Redding: “Ci manca costanza, ma possiamo lottare per il podio”

Scott Redding e Michael Ruben Rinaldi chiudono il venerdì di libere a Donington con il quinto e il settimo tempo rispettivamente nella classifica combinata. Per i due piloti Ducati manca ancora un piccolo step per potersi avvicinare ai primi e impensierire Kawasaki e Yamaha, grandi favorite del weekend.

Redding: “Ci manca costanza, ma possiamo lottare per il podio”

Il round di Donington si apre nel segno di Kawasaki e Yamaha, che dominano la prima giornata del fine settimana inglese. Chi invece sembra aver faticato un po’ è Ducati, che arrivava al quarto appuntamento della stagione forte di due vittorie, ma sapeva che avrebbe inseguito questo weekend. Così è stato e i due portacolori ufficiali, Scott Redding e Michael Ruben Rinaldi, hanno chiuso in quinta e settima posizione rispettivamente nella classifica combinata.

Con un sesto e un quinto tempo, Scott Redding chiude la sua prima giornata a Donington, in cui esordisce come pilota Superbike. L’alfiere Aruba.it Racing – Ducati infatti aveva già corso sul tracciato inglese quando militava nel BSB, ma quest’anno approda per la prima volta come pilota del mondiale delle derivate di serie. L’inizio non è stato dei migliori e il pilota britannico sente di dover migliorare su alcuni aspetti per poter essere in lotta con i primi.

Ciò che secondo Redding manca maggiormente è la costanza: “Mi sento bene, non mi sento costantemente fluido, non sono riuscito a fare il tempo come avrei voluto. Ma forse era dovuto anche alle condizioni della pista, con il grip un po’ basso, è una di quelle piste con tipi di curve diverse tra loro. Cambia sempre molto il feeling con la moto, quindi mi ci è voluto un po’ per trovare il mio ritmo la mattina. Nel pomeriggio è andata meglio, ma stiamo ancora cercando il setup per rendere la moto più semplice da guidare”.

Leggi anche:

Sarà importante ridurre il gap da Kawasaki e Yamaha, anche se manca la costanza, Redding crede che le potenzialità per far bene ci siano: “Per me manca costanza. Il tempo ideale era di tre o quattro decimi più veloce del mio, ma non sono riuscito a fare il giro perché con le bandiere non ho potuto esprimere tutto il mio potenziale. Comunque credo che questa sia una pista che si adatta allo stile di Yamaha per la fluidità e a Kawasaki per i settori stop and go. Abbiamo un pacchetto che comunque può lottare per il podio, dobbiamo solo avere un po’ più di consistenza”.

Qualche difficoltà l’ha accusata anche Michael Ruben Rinaldi, autore di un quarto e di un sesto crono nella prima e seconda sessione di libere rispettivamente. Il romagnolo, fresco vincitore a Misano, sa che sarà difficile lottare per la vittoria perché si sente lontano dalla vetta, però crede che il podio sia possibile.

Tuttavia, sarà un risultato realistico se riuscirà a trovare un buon compromesso con il setup, su una pista in cui è difficile azzeccare il setting adeguato: “Questa mattina il feeling non era male, ma l’ultimo settore ho perso più o meno quattro decimi, quindi per il pomeriggio ci siamo concentrati su quest’area e siamo migliorati. Ma poi abbiamo perso nel secondo settore, dove eravamo veloci la mattina. Dobbiamo mettere tutto nella giusta direzione e forse potremo lottare per il podio, perché ho un buon feeling, ma non su tutta la pista.

“È difficile trovare un compromesso sul setup – prosegue – e questo è il motivo per cui non siamo così veloci. Siamo migliorati rispetto alla mattina, quindi andando in pista ogni volta si fa un passo in avanti si migliora di mezzo secondo o anche di più e possiamo esserne contenti. Non eravamo veloci con le gomme nuove, ma penso che dobbiamo solo mettere tutto insieme”.

