Redding tuona: “Toprak ha fatto un sorpasso troppo rischioso!”

Scott Redding ha chiuso Gara 1 a Most in seconda posizione, dopo essere stato beffato nel finale da Toprak Razgatlioglu, vincitore con un grande sorpasso all'ultimo giro. Il pilota Ducati però striglia il turco affermando che la manovra fosse troppo rischiosa e invita alla sicurezza. Ma Toprak non resta a guardare e replica al rivale: "Siamo in gara".

Redding tuona: “Toprak ha fatto un sorpasso troppo rischioso!”

Gara 1 della Superbike a Most ci ha regalato momenti inaspettati e grandi battaglie fino all’ultimo giro e proprio una di queste ha visto protagonisti Scott Redding e Toprak Razgatlioglu, con quest’ultimo che si è imposto nel finale con un sorpasso deciso che gli ha garantito la quarta vittoria stagionale. Secondo il pilota Ducati però, la manovra del rivale turco è stata fin troppo azzardata e al termine della gara era piuttosto scontento.

Al parco chiuso, Redding si è avvicinato a Razgatlioglu esprimendo la propria contrarietà al modo troppo aggressivo con cui il portacolori Yamaha si è appropriato della prima posizione, andando poi a vincere. Apparso già molto nervoso nella giornata di venerdì, l’alfiere Aruba.it Racing – Ducati ha continuato la scia della polemica, mettendo in primo piano la sicurezza, che secondo lui è venuta a mancare in un sorpasso del genere.

Redding afferma di essersi sentito soddisfatto della sua prestazione, però sottolinea la pericolosità, a suo dire, del sorpasso di Razgatlioglu: “Se guardo nel complesso, devo essere contento della seconda posizione. Sono stato in testa per circa il 90% della gara. Ma ci sono state delle manovre sbagliate e questo mi fa arrabbiare. Avevamo già parlato della sicurezza questa settimana e credo che non avrei mai fatto qualcosa di rischioso. Quando Rea ha sorpassato Toprak ho pensato ‘ehi, cosa stai facendo? È rischioso per entrambi!’.

“Il modo in cui Toprak mi ha sorpassato all’ultima curva è stato proprio disperato e non mi piace questa cosa – prosegue il britannico – Lui veniva da lontano, immagino, perché non riuscivo a sentirlo ma ad un tratto l’ho visto. Ma mi ha quasi buttato il ginocchio sull’asfalto. Se avessi già impegnato quella curva, mi avrebbe preso e saremmo caduti entrambi. Non è successo solo perché pensavo che lo facesse e me lo aspettavo. Mi fa arrabbiare, perché tutti lo fanno ma questo rischio vale la pena? Sarei stato davvero arrabbiato se fossimo caduti tutti e due. Qual è il senso? Ok, ottieni cinque punti in più per aver vinto, ma così avresti potuto perdere 25 punti”.

La risposta di Toprak Razgatlioglu non si è fatta attendere. Il vincitore della gara ha replicato a Redding: "Ho dato il 100% ad ogni giro di questa gara, non volevo accontentarmi del secondo posto. Dovevo vincere ancora e volevo davvero farlo. Ho commesso un piccolo errore nell'ultimo giro. Ho frenato molto forte. Era l'ultima possibilità. Il posteriore è scivolato molto male. Non sono riuscito a entrare come volevo e l'ho toccato leggermente. È arrabbiato. Ma è stato un gara. Io sono contento che non sia caduto".

Ad ogni modo, Scott Redding chiude il sabato con un buon secondo posto che lo riporta un po’ in corsa per il titolo, complice anche la clamorosa doppia caduta di Rea in Gara 1: “Io ragiono gara per gara e comunque mi sentivo bene sulla moto, riuscivo ad avere un buon ritmo. La pista era molto scivolosa e ad un certo punto ci sono state molte cadute. Quando le ho viste ho pensato di rallentare un po’ perché ero in testa in quel momento, ma mi hanno raggiunto e quindi ho dovuto riprendere un po’ il mio ritmo di prima”.

Alla luce di questo, Redding riflette anche sul proprio futuro, che lo vede in conversazioni con altri costruttori: “Quando la moto è buona possono guidarla tutti, quando invece non lo è, il pilota fa la differenza. Mi piace quando le persone lo apprezzano, invece non mi interessa quando gli altri non apprezzano e criticano, ma me lo aspetto. Stiamo parlando, ovviamente, ma anche con diversi team, che vedono e apprezzano il mio lavoro, il mio impegno e la mia voglia di vincere. C’è molto interesse da altri costruttori, ma dobbiamo vedere qual è la migliore opzione per me, perché voglio continuare a vincere gare e ho bisogno di un pacchetto che sia in grado di farlo”.

condivisioni
commenti
SBK, Most, Gara 1: imperioso Razgatlioglu, clamoroso Rea out!

