Rea si riprende la Kawasaki ad Assen. Sykes sempre più ai margini del team

Dopo un momento di difficoltà, Jonathan Rea trionfa nelle due gare di Assen e torna punto di riferimento della Superbike e, soprattutto della Kawasaki. Tom Sykes ancora una volta surclassato pensa a cambiare aria nel 2017.

Rea si riprende la Kawasaki ad Assen. Sykes sempre più ai margini del team
Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
Tom Sykes, Kawasaki Racing Team
Tom Sykes, Kawasaki Racing Team
Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team, Chaz Davies, Aruba.it Racing - Ducati Team et Tom Sykes, Kawasaki Racing Team
Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team et Chaz Davies, Aruba.it Racing - Ducati Team
Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
Tom Sykes, Kawasaki Racing Team, Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team et Nicky Hayden, Honda WSBK Team
Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team et Tom Sykes, Kawasaki Racing Team
Tom Sykes, Kawasaki Racing Team et Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
Tom Sykes, Kawasaki Racing Team

La doppietta di Assen centrata da Jonathan Rea potrebbe non fare notizia. Non è la prima in questa stagione - che è stata colta nell'appuntamento d'apertura del Mondiale Superbike 2016, in Australia - e non è una novità negli ultimi 14 mesi. Da quando è arrivato in Kawasaki, il campione del mondo in carica è l'uomo che ha ucciso la lotta per il Mondiale piloti 2015 e che sta ripetendo la medesima cosa in questo campionato, anche se in maniera più silenziosa, meno roboante, ma velenosa e sottopelle degli avversari.

Il feeling tra Rea e la Ninja 2015 era elevato. Così alto da apparire quasi le due parti combacianti della stessa mela. Amore a prima vista e un rapporto talmente in simbiosi da essere non replicabile, dando vita a una stagione probabilmente irripetibile. Poi è arrivata la ZX-10R 2016. La promessa di avere una moto anche più performante, più veloce e maneggevole. Jonathan e la nuova Ninja si sono studiati, ma l'irlandese non ha trovato il medesimo legame. Al contrario di Tom Sykes.

Sykes ha provato a riprendersi la Kawasaki

Il britannico era alla ricerca del riscatto. Non è facile vedersi affiancare un nuovo pilota e, in un attimo, trovarsi a essere il numero 2 di un team per cui hai fatto la punta di diamante sino al giorno prima. La nuova "verdona" è apparsa sin da subito cucita su misura per Tom, ma l'avvio è stato complesso: doppietta di Rea a Phillip Island. Due a zero e palla al centro. Poi la svolta e le prime vittorie stagionali. Sykes sembrava tornato in possesso del "suo" team, della "sua" moto, quella che ha contribuito a rendere vincente negli anni passati.

Assen restituisce la leadership a Rea

Le due manche di gara di Assen hanno però - forse - dato un'impronta definitiva al team. Gara 2 sul tracciato olandese. La gara inizia con l'asfalto bagnato, ma si asciuga in fretta. Rea e Sykes partono con gomme da bagnato. Vanno forte e occupano le prime posizioni. Rientrano per il cambio gomme doveroso, perché la pista è ormai secca. In Kawasaki sono pronti con le gomme intermedie e qui accade un fatto che non bisognerà sottovalutare per il resto della stagione.

Jonathan ferma la moto e vede le intermedie, ma vuole le slick. Il team obbedisce. Slick montate e Johnny vola verso la doppietta. Sykes non dice nulla e il team monta le intermedie. A fine gara, l'inglese dirà: "Abbiamo sbagliato le gomme. Volevo le slick, non le intermedie. Questo ci è costato la gara". La differenza l'ha fatta la comunicazione tra pilota e team. Rea si è esposto, ha rischiato e ha tratto beneficio dalla sua scelta (più che giusta, date le condizioni della pista), Sykes ha avallato la scelta della squadra, ma l'ha criticata all'arrivo per la scelta errata delle gomme.

In un colpo solo "Johnny" sembra aver ripreso in mano moto e team. La moto ha seguito in tutto e per tutto le volontà dell'irlandese: "In realtà non ho idea del perché sia andato così bene ad Assen. Ma la moto era perfetta. Abbiamo fatto un gran fine settimana. Ringrazio il team per il lavoro e per il supporto". Già. Quel team che, ogni gara che passa, si lega a un pilota che dimostra di essere veloce in pista, affabile ai box e intelligente nelle strategie.