“Penso che se posso avere il feeling che voglio e a cui siamo vicini, posso lottare per il podio. Non posso dire la vittoria, perché al momento siamo un po’ troppo lontani, ma un podio può essere un obiettivo possibile per noi”.

condivisioni
commenti
SBK, Donington, Libere 2: zampata di Gerloff, Rea insegue

Articolo precedente

SBK, Donington, Libere 2: zampata di Gerloff, Rea insegue

Prossimo Articolo

SBK, Donington, Libere 3: sul bagnato Rea guida l’1-2 Kawasaki

SBK, Donington, Libere 3: sul bagnato Rea guida l’1-2 Kawasaki
Carica commenti
Ana Carrasco: "Essere donna non conta, vincere è difficile per tutti" Prime

Ana Carrasco: "Essere donna non conta, vincere è difficile per tutti"

In questo nuovo appuntamento con Il Rosa dei Motori, Lorenza D'Adderio intervista Ana Carrasco. La campionessa del Mondiale SSP300 del 2018 si racconta, evidenziando quanto l'ottimismo e l'entusiasmo siano ingredienti fondamentali per chi, come lei, ha dovuto recuperare le forze dopo un tremendo infortunio. Una motociclista temeraria e di talento, che non è indifferente a un altro grande campione come Jonathan Rea...

WSBK
22 lug 2021
BMW sorprende a Donington: fuoco di paglia o rinascita? Prime

BMW sorprende a Donington: fuoco di paglia o rinascita?

Tom Sykes e Michael van der Mark difficilmente dimenticheranno il round di Donington, grazie ai podi conquistati e alla solidità mostrata durante tutto il weekend. BMW convince e non vuole che questi risultati siano una tantum. L’obiettivo in Olanda è dimostrare di essere cresciuti davvero e di poter dire la propria, dando prova del fatto che Donington è stato solo il punto di partenza di una rinascita.

WSBK
9 lug 2021
Profondo Rosso Redding: Donington segna l’addio al mondiale? Prime

Profondo Rosso Redding: Donington segna l’addio al mondiale?

Scott Redding mette in archivio il round di Donington, il peggiore della sua stagione fino ad ora. Due zeri e neanche un podio sono il bilancio di un weekend che potrebbe segnare la fine della lotta iridata. "Difficile ma non impossibile", dice Redding. Ma da Assen serve la svolta.

WSBK
6 lug 2021
Mara Soto: "Essere meccanico di Rea, l'occasione della vita" Prime

Mara Soto: "Essere meccanico di Rea, l'occasione della vita"

In questa puntata de "Il Rosa dei Motori", Lorenza D'Adderio intervista Mara Soto, meccanico Kawasaki nel team impegnato nel mondiale Superbike. Un viaggio attraverso i ricordi, gli obiettivi di una giovane ragazza che realizza il sogno di lavorare al fianco di un grande campione come Jonathan Rea.

WSBK
1 lug 2021
SBK: Redding crolla a Misano. È Razgatlioglu l’anti-Rea? Prime

SBK: Redding crolla a Misano. È Razgatlioglu l’anti-Rea?

Scott Redding doveva essere l’uomo incaricato di fermare il dominio di Jonathan Rea, eppure lascia Misano con l’amaro in bocca e con un distacco in classifica importante, considerando la solidità di Rea e Razgatlioglu, i due che lo precedono. Il turco convince e si avvicina il leader del mondiale. È dunque il pilota Yamaha il vero anti-Rea?

WSBK
15 giu 2021
WSBK: a Misano Rea è dominato dalla Next Generation Prime

WSBK: a Misano Rea è dominato dalla Next Generation

Prima puntata podcast di Debriefing WSBK, in cui Lorenza D'Adderio e Giacomo Rauli commentano il round di Misano Adriatico della classe regina delle moto derivate di serie. Buon ascolto!

WSBK
13 giu 2021
SBK: Rea trionfa, Redding capitola. Mondiale già scritto? Prime

SBK: Rea trionfa, Redding capitola. Mondiale già scritto?

Jonathan Rea conquista due gare su tre nel weekend dell’Estoril e allunga in classifica, approfittando di un passo falso di Scott Redding, scivolato in Gara 2 e ora inseguitore con un distacco già piuttosto importante.

WSBK
2 giu 2021
Kawasaki limitata dai giri motori ma trionfa: tutti zitti e buoni Prime

Kawasaki limitata dai giri motori ma trionfa: tutti zitti e buoni

Jonathan Rea ha dominato due delle tre gare disputate ad Aragon, round di apertura della stagione SBK. Il pilota Kawasaki è stato più forte dei limiti imposti dal regolamento e gli avversari devono già correre ai ripari.

WSBK
26 mag 2021