Articolo precedente

SBK, Most, Gara 1: imperioso Razgatlioglu, clamoroso Rea out!

Prossimo Articolo

SSP, Most, Gara 1: Odendaal vince e ricuce su Aegerter, quarto

SSP, Most, Gara 1: Odendaal vince e ricuce su Aegerter, quarto
Carica commenti
SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio? Prime

SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio?

La stagione 2021 del mondiale Superbike sta regalando una lotta iridata serratissima e senza sconti. Tuttavia, è difficile fare calcoli a causa di un calendario ancora incerto e con l'ultimo round ancora non confermato a due mesi dal termine del campionato. Con uno scenario così aperto, quanti sono dunque i punti in palio?

WSBK
16 set 2021
Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits? Prime

Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits?

La tripletta di Magny-Cours diventa una doppietta per Toprak Razgatlioglu, privato della vittoria in Superpole Race per aver superato i limiti della pista all’ultimo giro. Il caso Yamaha-Kawasaki riapre la questione dei track limits, considerati ormai un’esasperazione che condiziona fin troppo gli esiti delle gare.

WSBK
7 set 2021
Ducati brilla per incostanza, i piloti lamentano scarso sviluppo Prime

Ducati brilla per incostanza, i piloti lamentano scarso sviluppo

Al termine del round di Assen, i volti di Redding e Rinaldi sono tutt’altro che distesi. L’incostanza è il comune denominatore di una stagione che prende una piega sempre più ‘nipponica’, e i due portacolori ufficiali chiedono un maggiore sviluppo se vogliono continuare a lottare per il titolo.

WSBK
4 ago 2021
Locatelli e l’ombra Gerloff, ma Assen cambia le gerarchie Yamaha? Prime

Locatelli e l’ombra Gerloff, ma Assen cambia le gerarchie Yamaha?

Garrett Gerloff è da sempre considerato la promessa del mondiale Superbike, tanto da ricevere le attenzioni della MotoGP e aver oscurato il pilota ufficiale Yamaha Superbike Andrea Locatelli. Ma il disastro di Assen cambia le gerarchie a Iwata?

WSBK
27 lug 2021
Ana Carrasco: "Essere donna non conta, vincere è difficile per tutti" Prime

Ana Carrasco: "Essere donna non conta, vincere è difficile per tutti"

In questo nuovo appuntamento con Il Rosa dei Motori, Lorenza D'Adderio intervista Ana Carrasco. La campionessa del Mondiale SSP300 del 2018 si racconta, evidenziando quanto l'ottimismo e l'entusiasmo siano ingredienti fondamentali per chi, come lei, ha dovuto recuperare le forze dopo un tremendo infortunio. Una motociclista temeraria e di talento, che non è indifferente a un altro grande campione come Jonathan Rea...

WSBK
22 lug 2021
BMW sorprende a Donington: fuoco di paglia o rinascita? Prime

BMW sorprende a Donington: fuoco di paglia o rinascita?

Tom Sykes e Michael van der Mark difficilmente dimenticheranno il round di Donington, grazie ai podi conquistati e alla solidità mostrata durante tutto il weekend. BMW convince e non vuole che questi risultati siano una tantum. L’obiettivo in Olanda è dimostrare di essere cresciuti davvero e di poter dire la propria, dando prova del fatto che Donington è stato solo il punto di partenza di una rinascita.

WSBK
9 lug 2021
Profondo Rosso Redding: Donington segna l’addio al mondiale? Prime

Profondo Rosso Redding: Donington segna l’addio al mondiale?

Scott Redding mette in archivio il round di Donington, il peggiore della sua stagione fino ad ora. Due zeri e neanche un podio sono il bilancio di un weekend che potrebbe segnare la fine della lotta iridata. "Difficile ma non impossibile", dice Redding. Ma da Assen serve la svolta.

WSBK
6 lug 2021
Mara Soto: "Essere meccanico di Rea, l'occasione della vita" Prime

Mara Soto: "Essere meccanico di Rea, l'occasione della vita"

In questa puntata de "Il Rosa dei Motori", Lorenza D'Adderio intervista Mara Soto, meccanico Kawasaki nel team impegnato nel mondiale Superbike. Un viaggio attraverso i ricordi, gli obiettivi di una giovane ragazza che realizza il sogno di lavorare al fianco di un grande campione come Jonathan Rea.

WSBK
1 lug 2021