attenzioni della MotoGP e aver oscurato il pilota ufficiale Yamaha Superbike Andrea Locatelli. Ma il disastro di Assen cambia le gerarchie a Iwata?

WSBK
27 lug 2021