SBK, Aragon, Gara 2: Rea vince su Davies e torna leader

Jonathan Rea conquista il successo in Gara 2 su Chaz Davies e torna al comando della classifica generale. Alvaro Bautista è terzo e regala il primo podio della stagione a Honda. Fatica Scott Redding, quarto al traguardo ed ora a -10 da Rea.

SBK, Aragon, Gara 2: Rea vince su Davies e torna leader

Il quarto round della stagione della Superbike si conclude come di consueto con Gara 2, che cambia ancora una volta le carte in tavola in ottica mondiale. Così come nella Superpole Race, Jonathan Rea domina la seconda manche e torna al comando della classifica. Il campione del mondo in carica si difende bene dagli attacchi di un Chaz Davies indiavolato nelle ultime fasi di gara e taglia il traguardo con 1.2 secondi sul gallese della Ducati. Completa il podio uno stratosferico Alvaro Bautista, che con il terzo posto al traguardo regala un risultato di rilievo a Honda.

Rea si porta al comando della gara in partenza e non lascia margine di risposta agli avversari. Il pilota Kawasaki mantiene la prima posizione fino alla bandiera a scacchi, che gli consegna la 95esima vittoria in carriera, un risultato da record. Ma il successo non arriva in scioltezza, perché negli ultimi giri deve guardarsi le spalle da un Chaz Davies in grande forma. Il pilota Ducati infatti rientra prepotentemente in lotta per la vittoria e si porta al comando per qualche curva, salvo poi doversi arrendere allo strapotere del rivale Kawasaki.

La seconda posizione finale di Davies è anche frutto di una grande difesa dagli attacchi di Alvaro Bautista. Lo spagnolo è autore di una gara solida che lo porta a recuperare terreno con il passare dei giri fino ad arrivare in lotta per il podio. Pur pagando 3.5 secondi di ritardo dal vincitore, Bautista conquista il terzo posto e regala a Honda il primo podio nella stagione del rientro in veste ufficiale. L’alfiere HRC riesce anche a beffare il più favorito Scott Redding, che invece accusa qualche problema in più in Gara 2 ed è costretto a chiudere il quinta posizione.

Il portacolori Aruba.it Racing Ducati arrivava da leader alla seconda manche del weekend, ma lascia Motorland da inseguitore. La quinta posizione finale non gli permette di conservare il primato in classifica e scende in seconda posizione con uno svantaggio di 10 punti da Rea. Al traguardo Redding precede Michael Ruben Rinaldi, ancora una volta autore di una buona gara con la versione 2019 della Panigale V4R. Ducati si conferma comunque la moto favorita su questa pista, avendo portato ben tre piloti nelle prime cinque posizioni.

La prima Yamaha al traguardo è quella di Michael van der Mark, che non va oltre il sesto posto. L’olandese prova a dare del filo da torcere a Rea nelle fasi iniziali di gara, ma poi arretra e paga il gap di motore rispetto alle moto rivali. In difficoltà è anche il suo compagno di squadra Toprak Razgatlioglu, che conclude un weekend opaco in ottava posizione. Tra i due portacolori Pata Yamaha si inserisce Leon Haslam: domenica da incorniciare per Honda, che porta entrambi i piloti in top 10. Pocket Rocket si rende protagonista di una grande bagarre negli ultimi giri, che vede anche coinvolti Alex Lowes, nono, e Garrett Gerloff e Xavi Fores, poi decimo ed undicesimo rispettivamente.

Tom Sykes è 12esimo al termine di Gara 2 e non sconta alcuna penalità dopo l’incidente avvenuto nella Superpole Race con Leandro Mercado. La Direzione Gara, che aveva messo sotto investigazione l’accaduto, ha deciso di non prendere provvedimenti, così il pilota BMW ha potuto disputare la sua gara senza preoccupazioni. È andata peggio a Mercado però, dichiarati unfit per una distorsione alla caviglia ed una sospetta distorsione cervicale.

Gara da dimenticare per Loris Baz, scivolato fortunatamente senza conseguenze, e per Marco Melandri, ritiratosi per un problema tecnico all’undicesimo giro. Così gli altri italiani: Federico Caricasulo è 13esimo e Lorenzo Gabellini ultimo, in 19esima posizione.

Cla   # Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco Ritirato Punti
1   1 United Kingdom Jonathan Rea Kawasaki 18 33'18.756       25
2   7 United Kingdom Chaz Davies Ducati 18 33'20.036 1.280 1.280   20
3   19 Spain Alvaro Bautista Honda 18 33'22.355 3.599 2.319   16
4   45 United Kingdom Scott Redding Ducati 18 33'24.201 5.445 1.846   13
5   21 Italy Michael Ruben Rinaldi Ducati 18 33'25.443 6.687 1.242   11
6   60 Netherlands Michael van der Mark Yamaha 18 33'28.317 9.561 2.874   10
7   91 United Kingdom Leon Haslam Honda 18 33'39.667 20.911 11.350   9
8   54 Turkey Toprak Razgatlıoğlu Yamaha 18 33'40.004 21.248 0.337   8
9   22 United Kingdom Alex Lowes Kawasaki 18 33'40.155 21.399 0.151   7
10   31 United States Garrett Gerloff Yamaha 18 33'40.473 21.717 0.318   6
11   12 Spain Javier Fores Kawasaki 18 33'40.565 21.809 0.092   5
12   66 United Kingdom Tom Sykes BMW 18 33'40.768 22.012 0.203   4
13   64 Italy Federico Caricasulo Yamaha 18 33'44.000 25.244 3.232   3
14   50 Ireland Eugene Laverty BMW 18 33'48.844 30.088 4.844   2
15   77 Chile Maximilian Scheib Kawasaki 18 33'55.302 36.546 6.458   1
16   20 France Sylvain Barrier Ducati 18 34'07.830 49.074 12.528    
17   23 France Christophe Ponsson Aprilia 18 34'14.267 55.511 6.437    
18   13 Japan Takumi Takahashi Honda 18 34'19.510 1'00.754 5.243    
19   63 Italy Lorenzo Gabellini Honda 18 34'54.406 1'35.650 34.896    
  dnf 40 Spain Roman Ramos Kawasaki 17 1 lap     Incidente  
  dnf 33 Italy Marco Melandri Ducati 10 8 laps     Incidente  
  dnf 76 France Loris Baz Yamaha 4 14 laps     Incidente
condivisioni
commenti
SSP, Aragon: Locatelli non si ferma più e vince Gara 2

