WSBK
27 set
-
29 set
Evento concluso
11 ott
-
13 ott
Evento concluso
24 ott
-
26 ott
Evento concluso

Rea polemico sulla sua penalità: “La accetto, ma spero che la FIM sarà coerente in futuro”

condivisioni
commenti
Rea polemico sulla sua penalità: “La accetto, ma spero che la FIM sarà coerente in futuro”
Di:
11 giu 2019, 14:48

Il Campione del mondo in carica prende atto della sanzione ricevuta per l’incidente in Gara 1 con Alex Lowes a Jerez de la Frontera, ma attacca la Federazione ed insinua il dubbio: “una persona tra i giudici mi ha detto di aver ricevuto pressioni da Yamaha”.

Il round di Jerez del Mondiale Superbike lascia strascichi di polemica e continua a far parlare anche una volta sventolata la bandiera a scacchi. Nell’occhio del ciclone ci sono ovviamente le penalità inflitte durante il weekend del sesto round della stagione, di cui ne hanno fatto le spese Marco Melandri e Jonathan Rea. Proprio il Campione del mondo in carica ha espresso la propria opinione alla luce degli avvenimenti che lo hanno visto protagonista in Spagna.

L’incidente con Alex Lowes avvenuto alla curva 13 dell’ultimo giro di Gara 1 era stato messo sotto investigazione dalla Direzione Gara, che in un primo momento ha deciso di mantenere la terza posizione di Rea, salito sul podio mentre il pilota Yamaha tornava mestamente ai box. Solo in un secondo momento si è poi pronunciata infliggendo una penalità pesante al portacolori Kawasaki, privato della terza posizione e arretrato in seconda, oltre ad essere costretto a partire dall’ultima casella della griglia di partenza nella Superpole Race.

Penalità che ha fatto molto discutere, c’era chi sosteneva fosse un normale incidente di gara e chi invece ha ritenuto giusto punire una manovra definita oltre il limite. Il diretto interessato si è detto ovviamente contrario alla sanzione, difendendosi e puntando il dito contro la FIM, a suo dire poco coerente nelle decisioni prese questo weekend, tenendo in considerazione anche episodi simili avvenuti in passato proprio in quella stessa curva.

Leggi anche:

“Se non avessi fatto quella manovra, Alex non sarebbe caduto, ma io sono un pilota ed il mio istinto mi ha detto di provarci. Questa penalità non viene dall’intenzione, perché ovviamente non volevo buttare a terra Lowes. In questa curva in passato abbiamo visto varie volte una situazione simile. Questi esempi sono simili all’episodio che mi ha visto protagonista e sono significativi per comprendere cosa può succedere in quel punto della pista”.

“Devo accettare la decisione, ma spero che d’ora in poi la FIM sia coerente nelle sue decisioni. Ora abbiamo una nuova persona tra i giudici e mi ha detto che ha ricevuto una forte pressione dal team manager Yamaha. All’inizio la Direzione Gara voleva confermare il mio ordine d’arrivo, poi è arrivata la penalità. È strano, ma lo accetto. Umanamente, non avrei voluto fare quella manovra, ma io sono un quattro volte campione del mondo, quindi quando vedo un buco, devo provarci”.

La penalità di Jonathan Rea e le sue parole fanno riflettere anche sulla sanzione arrivata la domenica ai danni di Marco Melandri, giudicato colpevole del contatto con Chaz Davies e del conseguente ritiro di entrambi. L’italiano del team Yamaha GRT perderà sei posizioni sulla griglia di partenza nella Superpole Race di Misano, scontando quindi la penalità al prossimo round del mondiale.

Ci si chiede dunque, alla luce dei precedenti e dei due episodi simili avvenuti a distanza di poche ore, quale sia il metro di giudizio degli organi chiamati a giudicare le manovre ed i comportamenti dei piloti in pista. Rea inoltre non attacca solo la federazione, ma insinua il dubbio che proprio chi ha il potere di decidere subisca delle pressioni che portino così a cambiare i piani.

Scorrimento
Lista

Jonathan Rea, Kawasaki Racing, Alex Lowes, Pata Yamaha

Jonathan Rea, Kawasaki Racing, Alex Lowes, Pata Yamaha
1/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing

Jonathan Rea, Kawasaki Racing
2/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing, Michael van der Mark, Pata Yamaha

Jonathan Rea, Kawasaki Racing, Michael van der Mark, Pata Yamaha
3/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing

Jonathan Rea, Kawasaki Racing
4/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alvaro Bautista, Aruba.it Racing-Ducati Team, Jonathan Rea, Kawasaki Racing, Michael van der Mark, Pata Yamaha

Alvaro Bautista, Aruba.it Racing-Ducati Team, Jonathan Rea, Kawasaki Racing, Michael van der Mark, Pata Yamaha
5/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing, guarda da dietro la griglia

Jonathan Rea, Kawasaki Racing, guarda da dietro la griglia
6/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Jonathan Rea, Kawasaki Racing

Jonathan Jonathan Rea, Kawasaki Racing
7/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing

Jonathan Rea, Kawasaki Racing
8/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Secondo posto Jonathan Rea, Kawasaki Racing

Secondo posto Jonathan Rea, Kawasaki Racing
9/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing, Michael van der Mark, Pata Yamaha

Jonathan Rea, Kawasaki Racing, Michael van der Mark, Pata Yamaha
10/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing, Alex Lowes, Pata Yamaha

Jonathan Rea, Kawasaki Racing, Alex Lowes, Pata Yamaha
11/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Michael van der Mark, Pata Yamaha, Jonathan Rea, Kawasaki Racing

Michael van der Mark, Pata Yamaha, Jonathan Rea, Kawasaki Racing
12/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Prossimo Articolo
Jerez, Davies furioso attacca Melandri: “È ridicolo, ma non mi stupisce”

Articolo precedente

Jerez, Davies furioso attacca Melandri: “È ridicolo, ma non mi stupisce”

Prossimo Articolo

Rinaldi festeggia il miglior risultato stagionale: “Tutto ha funzionato alla grande”

Rinaldi festeggia il miglior risultato stagionale: “Tutto ha funzionato alla grande”
Carica commenti