SBK, Magny-Cours, Libere 1: subito Rea su pista umida

Jonathan Rea firma il miglior crono della prima sessione di prove libere a Magny-Cours, su pista umida. Il pilota Kawasaki precede un ottimo Michael van der Mark, secondo. Alex Lowes agguanta il terzo tempo beffando nel finale Toprak Razgatlioglu, quarto. Scott Redding è quinto.

SBK, Magny-Cours, Libere 1: subito Rea su pista umida

Magny-Cours, si sa, è spesso caratterizzata dalla pioggia e anche questo weekend ha condizionato la prima parte della mattinata francese. I piloti della Superbike sono scesi in pista solamente a quindici minuti dal termine della prima sessione di prove libere. La pioggia si è abbattuta durante la notte e l’asfalto ancora umido non ha dato fiducia necessaria ai piloti per girare nei primi minuti, salvo poi iniziare a far segnare tempi cronometrati nel finale di turno.

A chiudere questa prima sessione particolare con il miglior crono è Jonathan Rea, che firma un 1’38”402, stabilendo subito le gerarchie sul tracciato francese. Nel feudo di Rea, brilla Kawasaki, che occupa due delle prime tre posizioni della classifica dei tempi: il terzo crono è di Alex Lowes, che inizia il weekend con il piede giusto e rimane a poco meno di quattro decimi dal compagno di squadra e leader della mattinata.

Tra le due ZX-10RR si inserisce Michael van der Mark: l’olandese è la vera sorpresa del primo turno e vola giro dopo giro, per chiudere la sessione in seconda posizione, a soli 140 millesimi da Rea. BMW porta entrambe le moto ufficiali in top 10, grazie al decimo posto di Tom Sykes,  che ha completato solo quattro giri e paga 1.7 secondi dal miglior riferimento.

La lotta mondiale si rinnova a Magny-Cours, dove Toprak Razgatlioglu non è rimasto a guardare. Il leader del mondiale è quarto al termine della prima sessione, a poco meno di mezzo secondo dal diretto rivale in classifica. Tuttavia il turco mostra già un buon passo e negli ultimi fasi del turno ha iniziato già a segnare tempi interessanti. Alle spalle del portacolori Yamaha si piazza Scott Redding, anche lui partito con il piede giusto in questo round francese. Il pilota Ducati inanella una serie di giri veloci, salvo poi chiudere con il quinto crono, a poco più di cinque decimi da Rea. Anche Redding però sembra piuttosto efficace.

La coppia Honda vola a Magny-Cours, con Alvaro Bautista che si fa vedere anche nelle prime posizioni. Lo spagnolo, fresco di annuncio del ritorno in Ducati, sembra a proprio agio sul tracciato francese e chiude la prima sessione con il sesto crono. Alle sue spalle troviamo Leon Haslam, che però inizia ad accusare un ritardo già più importante: il britannico è il primo ad andare oltre il secondo di distacco dalla vetta. Chiudono la top 10 Garrett Gerloff, nono, e il già citato Tom Sykes, decimo.

Ad eccezione di Redding, Ducati sembra arrancare maggiormente in questo avvio di weekend e la seconda Rossa nella classifica dei tempi è quella di Chaz Davies, che con la Panigale V4R del team Go Eleven si ferma in ottava posizione. Per trovare l’altra quattro cilindri ufficiale bisogna scorrere fino alla 16esima piazza, dove troviamo Michael Ruben Rinaldi. Il romagnolo, fresco di rinnovo con Borgo Panigale, inizia annaspando e chiude alle spalle di Axel Bassani, 15esimo con la Ducati del team Motocorsa.

