SBK, Laguna Seca: Kawasaki cerca conferme

condivisioni
commenti
SBK, Laguna Seca: Kawasaki cerca conferme
Di:
11 lug 2019, 16:35

Jonathan Rea e Leon Haslam scenderanno in pista questo fine settimana a Laguna Seca per confermare lo strapotere visto a Donington, dove Kawasaki ha monopolizzato le prime posizioni durante tutto il weekend. Il Campione in carica cerca una nuova doppietta, mentre il suo compagno di squadra è a caccia del primo podio negli Stati Uniti.

Dopo aver dominato il round di Donington, Kawasaki vola negli Stati Uniti per lasciare il segno ancora una volta e proiettarsi vero la pausa estiva da leader indiscussa. Con Jonathan Rea e Leon Haslam, il team nipponico proverà ad imporsi anche sulla pista di Laguna Seca, dove la Superbike approda questo fine settimana per disputare il nono appuntamento della stagione.

Leggi anche:

Sulla pista della California, Kawasaki ha vinto cinque delle ultime sei gare disputate, solo Chaz Davies ha interrotto l’egemonia salendo sul gradino più alto del podio in Gara 1 nel 2017. Lo scorso anno Rea ha conquistato una delle sei doppiette della sua strepitosa stagione e, forte del risultato del fine settimana di Donington da poco concluso, è determinato a replicarsi. La pista è sicuramente più favorevole alla ZX-10RR che non alla Panigale ed il Campione in carica proverà ad approfittare delle condizioni ideali per continuare ad incrementare il proprio margine in classifica.

Rea arriva a Laguna Seca da leader del campionato, con 24 punti su Alvaro Bautista. Lo spagnolo è incappato nuovamente in un errore lo scorso fine settimana , proprio nel weekend perfetto del suo primo rivale in classifica, che è balzato al comando dimostrando di essere tornato il “cannibale”. Rea ora è proiettato verso il nono round della stagione, su una pista che gli piace particolarmente: “Fine settimana come quello di Donington non capitano molto spesso. Mi sono divertito molto, ma ora è tempo di proiettarsi verso Laguna Seca, un’altra pista meravigliosa, dove abbiamo un grande sostegno”.

Leggi anche:

“Non vedo l’ora, lì la gente ama la Superbike. È un tracciato iconico, con il suo Cavatappi e con la prima curva. Lo scorso anno abbiamo disputato un grande weekend, è bello guidare la moto sotto al sole. È molto importante arrivare in forma perché poi ci sarà una lunga pausa estiva. Dobbiamo far sì che sia fruttifero”.

Cerca conferme anche Leon Haslam, che sulla sua pista di casa ha conquistato due podi in tre gare, ma ha bisogno di costanza. Un inizio di stagione al di sotto delle aspettative ha messo in discussione il proprio ruolo nel team ed il britannico vuole concludere la prima parte di campionato smentendo le voci che lo danno fuori da Kawasaki per mancanza di risultati.

Leggi anche:

Non sarà facile per Haslam, che torna a Laguna Seca dopo quattro anni. Ma sarà determinato a rompere un record: di tutte le piste in calendario, quella statunitense è l’unica dove non è mai salito sul podio e quest’anno vorrà essere nei primi tre per la prima volta in carriera.

“Laguna è l’unico circuito dove non sono mai salito sul podio – afferma Haslam – Sono riuscito ad essere nei primi tre su ogni altra pista in Superbike, tranne qui. Quindi non vedo l’ora di sfatare questo mito e ci proverò questo fine settimana. A Laguna Seca la Kawasaki va bene, ma  credo che anche Ducati sarà molto forte, più di quanto non lo fosse a Donington, vedremo. L’ultima volta che ho corso qui è stato nel 2015”.

Prossimo Articolo
Motorsport Report SBK: non era l'anno del dominio Ducati?

Articolo precedente

Motorsport Report SBK: non era l'anno del dominio Ducati?

Prossimo Articolo

SBK, Laguna Seca, Libere 1: è subito Rea, Ducati fatica

SBK, Laguna Seca, Libere 1: è subito Rea, Ducati fatica
Carica commenti
Sii il primo a ricevere le
ultime notizie