SBK, Aragon: Bautista fa ancora il vuoto con la Ducati e vince Gara 1

condivisioni
commenti
SBK, Aragon: Bautista fa ancora il vuoto con la Ducati e vince Gara 1
Di:
06 apr 2019, 13:03

Settima vittoria consecutiva per il leader del mondiale, che trionfa con 15 secondi di vantaggio su Jonathan Rea, secondo e autore di una grande rimonta dalla decima posizione. Ritrova il podio Chaz Davies, terzo dopo un gran duello con il pilota Kawasaki.

Il binomio Bautista-Ducati si conferma imbattibile anche a MotorLand Aragon e trionfa con un vantaggio abissale sugli inseguitori. Lo spagnolo fa il vuoto sulla pista di casa, scatta dalla prima casella e non abbandona la testa della gara fino al traguardo, che taglia con 15 secondi di margine sugli inseguitori. Jonathan Rea si accontenta ancora di una seconda posizione, ma è autore di una grande rimonta dalla decima piazza e si rende protagonista di una grande battaglia con Chaz Davies, che sale sul terzo gradino del podio.

Bautista vince così la settima gara consecutiva e fa bottino pieno, ad Aragon diventa il primo spagnolo a vincere sulla pista di casa dal 2007, quando Ruben Xaus trionfò a Valencia. Il leader del campionato porta ancora una volta la Panigale V4 R sul gradino più alto del podio ed incrementa il vantaggio in classifica su Jonathan Rea.

Il Campione del mondo in carica chiude ancora una volta alle spalle del suo diretto rivale, ma si rende protagonista di una rimonta dalla decima posizione, condita da sorpassi e grandi duelli, il più duro dei quali con Chaz Davies. Il tracciato aragonese ritrova anche il pilota gallese, che non riesce ad avere la meglio sul portacolori Kawasaki, ma torna a lottare per le prime posizioni, salendo sul podio per la prima volta in questa stagione.

Non solo Rea e Davies, la bagarre per il podio ha visto combattere diversi piloti, che hanno reso la gara imprevedibile e ricca di colpi di scena. Resta fuori dal podio Alex Lowes, che ha dato filo da torcere ai due davanti, salvo poi perdere terreno nelle fasi finali di gara. Il britannico della Yamaha precede un ottimo Tom Sykes, che nelle primissime curve ha provato anche ad insidiare Alvaro Bautista, rimanendo poi nel gruppo in lotta per il podio. Il pilota della BMW si è resto protagonista di grandi manovre durante i primi giri, ma un calo lo ha costretto ad arretrare, tagliando il traguardo in quinta posizione.

Arranca ancora Michael van der Mark, che si fa vedere nelle fasi iniziali di Gara 1, ma deve poi restare dietro al vicino di box ed a Tom Sykes, arrivando sotto la bandiera a scacchi in sesta posizione. L’olandese precede il compagno di marca Sandro Cortese, settimo. Soffre moltissimo Marco Melandri, tredicesimo davanti solo alla Honda di Kiyonari.

Chiudono la top 10 tre Kawasaki, la prima dei quali di Toprak Razgatlioglu, autore di una gara anonima che però lo porta in ottava posizione. Il turco precede anche l’ufficiale Leon Haslam, molto attardato in nona posizione. Decimo Jordi Torres, arretrato in gara nonostante un buon avvio.

Gara 1 ha regalato anche colpi di scena e delusioni: in partenza Markus Reiterberge è caduto dopo un contatto con Jonathan Rea, restando sul rettilineo principale e chiudendo la gara prima di arrivare alla curva 1. Il tedesco non ha riportato conseguenze e domani sarà in pista per le altre due gare del weekend. Finale amaro anche per Eugene Laverty, caduto all’ultimo giro durante un duello con Chaz Davies per la terza posizione. L’irlandese era stato autore di una gara di livello fino a quel momento, in sella alla Panigale V4 del team Goeleven era riuscito anche ad insidiare i piloti ufficiali, salvo poi finire nella ghiaia. Ha ripreso la via della pista, tagliando però il traguardo in ultima posizione.

Risultati e ordine d'arrivo Gara 1

Cla   # Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco Ritirato Punti
1   19 Spain Alvaro Bautista  Ducati 18 33'14.114       25
2   1 United Kingdom Jonathan Rea  Kawasaki 18 33'29.284 15.170 15.170   20
3   7 United Kingdom Chaz Davies  Ducati 18 33'29.764 15.650 0.480   16
4   22 United Kingdom Alex Lowes  Yamaha 18 33'32.318 18.204 2.554   13
5   66 United Kingdom Tom Sykes  BMW 18 33'34.279 20.165 1.961   11
6   60 Netherlands Michael van der Mark  Yamaha 18 33'36.533 22.419 2.254   10
7   11 Germany Sandro Cortese  Yamaha 18 33'37.447 23.333 0.914   9
8   54 Turkey Toprak Razgatlıoğlu  Kawasaki 18 33'42.043 27.929 4.596   8
9   91 United Kingdom Leon Haslam  Kawasaki 18 33'42.357 28.243 0.314   7
10   81 Spain Jordi Torres  Kawasaki 18 33'42.525 28.411 0.168   6
11   2 United Kingdom Leon Camier  Honda 18 33'53.240 39.126 10.715   5
12   33 Italy Marco Melandri  Yamaha 18 33'53.354 39.240 0.114   4
13   21 Italy Michael Ruben Rinaldi  Ducati 18 34'01.896 47.782 8.542   3
14   23 Japan Ryuichi Kiyonari  Honda 18 34'13.993 59.879 12.097   2
15   50 Ireland Eugene Laverty  Ducati 18 34'51.235 1'37.121 37.242   1
  dnf 36 Argentina Leandro Mercado  Kawasaki         Accident / injury  
  dnf 52 Alessandro Delbianco  Honda         Accident / injury  
  dnf 28 Germany Markus Reiterberger  BMW         Accident
Prossimo Articolo
SBK, Aragon: Bautista e la Ducati conquistano una Superpole anomala, Rea solo decimo

Articolo precedente

SBK, Aragon: Bautista e la Ducati conquistano una Superpole anomala, Rea solo decimo

Prossimo Articolo

Bautista: “Ho impresso subito un gran ritmo per poi divertirmi guidare la Ducati Panigale V4”

Bautista: “Ho impresso subito un gran ritmo per poi divertirmi guidare la Ducati Panigale V4”
Carica commenti
Sii il primo a ricevere le
ultime notizie