Sykes sonda il mercato in ottica 2017

Nel Paddock della Superbike girano voci che Sykes sia sempre più lontano dalla Kawasaki, che ha Rea come centro di gravità. Tom potrebbe così diventare il pezzo pregiato del mercato piloti in vista del Mondiale 2017. Yamaha potrebbe fare un pensiero a "The Grinner", soprattutto se Alex Lowes dovesse continuare a essere meno incisivo di Sylvain Guintoli.

condivisioni
commenti
Savadori: "Ancora qualche giro e avrei potuto lottare per il podio!"

Articolo precedente

Savadori: "Ancora qualche giro e avrei potuto lottare per il podio!"

Prossimo Articolo

Giugliano: "Imola è sempre speciale"

Giugliano: "Imola è sempre speciale"
Carica commenti
SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante Prime

SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante

In una stagione così avvincente e con una classifica così corta, manca un po' all'appello Ducati, che vede assottigliarsi sempre di più la speranza di rivendicare il titolo a dieci anni dall'ultimo mondiale. Nonostante si mostri spesso efficace e nettamente superiore ai rivali, la Rossa di Borgo Panigale ha pagato l'incostanza in una stagione che non lascia margine di errore.

WSBK
23 set 2021
SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio? Prime

SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio?

La stagione 2021 del mondiale Superbike sta regalando una lotta iridata serratissima e senza sconti. Tuttavia, è difficile fare calcoli a causa di un calendario ancora incerto e con l'ultimo round ancora non confermato a due mesi dal termine del campionato. Con uno scenario così aperto, quanti sono dunque i punti in palio?

WSBK
16 set 2021
Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits? Prime

Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits?

La tripletta di Magny-Cours diventa una doppietta per Toprak Razgatlioglu, privato della vittoria in Superpole Race per aver superato i limiti della pista all’ultimo giro. Il caso Yamaha-Kawasaki riapre la questione dei track limits, considerati ormai un’esasperazione che condiziona fin troppo gli esiti delle gare.

WSBK
7 set 2021
Ducati brilla per incostanza, i piloti lamentano scarso sviluppo Prime

Ducati brilla per incostanza, i piloti lamentano scarso sviluppo

Al termine del round di Assen, i volti di Redding e Rinaldi sono tutt’altro che distesi. L’incostanza è il comune denominatore di una stagione che prende una piega sempre più ‘nipponica’, e i due portacolori ufficiali chiedono un maggiore sviluppo se vogliono continuare a lottare per il titolo.

WSBK
4 ago 2021
Locatelli e l’ombra Gerloff, ma Assen cambia le gerarchie Yamaha? Prime

Locatelli e l’ombra Gerloff, ma Assen cambia le gerarchie Yamaha?

Garrett Gerloff è da sempre considerato la promessa del mondiale Superbike, tanto da ricevere le attenzioni della MotoGP e aver oscurato il pilota ufficiale Yamaha Superbike Andrea Locatelli. Ma il disastro di Assen cambia le gerarchie a Iwata?

WSBK
27 lug 2021
Ana Carrasco: "Essere donna non conta, vincere è difficile per tutti" Prime

Ana Carrasco: "Essere donna non conta, vincere è difficile per tutti"

In questo nuovo appuntamento con Il Rosa dei Motori, Lorenza D'Adderio intervista Ana Carrasco. La campionessa del Mondiale SSP300 del 2018 si racconta, evidenziando quanto l'ottimismo e l'entusiasmo siano ingredienti fondamentali per chi, come lei, ha dovuto recuperare le forze dopo un tremendo infortunio. Una motociclista temeraria e di talento, che non è indifferente a un altro grande campione come Jonathan Rea...

WSBK
22 lug 2021
BMW sorprende a Donington: fuoco di paglia o rinascita? Prime

BMW sorprende a Donington: fuoco di paglia o rinascita?

Tom Sykes e Michael van der Mark difficilmente dimenticheranno il round di Donington, grazie ai podi conquistati e alla solidità mostrata durante tutto il weekend. BMW convince e non vuole che questi risultati siano una tantum. L’obiettivo in Olanda è dimostrare di essere cresciuti davvero e di poter dire la propria, dando prova del fatto che Donington è stato solo il punto di partenza di una rinascita.

WSBK
9 lug 2021
Profondo Rosso Redding: Donington segna l’addio al mondiale? Prime

Profondo Rosso Redding: Donington segna l’addio al mondiale?

Scott Redding mette in archivio il round di Donington, il peggiore della sua stagione fino ad ora. Due zeri e neanche un podio sono il bilancio di un weekend che potrebbe segnare la fine della lotta iridata. "Difficile ma non impossibile", dice Redding. Ma da Assen serve la svolta.

WSBK
6 lug 2021