Rea polemico sulla sua penalità: “La accetto, ma spero che la FIM sarà coerente in futuro”

Il Campione del mondo in carica prende atto della sanzione ricevuta per l’incidente in Gara 1 con Alex Lowes a Jerez de la Frontera, ma attacca la Federazione ed insinua il dubbio: “una persona tra i giudici mi ha detto di aver ricevuto pressioni da Yamaha”.

Rea polemico sulla sua penalità: “La accetto, ma spero che la FIM sarà coerente in futuro”

Il round di Jerez del Mondiale Superbike lascia strascichi di polemica e continua a far parlare anche una volta sventolata la bandiera a scacchi. Nell’occhio del ciclone ci sono ovviamente le penalità inflitte durante il weekend del sesto round della stagione, di cui ne hanno fatto le spese Marco Melandri e Jonathan Rea. Proprio il Campione del mondo in carica ha espresso la propria opinione alla luce degli avvenimenti che lo hanno visto protagonista in Spagna.

L’incidente con Alex Lowes avvenuto alla curva 13 dell’ultimo giro di Gara 1 era stato messo sotto investigazione dalla Direzione Gara, che in un primo momento ha deciso di mantenere la terza posizione di Rea, salito sul podio mentre il pilota Yamaha tornava mestamente ai box. Solo in un secondo momento si è poi pronunciata infliggendo una penalità pesante al portacolori Kawasaki, privato della terza posizione e arretrato in seconda, oltre ad essere costretto a partire dall’ultima casella della griglia di partenza nella Superpole Race.

Penalità che ha fatto molto discutere, c’era chi sosteneva fosse un normale incidente di gara e chi invece ha ritenuto giusto punire una manovra definita oltre il limite. Il diretto interessato si è detto ovviamente contrario alla sanzione, difendendosi e puntando il dito contro la FIM, a suo dire poco coerente nelle decisioni prese questo weekend, tenendo in considerazione anche episodi simili avvenuti in passato proprio in quella stessa curva.

Leggi anche:

“Se non avessi fatto quella manovra, Alex non sarebbe caduto, ma io sono un pilota ed il mio istinto mi ha detto di provarci. Questa penalità non viene dall’intenzione, perché ovviamente non volevo buttare a terra Lowes. In questa curva in passato abbiamo visto varie volte una situazione simile. Questi esempi sono simili all’episodio che mi ha visto protagonista e sono significativi per comprendere cosa può succedere in quel punto della pista”.

“Devo accettare la decisione, ma spero che d’ora in poi la FIM sia coerente nelle sue decisioni. Ora abbiamo una nuova persona tra i giudici e mi ha detto che ha ricevuto una forte pressione dal team manager Yamaha. All’inizio la Direzione Gara voleva confermare il mio ordine d’arrivo, poi è arrivata la penalità. È strano, ma lo accetto. Umanamente, non avrei voluto fare quella manovra, ma io sono un quattro volte campione del mondo, quindi quando vedo un buco, devo provarci”.

La penalità di Jonathan Rea e le sue parole fanno riflettere anche sulla sanzione arrivata la domenica ai danni di Marco Melandri, giudicato colpevole del contatto con Chaz Davies e del conseguente ritiro di entrambi. L’italiano del team Yamaha GRT perderà sei posizioni sulla griglia di partenza nella Superpole Race di Misano, scontando quindi la penalità al prossimo round del mondiale.

Ci si chiede dunque, alla luce dei precedenti e dei due episodi simili avvenuti a distanza di poche ore, quale sia il metro di giudizio degli organi chiamati a giudicare le manovre ed i comportamenti dei piloti in pista. Rea inoltre non attacca solo la federazione, ma insinua il dubbio che proprio chi ha il potere di decidere subisca delle pressioni che portino così a cambiare i piani.

