Redding amaro: “Sono fortunato ad aver finito la gara”

Gara 1 ad Aragon vede l’assenza di Ducati sul podio, Scott Redding è il primo dei piloti di Borgo Panigale ed è quarto e deluso. Debutto ufficiale amaro anche per Michael Ruben Rinaldi, settimo alla bandiera a scacchi.

Redding amaro: “Sono fortunato ad aver finito la gara”

L’inizio di stagione di Ducati non è stato proprio come ci si aspettava, sul podio di Gara 1 ad Aragon non è salita nemmeno una Panigale V4R e il team ufficiale ha faticato per tenere il passo dei piloti davanti, che hanno fatto la differenza. In particolare Kawasaki ha stupito, mostrando una velocità impressionante. I grandi delusi di questa prima manche sono infatti Scott Redding e Michael Ruben Rinaldi, che hanno chiuso in quarta e settima posizione rispettivamente.

Redding ha faticato a tenere il ritmo dei primi, rimanendo ai piedi del podio e precedendo di un soffio Chaz Davies, che nelle ultime fasi di gara si era fatto insidioso verso l’ex compagno di squadra. Il britannico del team Aruba.ikt Racing – Ducati commenta così la sua Gara 1: “È stata una gara difficile, la temperatura si è alzata una ventina di minuti prima della gara e abbiamo un po’ faticato in questo senso. Siamo partiti abbastanza bene, ma le due Kawasaki erano già lontane, ho pensato che probabilmente montavano le gomme SCX, ma poi è uscito fuori che non era così. Io non riuscivo a stare con loro all’inizio, ho fatto ciò che dovevo, ma avevo difficoltà con il grip in ingresso e in uscita di curva, sono arretrato un po’. Gli ultimi giri ho pensato di poter forse arrivare al podio, ma la mia gomma era completamente andata. Sono stato fortunato a finire la gara con zero gomma. Dobbiamo sistemare le cose se queste saranno le condizioni di caldo domani”.

Nel complesso però è soddisfatto della moto che ha e sa quale è stato il problema principale: “La moto lavora bene, come nei test mi sono sentito bene e avevo fiducia sulla moto. Ma il fatto è che è troppo sensibile alle temperature, se fa più fresco siamo più forti, ma se fa più caldo facciamo fatica. Lo scorso anno era l’opposto ed eravamo fortissimi con il caldo ma un po’ svantaggiati con le temperature più basse. Quindi dobbiamo capire cosa abbiamo cambiato, oggi Jonathan era veloce, aveva molto grip e non potevo competere con lui”.

Leggi anche:

“Il podio domani è un’ipotesi realistica – conclude pensando alle due gare di domani – oggi eravamo vicini al podio su una pista dove non andiamo proprio benissimo. Abbiamo le potenzialità per essere sul podio e vincere, dobbiamo solo mettere insieme il pacchetto, è la prima volta che fa così caldo quest’anno. Lavoreremo oggi e credo in Ducati, che troverà la chiave domani”.

Un po’ di delusione si legge anche nel volto di Michael Ruben Rinaldi, che alla sua prima gara da pilota ufficiale non riesce ad andare oltre la settima posizione. Sulla pista dove lo scorso anno ha trovato la prima affermazione mondiale, il romagnolo sperava di poter ottenere qualcosa di più: “È stata la mia prima gara con il team ufficiale, non posso essere soddisfatto, perché sinceramente non ho potuto esprimere il mio potenziale e non ho il feeling che vorrei. Quindi dobbiamo lavorare. Avrei preferito fare un debutto migliore di quello che c’è stato, ma abbiamo portato a casa il massimo che si poteva oggi. Questo significa che dobbiamo lavorare meglio, perché purtroppo non sono riuscito a guidare bene”.

