Riba: “Il feeling del pilota è più importante della tecnica”

Il capo tecnico Kawasaki Pere Riba racconta il suo lavoro nel box del campione del mondo Superbike e le diverse filosofie dei vari capisquadra.

Riba: “Il feeling del pilota è più importante della tecnica”

Pere Riba, capo tecnico del team Kawasaki nel box di Rea, rappresenta uno dei fattori più importanti del successo del campione del mondo Superbike Jonathan Rea. Il britannico lavora con Riba da quando è passato in Kawasaki, nel 2015, ereditando l'ex team di Loris Baz alla fine del 2014 e vincendo sei titoli consecutivi. Abbiamo parlato in esclusiva con il capo del team del campione del mondo da record e gli abbiamo chiesto cosa fa di diverso dai suoi colleghi.

Un punto importante è che lo stesso Riba è stato un pilota professionista per anni. In un’intervista con Motorsport-Total.com afferma “Questo è molto importante, credo. Nelle gare motociclistiche, un pilota deve controllare molte cose diverse, è molto importante ed è un lavoro differente rispetto alle quattro ruote. Un motociclista segue i suoi sentimenti quando muove la moto”.

“Uno dei miei maggiori vantaggi è che io stesso ero un pilota. Parlo la stessa lingua di Jonathan. Quando mi descrive un certo problema, posso capirlo molto bene. Se non sei mai stato un pilota, allora il tuo cervello pensa a cose tecniche e segue il punto di vista di un ingegnere. Ma la sensazione è un sensore che devi capire. E io sono molto bravo in questo”.

Il feeling del pilota è più importante per Pere Riba del valore di un sensore

“Quando ero un pilota e anche quando ho fatto il collaudatore, ero così. Conoscevo esattamente le reazioni della moto, indipendentemente dal problema – ricorda il capotecnico Kawasaki – I giovani ingegneri spesso mi mostrano dati e mi indirizzano a valori specifici. Dico sempre alle persone che non riesco a vedere il valore del sensore per le sensazioni del pilota da nessuna parte”.

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team, Pere Riba

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team, Pere Riba

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

“È molto importante come si sente il pilota, non solo durante l'impostazione della moto, ma anche durante lo sviluppo per il futuro. Questo è probabilmente uno dei miei punti di forza rispetto a un capotecnico che ha un approccio più tecnico. Capisco un po’ tutte le aree. Ho un occhio esperto per tutto il resto, come l'elettronica o gli elementi delle sospensioni”.

Approcci diversi in Kawasaki

Se guardi il team ufficiale Kawasaki, puoi vedere che ci sono approcci diversi negli team dei due piloti. Mentre Marcel Duinker, il capo del team di Alex Lowes e l'ex capo dell'equipaggio di Tom Sykes e Leon Haslam, è più tecnicamente orientato, Riba preferisce concentrarsi sul pilota e sulle sue impressioni. Inoltre, Riba cerca di dividere perfettamente il weekend di gara per essere preparato ad ogni evenienza.

Alex Lowes, Kawasaki Racing Team, Marcel Duinker

Alex Lowes, Kawasaki Racing Team, Marcel Duinker

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

“Ci sono diverse filosofie tra i capisquadra. La mia filosofia è coordinare le persone e ottenere il massimo da tutti. Ovviamente, è necessaria una comprensione della tecnologia. Ma è importante non concentrarsi solo sulla tecnologia, come fanno alcuni capisquadra. molto importante per preparare il weekend di gara. So esattamente cosa sto facendo e quando”, spiega Riba.

Perché cambiare meno porta spesso ad avere di più

Riba sa quanto velocemente puoi impantanarti nel mettere a punto una moto. Spesso dà solo consigli al suo pilota su come guidare in modo diverso senza cambiare nulla sulla moto. Perché nel corso di un weekend, un pilota diventa automaticamente più veloce, anche se non vengono apportate modifiche alla moto.

“Perché? Il pilota si abitua a tutto e capisce meglio il limite in ogni punto del percorso. Molti capisquadra o tecnici fanno un cambiamento ogni volta che il pilota entra in pista. Se lo fai sempre, devi guidare i piloti continuare a orientarsi e ricominciare da capo. Questi piccoli dettagli sono molto importanti per ottenere il massimo dal pacchetto”.

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team, e Pere Riba, suo capo ingegnere

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team, e Pere Riba, suo capo ingegnere

Nessun focus su un’area specifica della moto

Come ex pilota, Riba ha anche un vantaggio sui suoi colleghi in quanto non si concentra su una certa area della moto: “Nel mondo dei capi squadra ci sono molti rappresentanti che si sono occupati in precedenza di elementi di sospensione. Questi rappresentanti pensano immediatamente agli elementi di sospensione quando il pilota descrive qualcosa. Quella è l'area in cui si trovano meglio”.

"Non sono particolarmente interessato a nessuna area, ma mi occupo del quadro generale – spiega il capo del team del campione del mondo – A volte si parla solo di elettronica, telaio o motore. Ma tutte e tre le aree devono lavorare insieme”.

“Mi fa sorridere quando, ad esempio, i giornalisti affermano che l’elettronica funziona male quando si esce da una curva. Ma se non si ha alcuna presa meccanica, anche l'elettronica non può fare nulla. Aiutano a impedire che la ruota posteriore si gira. Ma poi la moto non accelera bene. In questo caso è un problema di elettronica o di aderenza meccanica? È sempre un gioco”.