Cla # Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 1 United Kingdom Jonathan Rea Kawasaki 6 1'38.402     161.374
2 60 Netherlands Michael van der Mark BMW 6 1'38.542 0.140 0.140 161.145
3 22 United Kingdom Alex Lowes Kawasaki 6 1'38.787 0.385 0.245 160.745
4 54 Turkey Toprak Razgatlıoğlu Yamaha 8 1'38.867 0.465 0.080 160.615
5 45 United Kingdom Scott Redding Ducati 9 1'38.923 0.521 0.056 160.524
6 19 Spain Alvaro Bautista Honda 13 1'39.373 0.971 0.450 159.797
7 91 United Kingdom Leon Haslam Honda 16 1'39.711 1.309 0.338 159.256
8 7 United Kingdom Chaz Davies Ducati 7 1'39.848 1.446 0.137 159.037
9 31 United States Garrett Gerloff Yamaha 7 1'40.004 1.602 0.156 158.789
10 66 United Kingdom Tom Sykes BMW 4 1'40.158 1.756 0.154 158.545
11 44 France Lucas Mahias Kawasaki 4 1'40.443 2.041 0.285 158.095
12 55 Italy Andrea Locatelli Yamaha 11 1'40.561 2.159 0.118 157.910
13 94 Germany Jonas Folger BMW 4 1'40.600 2.198 0.039 157.848
14 36 Argentina Leandro Mercado Honda 7 1'40.976 2.574 0.376 157.261
15 47 Italy Axel Bassani Ducati 8 1'41.198 2.796 0.222 156.916
16 21 Italy Michael Ruben Rinaldi Ducati 8 1'41.218 2.816 0.020 156.885
17 53 Spain Tito Rabat Ducati 17 1'41.678 3.276 0.460 156.175
18 32 Spain Isaac Viñales Kawasaki 8 1'41.999 3.597 0.321 155.683
19 3 Japan Kohta Nozane Yamaha 14 1'42.962 4.560 0.963 154.227
20 84 Belgium Loris Cresson Kawasaki 4 1'43.631 5.229 0.669 153.232
21 23 France Christophe Ponsson Yamaha 1      
condivisioni
commenti
Rea, Magny-Cours fondamentale per tornare leader

Articolo precedente

Rea, Magny-Cours fondamentale per tornare leader

Prossimo Articolo

SBK: Magny-Cours confermata nel calendario fino al 2024

SBK: Magny-Cours confermata nel calendario fino al 2024
Carica commenti
SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi Prime

SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi

La lotta mondiale fra Toprak Razgatlioglu e Jonathan Rea è sempre più intensa, con l'avvicinarsi della fine di questa stagione così avvincente i due sono molto vicini in classifica. Questa situazione di grande equilibrio, che a Portimao ha raggiunto il culmine, ci sta consegnando una vera e propria guerra di nervi fra i due contendenti al titolo.

WSBK
6 ott 2021
Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini" Prime

Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini"

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine analizzano, oltre a quanto successo in Russia, il lutto vissuto dal mondo delle due ruote in quel di Jerez, che piange la perdita di Dean Berta Vinales

WSBK
29 set 2021
SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento Prime

SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento

La tragica scompare di Dean Berta Vinales nel sabato del round di Jerez ha scosso non solo il paddock della Superbike ma l'intero motociclismo. Insieme al dolore, sorgono però tanti interrogativi e il grido che si leva è quello dei piloti, che chiedono un cambiamento per una classe diventata troppo pericolosa.

WSBK
28 set 2021
SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante Prime

SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante

In una stagione così avvincente e con una classifica così corta, manca un po' all'appello Ducati, che vede assottigliarsi sempre di più la speranza di rivendicare il titolo a dieci anni dall'ultimo mondiale. Nonostante si mostri spesso efficace e nettamente superiore ai rivali, la Rossa di Borgo Panigale ha pagato l'incostanza in una stagione che non lascia margine di errore.

WSBK
23 set 2021
SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio? Prime

SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio?

La stagione 2021 del mondiale Superbike sta regalando una lotta iridata serratissima e senza sconti. Tuttavia, è difficile fare calcoli a causa di un calendario ancora incerto e con l'ultimo round ancora non confermato a due mesi dal termine del campionato. Con uno scenario così aperto, quanti sono dunque i punti in palio?

WSBK
16 set 2021
Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits? Prime

Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits?

La tripletta di Magny-Cours diventa una doppietta per Toprak Razgatlioglu, privato della vittoria in Superpole Race per aver superato i limiti della pista all’ultimo giro. Il caso Yamaha-Kawasaki riapre la questione dei track limits, considerati ormai un’esasperazione che condiziona fin troppo gli esiti delle gare.

WSBK
7 set 2021
Ducati brilla per incostanza, i piloti lamentano scarso sviluppo Prime

Ducati brilla per incostanza, i piloti lamentano scarso sviluppo

Al termine del round di Assen, i volti di Redding e Rinaldi sono tutt’altro che distesi. L’incostanza è il comune denominatore di una stagione che prende una piega sempre più ‘nipponica’, e i due portacolori ufficiali chiedono un maggiore sviluppo se vogliono continuare a lottare per il titolo.

WSBK
4 ago 2021
Locatelli e l’ombra Gerloff, ma Assen cambia le gerarchie Yamaha? Prime

Locatelli e l’ombra Gerloff, ma Assen cambia le gerarchie Yamaha?

Garrett Gerloff è da sempre considerato la promessa del mondiale Superbike, tanto da ricevere le attenzioni della MotoGP e aver oscurato il pilota ufficiale Yamaha Superbike Andrea Locatelli. Ma il disastro di Assen cambia le gerarchie a Iwata?

WSBK
27 lug 2021