Rinaldi però si proietta già alle due gare di domani, dove punta a migliorare: “Prospettive per la gara di domani, analizziamo i dati di oggi, che sono molto importanti. Ho spiegato bene alla mia squadra quale fosse il feeling e cosa non mi permetteva di essere veloce o di guidare come avrei voluto durante la gara. Partiamo da quei dati per creare una base per domani”.

condivisioni
commenti
SSP, Aragon: Odendaal, debutto vincente, vince Gara 1. Cluzel out

Articolo precedente

SSP, Aragon: Odendaal, debutto vincente, vince Gara 1. Cluzel out

Prossimo Articolo

Davies critico: “In Ducati SBK serve una spinta come in MotoGP”

Davies critico: “In Ducati SBK serve una spinta come in MotoGP”
Carica commenti
Bassani ora brilla: è lui il futuro di Ducati in Superbike? Prime

Bassani ora brilla: è lui il futuro di Ducati in Superbike?

Axel Bassani ha sfiorato il podio in Argentina, dopo essere stato in lotta con i tre grandi protagonisti del mondiale. Un weekend incredibile quello del pilota del team Motocorsa, che conferma il grande cammino di crescita e fa pensare che un futuro roseo per Ducati possa essere proprio nelle sue mani.

WSBK
3 o
SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi Prime

SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi

La lotta mondiale fra Toprak Razgatlioglu e Jonathan Rea è sempre più intensa, con l'avvicinarsi della fine di questa stagione così avvincente i due sono molto vicini in classifica. Questa situazione di grande equilibrio, che a Portimao ha raggiunto il culmine, ci sta consegnando una vera e propria guerra di nervi fra i due contendenti al titolo.

WSBK
6 ott 2021
Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini" Prime

Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini"

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine analizzano, oltre a quanto successo in Russia, il lutto vissuto dal mondo delle due ruote in quel di Jerez, che piange la perdita di Dean Berta Vinales

WSBK
29 set 2021
SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento Prime

SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento

La tragica scompare di Dean Berta Vinales nel sabato del round di Jerez ha scosso non solo il paddock della Superbike ma l'intero motociclismo. Insieme al dolore, sorgono però tanti interrogativi e il grido che si leva è quello dei piloti, che chiedono un cambiamento per una classe diventata troppo pericolosa.

WSBK
28 set 2021
SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante Prime

SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante

In una stagione così avvincente e con una classifica così corta, manca un po' all'appello Ducati, che vede assottigliarsi sempre di più la speranza di rivendicare il titolo a dieci anni dall'ultimo mondiale. Nonostante si mostri spesso efficace e nettamente superiore ai rivali, la Rossa di Borgo Panigale ha pagato l'incostanza in una stagione che non lascia margine di errore.

WSBK
23 set 2021
SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio? Prime

SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio?

La stagione 2021 del mondiale Superbike sta regalando una lotta iridata serratissima e senza sconti. Tuttavia, è difficile fare calcoli a causa di un calendario ancora incerto e con l'ultimo round ancora non confermato a due mesi dal termine del campionato. Con uno scenario così aperto, quanti sono dunque i punti in palio?

WSBK
16 set 2021
Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits? Prime

Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits?

La tripletta di Magny-Cours diventa una doppietta per Toprak Razgatlioglu, privato della vittoria in Superpole Race per aver superato i limiti della pista all’ultimo giro. Il caso Yamaha-Kawasaki riapre la questione dei track limits, considerati ormai un’esasperazione che condiziona fin troppo gli esiti delle gare.

WSBK
7 set 2021
Ducati brilla per incostanza, i piloti lamentano scarso sviluppo Prime

Ducati brilla per incostanza, i piloti lamentano scarso sviluppo

Al termine del round di Assen, i volti di Redding e Rinaldi sono tutt’altro che distesi. L’incostanza è il comune denominatore di una stagione che prende una piega sempre più ‘nipponica’, e i due portacolori ufficiali chiedono un maggiore sviluppo se vogliono continuare a lottare per il titolo.

WSBK
4 ago 2021