Articolo precedente

SSP, Aragon: Locatelli non si ferma più e vince Gara 2

Prossimo Articolo

Moriwaki e Althea: addio con effetto immediato, out Gabellini

Moriwaki e Althea: addio con effetto immediato, out Gabellini
Carica commenti
Locatelli e l’ombra Gerloff, ma Assen cambia le gerarchie Yamaha? Prime

Locatelli e l’ombra Gerloff, ma Assen cambia le gerarchie Yamaha?

Garrett Gerloff è da sempre considerato la promessa del mondiale Superbike, tanto da ricevere le attenzioni della MotoGP e aver oscurato il pilota ufficiale Yamaha Superbike Andrea Locatelli. Ma il disastro di Assen cambia le gerarchie a Iwata?

WSBK
27 lug 2021
Ana Carrasco: "Essere donna non conta, vincere è difficile per tutti" Prime

Ana Carrasco: "Essere donna non conta, vincere è difficile per tutti"

In questo nuovo appuntamento con Il Rosa dei Motori, Lorenza D'Adderio intervista Ana Carrasco. La campionessa del Mondiale SSP300 del 2018 si racconta, evidenziando quanto l'ottimismo e l'entusiasmo siano ingredienti fondamentali per chi, come lei, ha dovuto recuperare le forze dopo un tremendo infortunio. Una motociclista temeraria e di talento, che non è indifferente a un altro grande campione come Jonathan Rea...

WSBK
22 lug 2021
BMW sorprende a Donington: fuoco di paglia o rinascita? Prime

BMW sorprende a Donington: fuoco di paglia o rinascita?

Tom Sykes e Michael van der Mark difficilmente dimenticheranno il round di Donington, grazie ai podi conquistati e alla solidità mostrata durante tutto il weekend. BMW convince e non vuole che questi risultati siano una tantum. L’obiettivo in Olanda è dimostrare di essere cresciuti davvero e di poter dire la propria, dando prova del fatto che Donington è stato solo il punto di partenza di una rinascita.

WSBK
9 lug 2021
Profondo Rosso Redding: Donington segna l’addio al mondiale? Prime

Profondo Rosso Redding: Donington segna l’addio al mondiale?

Scott Redding mette in archivio il round di Donington, il peggiore della sua stagione fino ad ora. Due zeri e neanche un podio sono il bilancio di un weekend che potrebbe segnare la fine della lotta iridata. "Difficile ma non impossibile", dice Redding. Ma da Assen serve la svolta.

WSBK
6 lug 2021
Mara Soto: "Essere meccanico di Rea, l'occasione della vita" Prime

Mara Soto: "Essere meccanico di Rea, l'occasione della vita"

In questa puntata de "Il Rosa dei Motori", Lorenza D'Adderio intervista Mara Soto, meccanico Kawasaki nel team impegnato nel mondiale Superbike. Un viaggio attraverso i ricordi, gli obiettivi di una giovane ragazza che realizza il sogno di lavorare al fianco di un grande campione come Jonathan Rea.

WSBK
1 lug 2021
SBK: Redding crolla a Misano. È Razgatlioglu l’anti-Rea? Prime

SBK: Redding crolla a Misano. È Razgatlioglu l’anti-Rea?

Scott Redding doveva essere l’uomo incaricato di fermare il dominio di Jonathan Rea, eppure lascia Misano con l’amaro in bocca e con un distacco in classifica importante, considerando la solidità di Rea e Razgatlioglu, i due che lo precedono. Il turco convince e si avvicina il leader del mondiale. È dunque il pilota Yamaha il vero anti-Rea?

WSBK
15 giu 2021
WSBK: a Misano Rea è dominato dalla Next Generation Prime

WSBK: a Misano Rea è dominato dalla Next Generation

Prima puntata podcast di Debriefing WSBK, in cui Lorenza D'Adderio e Giacomo Rauli commentano il round di Misano Adriatico della classe regina delle moto derivate di serie. Buon ascolto!

WSBK
13 giu 2021
SBK: Rea trionfa, Redding capitola. Mondiale già scritto? Prime

SBK: Rea trionfa, Redding capitola. Mondiale già scritto?

Jonathan Rea conquista due gare su tre nel weekend dell’Estoril e allunga in classifica, approfittando di un passo falso di Scott Redding, scivolato in Gara 2 e ora inseguitore con un distacco già piuttosto importante.

WSBK
2 giu 2021