Jonathan Rea, Kawasaki Racing, Alex Lowes, Pata Yamaha
Jonathan Rea, Kawasaki Racing, Alex Lowes, Pata Yamaha
1/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing
Jonathan Rea, Kawasaki Racing
2/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing, Michael van der Mark, Pata Yamaha
Jonathan Rea, Kawasaki Racing, Michael van der Mark, Pata Yamaha
3/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing
Jonathan Rea, Kawasaki Racing
4/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alvaro Bautista, Aruba.it Racing-Ducati Team, Jonathan Rea, Kawasaki Racing, Michael van der Mark, Pata Yamaha
Alvaro Bautista, Aruba.it Racing-Ducati Team, Jonathan Rea, Kawasaki Racing, Michael van der Mark, Pata Yamaha
5/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing, guarda da dietro la griglia
Jonathan Rea, Kawasaki Racing, guarda da dietro la griglia
6/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Jonathan Rea, Kawasaki Racing
Jonathan Jonathan Rea, Kawasaki Racing
7/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing
Jonathan Rea, Kawasaki Racing
8/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Secondo posto Jonathan Rea, Kawasaki Racing
Secondo posto Jonathan Rea, Kawasaki Racing
9/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing, Michael van der Mark, Pata Yamaha
Jonathan Rea, Kawasaki Racing, Michael van der Mark, Pata Yamaha
10/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing, Alex Lowes, Pata Yamaha
Jonathan Rea, Kawasaki Racing, Alex Lowes, Pata Yamaha
11/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Michael van der Mark, Pata Yamaha, Jonathan Rea, Kawasaki Racing
Michael van der Mark, Pata Yamaha, Jonathan Rea, Kawasaki Racing
12/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Jerez, Davies furioso attacca Melandri: “È ridicolo, ma non mi stupisce”
Articolo precedente

Jerez, Davies furioso attacca Melandri: “È ridicolo, ma non mi stupisce”

Prossimo Articolo

Rinaldi festeggia il miglior risultato stagionale: “Tutto ha funzionato alla grande”

Rinaldi festeggia il miglior risultato stagionale: “Tutto ha funzionato alla grande”
Carica commenti
Bassani ora brilla: è lui il futuro di Ducati in Superbike? Prime

Bassani ora brilla: è lui il futuro di Ducati in Superbike?

Axel Bassani ha sfiorato il podio in Argentina, dopo essere stato in lotta con i tre grandi protagonisti del mondiale. Un weekend incredibile quello del pilota del team Motocorsa, che conferma il grande cammino di crescita e fa pensare che un futuro roseo per Ducati possa essere proprio nelle sue mani.

WSBK
20 ott 2021
SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi Prime

SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi

La lotta mondiale fra Toprak Razgatlioglu e Jonathan Rea è sempre più intensa, con l'avvicinarsi della fine di questa stagione così avvincente i due sono molto vicini in classifica. Questa situazione di grande equilibrio, che a Portimao ha raggiunto il culmine, ci sta consegnando una vera e propria guerra di nervi fra i due contendenti al titolo.

WSBK
6 ott 2021
Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini" Prime

Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini"

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine analizzano, oltre a quanto successo in Russia, il lutto vissuto dal mondo delle due ruote in quel di Jerez, che piange la perdita di Dean Berta Vinales

WSBK
29 set 2021
SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento Prime

SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento

La tragica scompare di Dean Berta Vinales nel sabato del round di Jerez ha scosso non solo il paddock della Superbike ma l'intero motociclismo. Insieme al dolore, sorgono però tanti interrogativi e il grido che si leva è quello dei piloti, che chiedono un cambiamento per una classe diventata troppo pericolosa.

WSBK
28 set 2021
SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante Prime

SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante

In una stagione così avvincente e con una classifica così corta, manca un po' all'appello Ducati, che vede assottigliarsi sempre di più la speranza di rivendicare il titolo a dieci anni dall'ultimo mondiale. Nonostante si mostri spesso efficace e nettamente superiore ai rivali, la Rossa di Borgo Panigale ha pagato l'incostanza in una stagione che non lascia margine di errore.

WSBK
23 set 2021
SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio? Prime

SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio?

La stagione 2021 del mondiale Superbike sta regalando una lotta iridata serratissima e senza sconti. Tuttavia, è difficile fare calcoli a causa di un calendario ancora incerto e con l'ultimo round ancora non confermato a due mesi dal termine del campionato. Con uno scenario così aperto, quanti sono dunque i punti in palio?

WSBK
16 set 2021
Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits? Prime

Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits?

La tripletta di Magny-Cours diventa una doppietta per Toprak Razgatlioglu, privato della vittoria in Superpole Race per aver superato i limiti della pista all’ultimo giro. Il caso Yamaha-Kawasaki riapre la questione dei track limits, considerati ormai un’esasperazione che condiziona fin troppo gli esiti delle gare.

WSBK
7 set 2021
Ducati brilla per incostanza, i piloti lamentano scarso sviluppo Prime

Ducati brilla per incostanza, i piloti lamentano scarso sviluppo

Al termine del round di Assen, i volti di Redding e Rinaldi sono tutt’altro che distesi. L’incostanza è il comune denominatore di una stagione che prende una piega sempre più ‘nipponica’, e i due portacolori ufficiali chiedono un maggiore sviluppo se vogliono continuare a lottare per il titolo.

WSBK
4 ago 2021