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team

Photo by: Kawasaki Racing Team

Pere Riba cerca di mantenere il suo pilota tranquillo

Per i piloti estremamente ambiziosi che la sera fanno gli straordinari ai box, Riba ha un messaggio: “Ci sono piloti che passano tre ore con il loro capotecnico ad analizzare i dati. Secondo me è totalmente sbagliato. È una questione di filosofia”.

“Ci sono molti approcci diversi. Il mio approccio è chiaro: voglio capire di cosa ha bisogno il pilota. Questo è tutto. Più la testa del pilota è libera, più capacità ha di concentrarsi e fare il suo lavoro. La linea di fondo è che fa meno errori”.

“Il mio lavoro è quello di un manager. Devo ottenere il massimo da tutti. Ogni membro del team, indipendentemente dal fatto che siano esperti di pneumatici, esperti di elettronica, esperti di sospensioni o meccanici, reagisce in modo diverso. Ogni persona è diversa. Devi farlo agire in modo intelligente per capire tutti i membri del team e da tutti Ottenere il meglio da esso. Non puoi trattare tutti allo stesso modo”, afferma Riba.

“Una persona reagisce male in caso di dubbio, mentre un’altra se ne occupa normalmente. Gestire un gruppo di persone è la qualità più importante nella vita, in un’azienda e in ogni lavoro. Mi piace. Questo è uno dei miei punti di forza. Mi piace, per rendere felici le persone e per portare avanti i loro punti di forza. La cosa più importante è il pilota e la sua testa”.

“Il nostro cervello raccoglie costantemente impressioni. È come un bambino che cresce. È molto importante avere le giuste influenze quando si è giovani. Conosco molto bene Johnny. Conosco i suoi punti di forza e le sue debolezze. So quando devo guidala e quando devo frenarla”, conclude il capo tecnico Kawasaki.

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team, Pere Riba

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team, Pere Riba

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
I 10 piloti MotoGP che hanno fatto la storia della Superbike
Articolo precedente

I 10 piloti MotoGP che hanno fatto la storia della Superbike

Prossimo Articolo

Cavalieri torna full time nel Mondiale SBK con Pedercini

Cavalieri torna full time nel Mondiale SBK con Pedercini
Carica commenti
SBK | Toprak, il diamante che segna il ricambio generazionale Prime

SBK | Toprak, il diamante che segna il ricambio generazionale

Toprak Razgatlioglu è il nuovo campione del mondo della Superbike, il turco è riuscito a battere Rea dopo sei anni di dominio incontrastato. Ma il titolo del pilota Yamaha non rappresenta solo un cambiamento al vertice, segna anche il rinnovo del campionato, un ricambio generazionale che disegna un bel futuro per le derivate di serie.

WSBK
24 nov 2021
Bassani ora brilla: è lui il futuro di Ducati in Superbike? Prime

Bassani ora brilla: è lui il futuro di Ducati in Superbike?

Axel Bassani ha sfiorato il podio in Argentina, dopo essere stato in lotta con i tre grandi protagonisti del mondiale. Un weekend incredibile quello del pilota del team Motocorsa, che conferma il grande cammino di crescita e fa pensare che un futuro roseo per Ducati possa essere proprio nelle sue mani.

WSBK
20 ott 2021
SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi Prime

SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi

La lotta mondiale fra Toprak Razgatlioglu e Jonathan Rea è sempre più intensa, con l'avvicinarsi della fine di questa stagione così avvincente i due sono molto vicini in classifica. Questa situazione di grande equilibrio, che a Portimao ha raggiunto il culmine, ci sta consegnando una vera e propria guerra di nervi fra i due contendenti al titolo.

WSBK
6 ott 2021
Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini" Prime

Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini"

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine analizzano, oltre a quanto successo in Russia, il lutto vissuto dal mondo delle due ruote in quel di Jerez, che piange la perdita di Dean Berta Vinales

WSBK
29 set 2021
SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento Prime

SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento

La tragica scompare di Dean Berta Vinales nel sabato del round di Jerez ha scosso non solo il paddock della Superbike ma l'intero motociclismo. Insieme al dolore, sorgono però tanti interrogativi e il grido che si leva è quello dei piloti, che chiedono un cambiamento per una classe diventata troppo pericolosa.

WSBK
28 set 2021
SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante Prime

SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante

In una stagione così avvincente e con una classifica così corta, manca un po' all'appello Ducati, che vede assottigliarsi sempre di più la speranza di rivendicare il titolo a dieci anni dall'ultimo mondiale. Nonostante si mostri spesso efficace e nettamente superiore ai rivali, la Rossa di Borgo Panigale ha pagato l'incostanza in una stagione che non lascia margine di errore.

WSBK
23 set 2021
SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio? Prime

SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio?

La stagione 2021 del mondiale Superbike sta regalando una lotta iridata serratissima e senza sconti. Tuttavia, è difficile fare calcoli a causa di un calendario ancora incerto e con l'ultimo round ancora non confermato a due mesi dal termine del campionato. Con uno scenario così aperto, quanti sono dunque i punti in palio?

WSBK
16 set 2021
Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits? Prime

Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits?

La tripletta di Magny-Cours diventa una doppietta per Toprak Razgatlioglu, privato della vittoria in Superpole Race per aver superato i limiti della pista all’ultimo giro. Il caso Yamaha-Kawasaki riapre la questione dei track limits, considerati ormai un’esasperazione che condiziona fin troppo gli esiti delle gare.

WSBK
7 set 2021